Hawking e le forme di vita nella Via Lattea

Dice Hawking: "dovrebbero esserci molte altre stelle, i cui pianeti hanno vita su di loro. Alcuni di questi sistemi stellari potrebbero essersi formati 5 miliardi di anni prima della Terra. Allora perché la galassia non brulica di forme di vita meccaniche o biologiche che si auto-progettano?"

0
1378

Stephen Hawking è stato un cosmologo, fisico, matematico, astrofisico, accademico e divulgatore scientifico britannico.

Fra i più autorevoli e conosciuti fisici teorici al mondo, Hawking è noto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri, sulla cosmologia quantistica e sull’origine dell’universo.

Se l’argomentazione sulla scala temporale per l’apparizione della vita sulla Terra è corretta”, ha osservato Stephen Hawking, facendo eco alla famigerata domanda di Enrico Fermi – Where is Everybody – “dovrebbero esserci molte altre stelle, i cui pianeti hanno vita su di loro. Alcuni di questi sistemi stellari potrebbero essersi formati 5 miliardi di anni prima della Terra. Allora perché la galassia non brulica di forme di vita meccaniche o biologiche che si auto-progettano?“.

Nella sua famosa conferenza su “Life in the Universe“, Stephen Hawking, che è stato sepolto nel 2018 nell’angolo degli scienziati presso l’Abbazia di Westminster, tra Isaac Newton e Charles Darwin, ha chiesto: “Quali sono le possibilità che incontreremo qualche forma di vita aliena, mentre esploriamo la galassia?

Perché la Terra non è stata visitata?” – Chiede Hawking

Perché la Terra non è stata visitata e nemmeno colonizzata? 



Hawking chiede: “Sconsiglio i suggerimenti che gli UFO contengono esseri provenienti dallo spazio. Penso che qualsiasi visita di alieni sarebbe molto più ovvia e, probabilmente, anche molto più spiacevole“.

Qual è la spiegazione del motivo per cui non siamo stati visitati?” chiede Hawking. “Una possibilità è che l’argomento, sulla comparsa della vita sulla Terra, sia sbagliato. Forse la probabilità che la vita appaia spontaneamente è così bassa, che la Terra è l’unico pianeta nella galassia, o nell’universo osservabile, in cui è accaduto. Un’altra possibilità è che ci sia una ragionevole probabilità che si generino sistemi auto riproducenti, come le cellule, ma che la maggior parte di queste forme di vita non arrivi a sviluppare intelligenza“.

La domanda di Hawking prefigura una nuova ricerca sulla vita aliena

Quello che mi ha veramente sorpreso dei risultati è che potremmo trovare realisticamente segni di vita su altri pianeti nei prossimi 5-10 anni“, ha detto Caprice Phillips dell’Ohio State University, che ha guidato un team che ha modellato il modo in cui il nuovo telescopio spaziale James Webb, che verrà lanciato il 31 ottobre 2021, potrà cercare la vita.

L’umanità ha contemplato le domande: ‘Siamo soli? Cos’è la vita? La vita altrove è simile a noi?’” Ha detto Phillips. “La mia ricerca suggerisce che per la prima volta abbiamo le conoscenze scientifiche e le capacità tecnologiche per iniziare realisticamente a trovare le risposte a queste domande“, ha aggiunto.

Penso che avremo forti indicazioni di vita oltre la Terra entro un decennio, e penso che avremo prove definitive entro 20 o 30 anni“, ha detto l’allora capo scienziato della NASA Ellen Stofan nel 2015, durante una tavola rotonda concentrata sugli sforzi dell’agenzia spaziale per cercare mondi abitabili e vita aliena.

Sappiamo dove cercare. Sappiamo come guardare“, ha aggiunto Stofan. “Nella maggior parte dei casi abbiamo la tecnologia e siamo sulla buona strada per implementarla. E quindi penso che siamo decisamente in viaggio“.

L’intelligenza potrebbe non essere un valore aggiunto per la sopravvivenza a lungo termine

Siamo abituati a pensare alla vita intelligente come una conseguenza inevitabile dell’evoluzione, ha sottolineato Hawking, ma è più probabile che l’evoluzione sia un processo casuale, e l’intelligenza potrebbe essere solo uno di un gran numero di possibili esiti. 

L’intelligenza, secondo Hawking, contrariamente a quanto riteniamo a causa della nostra visione antropocentrica delle cose, potrebbe non avere alcun valore di sopravvivenza a lungo termine.

In confronto, il mondo microbico continuerà a vivere, anche se tutta la vita sulla Terra verrà spazzata via dalle nostre azioni. 

L’intuizione principale di Hawking è che l’intelligenza sia uno sviluppo improbabile per la vita sulla Terra, dalla cronologia dell’evoluzione: “Ci è voluto molto tempo, due miliardi e mezzo di anni, per passare da cellule singole a esseri multicellulari, che sono un precursore necessario dell’intelligenza. Questa è una buona frazione del tempo totale disponibile, prima che il Sole esploda. Quindi sarebbe coerente con l’ipotesi che la probabilità che la vita sviluppi intelligenza sia bassa. In questo caso, potremmo aspettarci di trovare molte altre forme di vita nella galassia, ma è improbabile che troveremo vita intelligente“.

È probabile che possa evolversi per costruire e utilizzare radiotelescopi?

Una volta che c’è vita di qualsiasi tipo, suggerisce l’astrobiologo Charles Lineweaverqual è la probabilità che si evolva in un’intelligenza simile a quella umana in grado di costruire e utilizzare radiotelescopi? Definiamo l’intelligenza in questo modo non per una perversità tecnofila geniale, ma poiché posta in questo modo, abbiamo la capacità di rispondere alla domanda cercando altri telescopi con i nostri telescopi. Finora, non sono stati identificati segnali da alieni intelligenti“.

Un’altra possibilità è che ci sia una ragionevole probabilità che la vita si formi e si evolva in esseri intelligenti, ma a un certo punto dello sviluppo tecnologico “il sistema diventa instabile e la vita intelligente si autodistrugge. Questa sarebbe una conclusione molto pessimistica. Spero vivamente che non sia vero“, conclude Hawking.


Seguici sul nostro canale Telegram

2