Scoperto dalla NASA il punto d’impatto di Hakuto-R

Il tentativo di ispace di diventare la prima azienda privata a far atterrare in sicurezza un lander sulla Luna ha lasciato un segno: il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA in orbita nello spazio vicino vicino alla Terra ha individuato il punto d’impatto del veicolo sulla superficie lunare.

L’azienda giapponese sperava che la sua missione Hakuto-R avrebbe dimostrato la capacità di raggiungere in sicurezza la Luna in modo da poter cavalcare le molte commissioni future della NASA e di altre compagnie private per la consegna di carichi lunari. Non è un compito facile; due dei tre tentativi precedenti sono falliti. E purtroppo, il lander Hakuto ha esaurito il carburante per i suoi motori a razzo mentre scendeva verso la superficie, facendolo schiantare, una testimonianza degli alti rischi del volo spaziale.

Il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA gira intorno alla Luna dal 2009, mappandone attentamente la superficie. Adesso ha rilasciato le prime immagini del sito dell’impatto, che hanno richiesto agli scienziati del Goddard Space Flight Center e dell’Arizona State University di cercare attentamente i cambiamenti sulla superficie lunare (L’LRO ha fatto lo stesso dopo che il lander Beresheet di SpaceIL si è schiantato nel 2019).

Per aiutarti a orientarti, ecco una mappa della Luna centrata sul cratere dell’Atlante, dove Hakuto-R stava tentando di atterrare.

Il quadrato rosso evidenzia il cratere dell'Atlante.
Il quadrato rosso evidenzia il cratere interessato

Ecco lo stesso cratere, un po’ più vicino:

Il cratere dell'Atlante.

Un’altra immagine dove le lettere indicano i punti d’impatto di parti del lander proiettate lontano dall’impatto. La lettera A indica il punto d’impatto originale:

348476815 830449585345821 267292180221433600 n

Ed ecco un’immagine di LRO con il sito dell’impatto evidenziato:

Immagine: NASA/GSFC/Arizona State University
Immagine: NASA/GSFC/Arizona State University

E infine, ecco un’immagine in cui gli scienziati combinano i dati degli scatti prima e dopo per evidenziare le differenze tra loro; l’area di impatto è di circa 60-80 metri di diametro.

Immagine: NASA/GSFC/Arizona State University
Immagine: NASA/GSFC/Arizona State University

Sebbene la perdita del lander Hakuto sia stata una delusione, ispace prevede di proseguire con almeno altre due missioni: un altro tentativo con il suo lander della serie Hakuto e una missione combinata con la società statunitense Draper Labs, che ha un contratto per mandare strumenti scientifici sulla Luna per la NASA.

L’agenzia spaziale spenderà 2,6 miliardi di dollari appaltando a società private la consegna di merci sulla Luna negli anni a venire, con Astrobotic e Intuitive Machines che sperano di lanciare i propri lander e competere per essere la prima organizzazione privata a raggiungere la superficie lunare nel 2023.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Articoli correlati

Popular Categories