Intelligenza artificiale: 3 passi per una rete più smart

L’avvento dell’Intelligenza Artificiale (IA) sta aprendo nuove frontiere nella gestione delle infrastrutture urbane, ed uno studio recente condotto dall’Università del Michigan Transportation Research Institute (UMTRI) e dalla startup Utilidata ha messo in luce come gli strumenti di IA possano essere impiegati per migliorare la rete elettrica e la ricarica dei veicoli elettrici.

Questa ricerca pionieristica suggerisce che i dati in tempo reale forniti dall’Intelligenza Artificiale potrebbero essere la chiave per una rete più affidabile e per un’esperienza di ricarica ottimizzata per i conducenti di veicoli elettrici.

Intelligenza artificiale

Con l’aumento dell’adozione dei veicoli elettrici, emerge la necessità di una rete elettrica che possa gestire in modo efficiente la domanda di energia, pertanto i ricercatori dell’UMTRI e di Utilidata hanno identificato che la ricarica dei veicoli elettrici può presentare fluttuazioni significative nel consumo di energia, influenzando negativamente la qualità dell’energia fornita.

Questa variabilità può portare a un’usura prematura delle apparecchiature di ricarica e a una perdita di energia, problemi che non solo aumentano i costi per i consumatori ma possono anche comportare sfide tecniche per i fornitori di servizi pubblici.

Per affrontare queste sfide, l’UMTRI ha collaborato con Utilidata per sfruttare la piattaforma AI Karman, che è stata installata in sei stazioni di ricarica presso l’Università del Michigan, e questa tecnologia avanzata ha permesso di analizzare dati come tensione, corrente e potenza, fornendo una panoramica dettagliata del comportamento di ricarica tra marzo e giugno dell’anno precedente.

In parallelo, dispositivi di monitoraggio sono stati installati sui veicoli di dieci conducenti frequentanti il campus, offrendo una visione preziosa sulle abitudini di ricarica individuali.

Il potenziale dell’Intelligenza Artificiale

L’impiego dell’Intelligenza Artificiale in questo contesto si rivela promettente, per l’appunto i modelli di Intelligenza Artificiale possono non solo identificare i problemi esistenti ma anche prevedere come la ricarica dei veicoli elettrici potrebbe influenzare la rete in futuro, informazioni che potrebbero permettere ai servizi pubblici di anticipare e gestire meglio i picchi di domanda di elettricità, evitando così interruzioni e ottimizzando l’esperienza di ricarica per i conducenti.

I dati in tempo reale raccolti dagli strumenti di Intelligenza Artificiale sono fondamentali per comprendere e gestire la rete elettrica in modo più efficace, con la piattaforma AI Karman che ha dimostrato di essere uno strumento prezioso nell’analizzare il comportamento di ricarica dei veicoli elettrici, offrendo ai servizi pubblici dati cruciali per ottimizzare la distribuzione dell’energia, dati che possono aiutare a prevenire l’usura delle apparecchiature e a garantire una fornitura di energia più stabile e affidabile.

Intelligenza artificiale

L’IA può giocare un ruolo significativo nella previsione della domanda di energia e nella gestione dei picchi di consumo, con i modelli predittivi che possono informare le utility su come e quando i veicoli elettrici influenzeranno la rete, permettendo loro di adattarsi in modo proattivo, e pe l’appunto ciò ridurrebbe il rischio di interruzioni e migliorare l’efficienza complessiva della rete.

La collaborazione tra UMTRI e Utilidata è un esempio di come l’innovazione tecnologica e la ricerca accademica possano unirsi per affrontare sfide complesse, il progetto pilota ha gettato le basi per una ricerca più ampia che potrebbe trasformare il modo in cui pensiamo alla ricarica dei veicoli elettrici e alla gestione della rete elettrica.

Uno dei problemi emergenti identificati dallo studio è legato ai “margini della rete”, dove i clienti collegano dispositivi come batterie per veicoli elettrici e pannelli solari, ma pe l’appunto l’Intelligenza Artificiale può svolgere un ruolo cruciale nell’analizzare e gestire questi punti ciechi, garantendo che la rete possa adattarsi alle nuove forme di consumo energetico.

La visione di Siobhan Powell

Siobhan Powell, ricercatrice post-dottorato presso l’ETH di Zurigo, sottolinea l’importanza dell’Intelligenza Artificiale ai margini della rete; con l’aumento dei dispositivi connessi, diventa sempre più prezioso avere una comprensione dettagliata di ciò che accade nella rete, e l’IA può fornire questa comprensione.

Il ciclo breve e l’assorbimento di potenza incoerente sono solo alcuni dei problemi identificati dallo studio, comportamenti che possono causare inefficienze e danni alle apparecchiature, ma come precedentemente detto, l’IA può aiutare a identificare queste problematiche e proporre soluzioni per migliorare la qualità dell’energia e l’efficienza della ricarica

L’analisi dei dati in tempo reale e la previsione della domanda di energia sono fondamentali per ottimizzare la rete elettrica, malgrado ciò è importante trovare un equilibrio tra l’accesso ai dati e la privacy dei conducenti, questo perché le informazioni raccolte dai dispositivi di monitoraggio sui veicoli devono essere trattate con attenzione per garantire che i diritti e la riservatezza dei conducenti siano rispettati.

Intelligenza artificiale

L’ascesa dell’IA offre opportunità senza precedenti per migliorare la gestione della rete elettrica, le flotte di batterie per veicoli elettrici potrebbero diventare centrali elettriche virtuali, contribuendo a bilanciare l’offerta e la domanda di energia, ecco perché le utility devono prepararsi per questa transizione, investendo nell’IA e collaborando con istituti di ricerca e aziende tecnologiche.

L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando la gestione della rete elettrica e la ricarica dei veicoli elettrici, dall’analisi dei dati in tempo reale alla previsione della domanda, l’IA offre soluzioni innovative per affrontare le sfide energetiche del futuro, e con una pianificazione oculata e una collaborazione tra settori, possiamo garantire un futuro sostenibile e affidabile per la mobilità elettrica.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Articoli correlati

Popular Categories