Chang’e-6 ha trasferito campioni lunari sulla navicella spaziale e sta tornando sulla Terra

La sonda cinese Chang'e-6 ha trasferito i campioni raccolti dal lato nascosto della Luna a un veicolo spaziale in orbita lunare e sta tornando sulla Terra

La sonda cinese  trasferito giovedì 6 giugno 2024 i campioni raccolti dal lato nascosto della Luna a un veicolo spaziale in orbita lunare, ha riferito l’agenzia di stampa statale Xinhua.

Chang'e-6

Chang’e-6 ha raccolto e consegnato i campioni lunari

Dopo aver ricevuto i campioni, la navicella spaziale senza equipaggio ritornerà sulla Terra, con un atterraggio previsto nella regione cinese della Mongolia Interna il 25 giugno. In caso di successo, la Cina sarà il primo paese in assoluto a restituire materia lunare dal lato nascosto della Luna.

La sonda Chang’e-6 è decollata martedì 4 giugno 2024 dal lato nascosto della Luna, dopo aver trascorso due giorni sulla superficie a scavare campioni. Mentre si trovava sulla Luna, la sonda ha dispiegato una bandiera cinese fatta di basalto, un materiale abbondante sulla superficie lunar3.

Chang'e-6

La missione è stata motivo di orgoglio nazionale in Cina. Il lancio della sonda a maggio 2024 ha attirato migliaia di turisti nella provincia meridionale dell’isola di Hainan e ogni sua mossa successiva, dall’atterraggio sul lato nascosto della Luna al viaggio di ritorno sulla Terra, è stata un elemento virale sui social media cinesi.

Il successo della missione Chang’e-6

Il successo del trasferimento, avvenuto giovedì 6 giugno 2024, dei preziosi campioni, che gli scienziati sperano possano rivelare di più sulle origini del sistema solare, arriva anche mentre gli Stati Uniti esprimono crescenti preoccupazioni circa i progressi nei programmi di esplorazione lunare e spaziale della Cina.

Mercoledì 5 giugno, alla domanda sulla missione Chang’e-6, il capo dell’agenzia spaziale americana NASA, Bill Nelson, si è congratulato con la Cina, ma le ha chiesto di essere più aperta riguardo alle sue attività spaziali.

Nelson ha ripetutamente avvertito che gli Stati Uniti sono impegnati in una “corsa allo Spazio” con la Cina per tornare sulla Luna e che la Cina avrebbe rivendicato come proprie tutte le risorse idriche che avesse trovato sul suolo lunare.

Atlante lunare: una mappatura in alta definizione e in 3D

Rispondendo ai commenti di Nelson, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha controbattuto che il successo del campionamento della sonda Chang’e-6 sul lato nascosto della Luna e la partenza da esso rappresentano passi storici per “l’uso pacifico dello spazio da parte dell’umanità” e che molti paesi hanno elogiato la missione.

Mao ha anche criticato l’emendamento Wolf, una legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel 2011 che vieta alla NASA di collaborare con “la Cina o qualsiasi azienda di proprietà cinese a meno che tali attività non siano specificatamente autorizzate”.

L’attuale cooperazione spaziale Cina-USA deve affrontare alcuni problemi e difficoltà, la causa principale è che le leggi nazionali statunitensi come l’emendamento Wolf hanno ostacolato i normali scambi e dialoghi tra le agenzie spaziali dei due paesi”, ha concluso Mao.

Conclusioni

La missione cinese Chang’e-6 ha raggiunto lo scopo di riportare campioni lunari, ma è anche un trampolino di lancio verso un’esplorazione spaziale molto più ambiziosa.

Chang’e-6, che somiglia a una mini versione del modulo di ritorno della navicella spaziale cinese Shenzhou, verrà rilasciata poco prima che l’orbiter raggiunga la Terra.

Per prima cosa Chang’e-6 rimbalzerà sull’atmosfera terrestre per contribuire a disperdere parte dell’energia derivante dal suo ritorno ad alta velocità dalla Luna, quindi precipiterà attraverso l’atmosfera per consegnare i campioni a un’area di atterraggio nelle praterie della Mongolia Interna.

Portare questi campioni, prelevati da un vasto cratere da impatto noto come bacino del Polo Sud-Aitken (SPA), ai laboratori potrebbe portare una serie di inestimabili vantaggi scientifici.

La luna si sta restringendo, Slim, SCALPSS, Mengzhou, Viper, silenzio radio

Le rocce raccolte da Chang’e-6 saranno in particolare le prime provenienti dal lato nascosto della Luna, mentre le missioni Apollo hanno tutte visitato il lato visibile: “Speriamo che questi ci aiutino a capire perché il lato vicino e quello lontano della Luna sono così geologicamente diversi l’uno dall’altro”.

I campioni raccolti ci aiuteranno anche a datare l’enorme bacino d’impatto stesso, facendo luce su quando enormi embrioni planetari colpirono la Luna nella sua storia iniziale“.

La missione Chang’e-6 smentisce anche alcune delle ambizioni ancora più grandiose della Cina. Queste manovre saranno utili per esercitarsi in un’altra possibile missione: prelevare campioni da Marte.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments