La sonda Parker fotografa la superficie di Venere

La sonda solare Parker della Nasa ha catturato un incredibile primo piano del pianeta Venere, che potete vedere come immagine in evidenza dell’articolo.

Come ha fatto?

La missione Solar Parker Probe, lanciata nel 2018, ha lo scopo di studiare il Sole e svelare alcuni dei suoi misteri. Nel corso di sette anni, la sonda viaggerà attraverso l’atmosfera solare e si avvicinerà alla superficie della nostra stella più di qualsiasi altra navicella spaziale precedente.

Venere e la sonda Parker

Venere è determinante per il successo della sonda. La sonda utilizza la gravità di Venere per accelerare mentre gira intorno al pianeta, la cosiddetta fionda gravitazionale, per aiutare a piegare l’orbita della sonda e portarla sempre più vicino al Sole.

Durante uno di questi sorvoli di Venere, l’11 luglio 2020, la sonda ha scattato un’immagine straordinaria che mostra un lato inaspettato del nostro vicino planetario. Questa è stata la terza fionda gravitazionale di Venere per la sonda solare Parker.

Lo strumento WISPR del veicolo spaziale, o Wide-field Imager per Parker Solar Probe, stava attivamente scattando immagini durante il flyby e catturato il lato notturno di Venere. L’immagine è stata scattata a 7.693 miglia dal pianeta.

Il bordo luminoso del pianeta

Un bordo leggermente luminoso può essere visto intorno al pianeta, che gli scienziati ritengono essere “bagliore notturno”, o la “luce emessa dagli atomi di ossigeno in alto nell’atmosfera che si ricombinano in molecole nel lato notturno”, secondo la Nasa.

Le strisce luminose visibili nell’immagine sono il risultato della polvere spaziale e dei raggi cosmici, o particelle cariche, che riflettono la luce solare. Le strisce hanno un aspetto leggermente diverso a seconda della velocità di spostamento della sonda. C’è anche una caratteristica notevolmente scura al centro dell’immagine. È conosciuta come Afrodite Terra, che è la più grande regione degli altopiani su Venere. Il motivo per cui sembra così scura nell’immagine è perché in realtà si trova a una temperatura di 85 gradi Fahrenheit inferiore rispetto alle aree circostanti.

Che cos’è lo strumento WISPR

Lo strumento WISPR è stato progettato per la sonda in modo che possa raccogliere immagini della corona solare, o atmosfera esterna, nella luce visibile. L’imager può anche catturare il vento solare in azione. Il vento solare è un flusso costante di particelle energizzate che fluiscono dal Sole.

Quando si è girato per guardare Venere, WISPR ha regalato una sorpresa agli scienziati del team. Invece di vedere le nuvole, è apparsa la superficie di Venere. Venere ha un’atmosfera incredibilmente densa che in passato si è rivelata difficile da esaminare con strumenti su altri veicoli spaziali. “WISPR ha catturato efficacemente l’emissione termica della superficie venusiana” ha detto Brian Wood, astrofisico e membro del team WISPR del US Naval Research Laboratory di Washington, DC, in una dichiarazione.

Il lavoro di Akatsuki

Akatsuki è un orbiter giapponese che gira intorno a Venere dal 2015. Consente agli scienziati di studiare i modelli meteorologici di Venere, cercare i fulmini tra le spesse nuvole del pianeta e cercare segni di vulcani attivi. Ciò che WISPR è stato in grado di fare nella luce visibile è simile a ciò che Akatsuki ha catturato di Venere nel vicino infrarosso, ha spiegato Wood. Angelos Vourlidas, lo scienziato del progetto per WISPR del Johns Hopkins Applied Physics Laboratory nel Maryland, ha coordinato una campagna di imaging per la missione Akatsuki.

Cosa sta accadendo

Sta succedendo una delle due cose. O il WISPR è effettivamente sensibile alla luce infrarossa e la rileva quando passa accanto a Venere, il che potrebbe aprire nuove possibilità di studiare la polvere intorno al sole, oppure l’imager sta guardando attraverso l’atmosfera di Venere e fino alla superficie.

In un comunicato della Nasa, Vourlidas ha affermato: “In ogni caso, ci aspettano alcune interessanti opportunità scientifiche”.

Parker Solar Probe ha appena condotto il suo quarto sorvolo di Venere il 20 febbraio, passando per 1.482 miglia dalla superficie del pianeta, quindi il team ha pianificato un’altra serie di osservazioni del lato notturno venusiano. Questi dati dovrebbero essere ricevuti entro la fine di aprile, secondo la NASA.

Questo sorvolo ha messo in rotta Parker Solar Probe per l’ottavo e il nono passaggio ravvicinato del Sole, che si verificheranno il 29 aprile e il 9 agosto.

Ogni passaggio del sole porta la sonda a battere il proprio record precedente, avvicinandosi di oltre un milione di miglia rispetto al passaggio precedente. Questi passaggi porteranno la sonda a 6,5 ​​milioni di miglia dalla superficie del sole.

“Non vediamo l’ora di ricevere queste nuove immagini”, ha detto Javier Peralta, un astrofisico del team Akatsuki. Peralta è stato il prima a suggerire una collaborazione tra Parker Solar Probe e la missione giapponese.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Complotto della Terra piatta: ecco perché non ha fondamento

La convinzione che la Terra sia piatta non è...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Ossigeno oscuro: straordinario ritrovamento a 4000 metri

La recente scoperta di un “ossigeno oscuro” prodotto da...

Articoli correlati

Popular Categories