Il Lunar Reconnaissance Orbiter ha avvistato Chang’e 6 – Foto

Il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA ha dato ha iniziato le sue prime osservazioni alla navicella spaziale cinese Chang'e 6, situata sul lato nascosto della Luna

Il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA ha dato ha iniziato le sue prime osservazioni alla navicella spaziale cinese Chang’e 6, situata sul lato nascosto della Luna.

Mattoni di polvere lunare, Mengzhou, silenzio radio, rover segreto della Cina, Lunar Reconnaissance Orbiter

Le osservazioni del Lunar Reconnaissance Orbiter

Il lander Chang’e 6 è fiancheggiato da due crateri di dimensioni simili ad esso e si trova sul bordo di un cratere molto più sottile, largo circa 50 metri, ha dichiarato Mark Robinson, il principale investigatore del sistema di telecamere dall’occhio acuto a bordo del Lunar Reconnaissance Orbiter.

Lunar Reconnaissance Orbiter
Questa immagine della Lunar Reconnaissance Orbiter Camera della NASA mostra il lander cinese Chang’e 6 nel bacino Apollo, sul lato nascosto della Luna, il 7 giugno 2024. Il lander è visto come il piccolo ammasso di pixel luminosi al centro dell’immagine. (Credito immagine: NASA/GSFC/Arizona State University)

Il Lunar Reconnaissance Orbiter ha individuato Chang’e 6 all’interno del bacino Apollo, sul lato nascosto della Luna, il 7 giugno 2024. Il lander è visto come un piccolo ammasso di pixel luminosi al centro dell’immagine.

LRO ha ripreso la navicella spaziale cinese Chang’e 6 per il ritorno dei campioni sul lato nascosto della Luna, cinque giorni dopo l’ atterraggio di quest’ultima.

I primi scatti

Il team della Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) ha calcolato le coordinate del sito di atterraggio come meno 41,6385 gradi di latitudine nord e 206,0148 gradi di longitudine est, a meno 5.256 metri di elevazione rispetto alla superficie lunare media, con una precisione orizzontale stimata di più o meno 30 metri.

L’aumento della luminosità del terreno che circonda il lander è dovuto al disturbo del motore del lander stesso ed è simile alla zona dell’esplosione vista attorno ad altri lander lunari“, ha dichiarato il team Lunar Reconnaissance Orbiter Camera.

I membri del team LROC hanno anche pubblicato un’immagine della stessa area scattata il 3 marzo 2022, per mostrare come appariva prima dell’atterraggio di Chang’e 6 e per evidenziare la presenza della navicella spaziale sulla superficie lunare.

Lunar Reconnaissance Orbiter
Animazione prima/dopo che mostra l’apparizione del lander cinese Chang’e 6 sul lato nascosto della Luna. La maggiore luminosità del terreno che circonda il lander è dovuta al disturbo del motore del lander ed è simile alla zona dell’esplosione vista attorno ad altri lander lunari. L’immagine prima è del 3 marzo 2022 e l’immagine dopo è del 7 giugno 2024.(Credito immagine: NASA/GSFC/Arizona State University)

Il sito di atterraggio di Chang’e 6 è situato su un mare, un “maredi roccia vulcanica raffreddata, all’estremità meridionale del bacino dell’Apollo.

Robinson e colleghi dell’Arizona State University notano che la lava basaltica ha eruttato a sud del cratere Chaffee S circa 3,1 miliardi di anni fa e è fluita verso est, fino a incontrare un picco topografico locale, probabilmente correlato a una faglia.

Diverse creste di rughe in questa regione hanno deformato e sollevato la superficie della cavalla”, afferma la descrizione dell’immagine LROC: “Il sito di atterraggio si trova all’incirca a metà strada tra due di queste creste. Il flusso di lava si sovrappone anche a un flusso leggermente più vecchio (~3,3 Ga), visibile più a est, ma il flusso più giovane è caratteristico perché ha più ossido di ferro (FeO) e ossido di titanio. (TiO2)”. (“Ga” in gergo scientifico significa “miliardi di anni fa”).

Chang’e 6 è stata lanciata dalla provincia di Hainan, nel sud della Cina, il 3 maggio, con l’obiettivo di riportare sulla Terra, per la prima volta, campioni lunari dal lato nascosto della Luna.

Dopo aver completato la raccolta di campioni lunari, il segmento ascendente della sonda è partito dalla superficie lunare con il prezioso carico il 3 giugno.

Dopo essersi riunito con l’orbiter della missione Chang’e 6 e aver completato il trasferimento del campione lunare, il segmento di ritorno continua a orbitare attorno alla Luna, in attesa del momento di iniziare il viaggio di ritorno sulla Terra.

Conclusioni

Si prevede che la capsula di ritorno della missione atterrerà sul nostro pianeta intorno al 25 giugno con il suo carico di oggetti lunari. La capsula si paracaduterà in una zona di atterraggio prescelta a Siziwang Banner, nella regione autonoma della Mongolia Interna, nel nord della Cina, concludendo la sua missione spaziale di 53 giorni.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments