14.6 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIl nuovo telescopio orbitale della NASA SPHEREx studierà le origini dell'universo e...

Il nuovo telescopio orbitale della NASA SPHEREx studierà le origini dell’universo e non solo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La NASA ha annunciato una missione spaziale di due anni per studiare l’inizio e l’evoluzione dell’universo e determinare quanto comuni siano gli ingredienti per la vita all’interno dei sistemi planetari della nostra galassia, la Via Lattea.

Lo Spectro-Photometer, Epoch of Reionization e Ices Explorer, soprannominato SPHEREx, è previsto per il lancio nel 2023 ed è costato 242 milioni di dollari, esclusi i costi di lancio.
Questa straordinaria missione sarà un tesoro di dati unici per gli astronomi“, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la Direzione delle missioni scientifiche della NASA. “Fornirà una mappa della galassia senza precedenti contenente le impronte digitali  dell’universo fin dai suoi primi momenti e ci darà nuovi indizi su uno dei più grandi misteri della scienza: cosa ha fatto espandere l’universo così rapidamente meno di un nanosecondo dopo il Big Bang?
SPHEREx utilizzerà la luce nel vicino infrarosso, oltre che ottica, per scandagliare il cielo con cicli di sei mesi e raccogliere dati da oltre 100 milioni di stelle nella Via Lattea, oltre a 300 milioni di galassie. Queste saranno le galassie nel nostro vicinato cosmico insieme ad alcune che sono così lontane che ci sono voluti 10 miliardi di anni perché la loro luce raggiungesse i nostri telescopi.
La tecnologia utilizzata per creare SPHEREx è stata adattata da ciò che viene utilizzato sui nostri satelliti e sulla sonda spaziale Mars, ha fatto sapere la NASA in una dichiarazione.
Durante la sua ricerca sulla Via Lattea, SPHEREx cercherà molecole organiche e acqua nelle aree in cui nascono le stelle, chiamate vivai stellari. Questi vivai, così come i dischi attorno alle stelle che formano nuovi pianeti, potrebbero contenere gli ingredienti per la vita così come la conosciamo. Recentemente, in queste aree sono state individuate sostanze sorprendenti come il sale.
Grazie a questa missione sarà possibile creare una mappa del cielo usando 96 diverse bande di colore con una risoluzione maggiore rispetto a qualsiasi precedente mappa del cielo. E come altre missioni NASA, SPHEREx aiuterà ad identificare gli obiettivi per le prossime missioni come il James Webb Space Telescope.
Sono davvero entusiasta di questa nuova missione“, ha dichiarato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine. “Si tratta di un ulteriore tassello nel grande spiegamento di forze delle missioni spaziali degli Stati Uniti dedicate alla scoperta dei misteri dell’universo, come parte di un programma scientifico equilibrato che include missioni di varie dimensioni“.

Articoli più letti