Il legame tra il morbo di Parkinson e l’agricoltura

Sebbene la genetica giochi un ruolo molto importante nella malattia di Parkinson (MdP), molti ricercatori ritengono che l'esposizione ambientale aumenti anche il rischio di una persona di sviluppare la malattia

210

Sebbene la genetica giochi un ruolo importante nella malattia di Parkinson (MdP), molti ricercatori ritengono che l’esposizione ambientale aumenti anche il rischio di una persona di sviluppare la malattia. Ci sono studi che dimostrano che gli agricoltori e altri lavoratori agricoli hanno maggiori possibilità di contrarre il PD.

Il morbo di Parkinson è stato descritto per la prima volta nel 1817 dal Dr. James Parkinson, un medico britannico. Colpisce 1 persona su 100 di età superiore ai 60 anni. Può colpire anche i giovani. L’età media di insorgenza è di 60 anni. 

Il morbo di Parkinson è un disturbo complesso del sistema nervoso centrale. È la seconda malattia neurodegenerativa più comune negli Stati Uniti, dopo il morbo di Alzheimer.

I sintomi del morbo di Parkinson

I sintomi che definiscono il morbo di Parkinson sono tremore, lentezza nei movimenti, rigidità e disturbi dell’equilibrio e della coordinazione. Man mano che questi sintomi diventano più evidenti, i pazienti hanno difficoltà a camminare, parlare o eseguire semplici compiti. Possono anche soffrire di depressione, disturbi del sonno e altri problemi.

La progressione dei sintomi nel MP può richiedere 20 anni o più. Tuttavia, in alcune persone la malattia progredisce molto più velocemente.

All’inizio degli anni ’60, gli scienziati hanno determinato che la perdita di cellule cerebrali causasse il morbo di Parkinson. Le cellule che erano vuote producevano dopamina, una sostanza chimica che aiuta a controllare l’attività muscolare. Oggi, il PD viene trattato con farmaci e chirurgia.

Morbo di Parkinson
Morbo di Parkinson

Le terapie

I farmaci per il morbo di Parkinson si dividono in tre categorie. Il primo include farmaci che aumentano il livello di dopamina nel cervello. La seconda categoria colpisce i neurotrasmettitori nel corpo per alleviare alcuni dei sintomi della malattia. La terza categoria comprende farmaci che aiutano a gestire i sintomi non motori della malattia, come la depressione.

Ci sono due trattamenti chirurgici comunemente usati per il PD: pallidotomia e stimolazione cerebrale profonda. Poiché queste procedure sono invasive, di solito sono riservate ai pazienti affetti da Parkinson gravemente colpiti che non ricevono un adeguato sollievo dai farmaci.

I chirurghi hanno scoperto che rimuovendo o distruggendo le aree del cervello che “non funzionavano correttamente”, alcuni sintomi del Parkinson potevano essere alleviati. Uno di questi interventi è la pallidotomia.

Gli scienziati hanno scoperto che possono imitare gli effetti della pallidotomia attraverso la stimolazione cerebrale profonda (DBS). Con la DBS, un elettrodo viene impiantato nel cervello in modo da calmare l’attivazione neuronale anormala. La DBS è ora l’intervento chirurgico primario per il PD.

Un’ampia varietà di terapie complementari e di supporto può essere utilizzata per il morbo di Parkinson. Queste terapie includono tecniche di riabilitazione standard, che possono aiutare con problemi come disturbi dell’andatura e della voce, tremori e rigidità e declino cognitivo. L’esercizio fisico può aiutare le persone a migliorare la loro mobilità.

Sebbene il Parkinson sia una malattia complessa, la ricerca ha fatto grandi passi avanti negli ultimi anni. Arrestare la progressione del morbo di Parkinson, ripristinare le funzioni perdute e persino prevenire la malattia sono ora considerati obiettivi realistici.