Akatsuki: perso il contatto con l’unica sonda attiva su Venere

L'agenzia spaziale giapponese ha dichiarato di aver perso i contatti con la sua navicella spaziale Venere Akatsuki. Si tratta della missione del Giappone dedicata allo studio del clima di Venere e attualmente l'unica navicella spaziale attiva in orbita attorno al pianeta

L’agenzia spaziale giapponese ha dichiarato di aver perso i contatti con la sua intrepida navicella spaziale di Venere Akatsuki. Si tratta della missione del Giappone dedicata allo studio del clima venusiano e attualmente l’unica navicella spaziale attiva in orbita attorno al pianeta.

Akatsuki

La missione Akatsuki

La navicella spaziale da 300 milioni di dollari, lanciata nel 2010, ha avuto un inizio tutt’altro che felice durante la sua missione, non riuscendo a entrare in orbita attorno a Venere a causa di un guasto al motore principale. Tuttavia, il team dedicato è riuscito a escogitare una seconda opportunità nel 2015, dopo cinque anni di orbita attorno al Sole.

Akatsuki, conosciuta anche come Venus Climate Orbiter, da allora ha condotto ricerche scientifiche e ha prodotto alcune osservazioni insolite. Tuttavia, queste attività potrebbero essere ormai terminate.

Akatsuki
L’agenzia spaziale giapponese ha dichiarato di aver perso i contatti con la sua intrepida navicella spaziale Venere Akatsuki. Si tratta della missione del Giappone dedicata allo studio del clima di Venere e attualmente l’unica navicella spaziale attiva in orbita attorno al secondo pianeta dal Sole.

Nel resoconto della missione della JAXA per l’Akatsuki è stato dichiarato mercoledì 29 maggio 2025 che l’Istituto di Scienze Spaziali e Astronautiche (ISAS) aveva: “Perso il contatto con l’Akatsuki dopo un’operazione alla fine di aprile 2024 a causa di un lungo periodo di modalità di controllo della stabilità di assetto basso, ed è attualmente stanno lavorando per ristabilire la comunicazione con la navicella spaziale”.

La navicella potrà essere salvata?

La navicella spaziale dovrà essere in grado di mantenere un orientamento stabile per puntare la sua antenna e comunicare con la Terra: “Vi informeremo sui piani futuri una volta che saranno sistemati. Grazie per il vostro caloroso supporto“, si legge in un secondo post del team dell’Akatsuki.

Akatsuki, che significa “alba” in giapponese, ha già superato la sua missione principale. La navicella spaziale ha iniziato una fase estesa di operazioni nel 2018.

Akatsuki

Anche se questa volta la navicella non potrà essere salvata, la missione ha dimostrato le capacità di risoluzione dei problemi degli ingegneri JAXA e ha migliorato la nostra comprensione del clima di Venere e delle dinamiche atmosferiche.

Anche se l’Organizzazione Alba fosse davvero morta, il pianeta gemello della Terra potrebbe non rimanere inosservato a lungo. Le domande sul perché Venere abbia subito un forte effetto serra, che lo ha reso il pianeta più caldo del sistema solare, e le allettanti letture di potenziali biomarcatori nella sua atmosfera, significano che il pianeta sta ricevendo un rinnovato interesse.

Nuove missioni, in particolare della NASA, dell’Agenzia spaziale europe , dell’India e di una missione privata , potrebbero essere dirette su Venere più avanti nel decennio.

Conclusioni

Come già anticipato in precedenza Akatsuki è stata lanciata dal centro spaziale giapponese di Tanegashima il 20 maggio 2010, pochi giorni dopo la partenza prevista a causa di un ritardo meteorologico.

Il 7 dicembre di quell’anno, il motore principale si è acceso per iniziare l’inserimento orbitale attorno a Venere. Il motore principale è rimasto acceso solo per tre minuti, molto meno dei 12 minuti necessari per raggiungere l’orbita. I funzionari erano preoccupati quando paragonavano l’Organizzazione Alba al fallimento di Nozomi, la loro unica altra missione planetaria, appena sette anni prima.

Akatsuki

Ci si aspettava che Akatsuki osservasse Venere in lunghezze d’onda che vanno dall’ultravioletto all’infrarosso a onde lunghe, attraverso i suoi sei strumenti. Questi includevano un imager ultravioletto, una fotocamera da 1 micrometro, una fotocamera da 2 micrometri, una fotocamera a infrarossi a onde lunghe, una fotocamera per fulmini e bagliore d’aria e un oscillatore ultrastabile.

Quest’ultimo strumento viene utilizzato per osservare le onde radio tra l’Akatsuki e la Terra mentre attraversano l’atmosfera venusiana, rivelando informazioni sulla temperatura e sui vapori di acido solforico. Tuttavia, la fotocamera da 1 µm e quella da 2 µm sono state messe offline a causa del consumo energetico instabile.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments