Gli incendi hanno bruciato l’Antartide 75 milioni di anni fa

Un nuovo studio ha scoperto che gli incendi violenti hanno attraversato l’Antartide 75 milioni di anni fa, quando i dinosauri ancora vagavano per la Terra.

Durante il tardo Cretaceo (da 100 milioni a 66 milioni di anni fa), uno dei periodi più caldi della Terra, l’isola di James Ross in Antartide ospitava una foresta temperata di conifere, felci e piante da fiore note come angiosperme, nonché una moltitudine di dinosauri. Ma non era un paradiso totale; antichi paleo-fuochi hanno bruciato parti di quelle foreste fino a renderle croccanti, lasciandosi dietro resti di carbone che gli scienziati hanno ora raccolto e studiato.

“Questa scoperta amplia le conoscenze sul verificarsi di incendi di vegetazione durante il Cretaceo, dimostrando che tali episodi erano più comuni di quanto si immaginasse in precedenza”, ha affermato la ricercatrice a capo dello studio Flaviana Jorge de Lima, paleobiologa presso l’Università Federale di Pernambuco a Recife, in Brasile.

La prima prova di un incendio in Antartide

La scoperta segna la prima prova registrata di un paleo-incendio sull’isola di James Ross, una parte della penisola antartica che ora si trova sotto il Sud America. La scoperta aggiunge la prova che gli incendi spontanei erano comuni in Antartide durante l’età campana (da circa 84 milioni a 72 milioni di anni fa); nel 2015, in uno studio separato, i ricercatori hanno documentato la prima prova nota di incendi boschivi dell’era dei dinosauri nell’Antartide occidentale, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Paleogeography, Palaeoclimatologia, Palaeoecology

Un pezzo di carbone fossilizzato accanto a una moneta.
Un pezzo di carbone fossilizzato accanto a una moneta.

Per il nuovo lavoro, un team internazionale di scienziati ha analizzato i fossili raccolti durante una spedizione 2015-2016 nella parte nord-orientale dell’isola di James Ross. Questi fossili contenevano frammenti di piante che sembravano residui di carbone, che si erano deteriorati nelle ultime decine di milioni di anni.

Il campo sull'isola di James Ross in Antartide.
Il campo sull’isola di James Ross in Antartide.

I frammenti di carbone erano piccoli: i pezzi più grandi e sottili come carta erano solo 0,7 per 1,5 pollici (19 per 38 millimetri). Ma le immagini al microscopio elettronico a scansione hanno rivelato la loro identità: questi fossili sono gimnosperme bruciate, probabilmente di una famiglia botanica di conifere chiamata Araucariaceae, hanno scoperto i ricercatori. 

Gli intensi incendi boschivi erano frequenti e diffusi durante il tardo Cretaceo, sebbene la maggior parte delle prove di questi incendi si trovi nell’emisfero settentrionale, con alcuni casi documentati nell’emisfero meridionale in quelle che oggi sono la Tasmania, la Nuova Zelanda e l’Argentina, hanno detto i ricercatori. 

Durante il tardo Cretaceo, il supercontinente di Gondwana si stava disgregando, lasciando luoghi come l’Antartide più isolati di prima. Questa regione priva di ghiaccio aveva molte fonti di ignizione, tra cui fulmini, palle di fuoco dovute alla caduta di meteore e attività vulcanica, oltre a vegetazione infiammabile e alti livelli di ossigeno, che aiutano a bruciare gli incendi, hanno osservato i ricercatori. 

“L’Antartide ha avuto un’intensa attività vulcanica causata dalla tettonica durante il Cretaceo, come suggerito dalla presenza di resti fossili in strati legati alle cadute di cenere”, hanno scritto i ricercatori nello studio. “È plausibile che l’attività vulcanica abbia acceso il paleo-incendio selvaggio che ha creato il carbone qui riportato”.

Ora, i ricercatori stanno cercando nuove registrazioni di paleo-incendi in altre località dell’Antartide.

Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista Polar Research.

 
 

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Il modello linguistico Gemini rivoluziona la robotica

In un ufficio open space a Mountain View, California,...

Articoli correlati

Popular Categories