Raccolte colonie di batteri dai fondali marini: le scoperte potrebbero aiutare la ricerca della vita su Marte

Un team di ricercatori ha rilevato dai fondali marini dell'oceano Pacifico, una colonia di batteri vecchia 100 milioni di anni e quello che ha scoperto potrebbe aiutare nelle prossime missioni finalizzate a trovare la vita su Marte

0
1857

Più di 100 milioni di anni fa nel mezzo di ciò che noi umani chiamiamo Oceano Pacifico, la roccia vulcanica aveva formato un duro “seminterrato” di fondale marino dove i sedimenti hanno iniziato ad accumularsi.

Nel mezzo del Pacifico, l’acqua lontana dalle coste dell’Australia e della Nuova Zelanda è tra le più limpide e poco “abitate” al mondo. C’è poca vita in superficie, quindi molta meno materia organica scende sul fondo del mare per formare sedimenti. Ciò che riesce a raggiungere i fondali viene immediatamente aspirato dai pochi abitanti che lo popolano, come i cetrioli di mare.

È il grande bioma meno esplorato sulla Terra, anche se copre il 70% della superficie terrestre“, ha affermato Steven D’Hondt, che ha co-guidato la spedizione ed è co-autore di un nuovo documento in Nature Communications: “E ne sappiamo così poco.”

D’Hondt e i suoi colleghi erano in missione per sondare la vita di questi antichi sedimenti: gran parte del fondale marino potrebbe essere composto da cenere vulcanica trasportata sull’oceano dai venti dopo essere stata soffiata via dalla bocca dei vulcani, così come da frammenti metallici caduti dallo spazio: “C’è una frazione misurabile di detriti cosmici“, ha spiegato D’Hondt. “Se strascichi attraverso l’argilla superficiale con un magnete, tirerai fuori micrometeoriti“.

Per prelevare i detriti, il team di ricercatori ha perforato 75 metri di sedimenti superfini, fino ad arrivare sulla roccia vulcanica che costituisce la base del letto di sedimenti, quindi hanno raccolto i loro campioni. Da precedenti trivellazioni nelle vicinanze, sapevano che avrebbero prelevato fango di 101,5 milioni di anni: la sedimentazione si deposita in questa parte del mare a una velocità di circa 10 centimetri ogni milione di anni.

Campioni di sedimenti in mano, Yuki Morono, un geomicrobiologo dell‘Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina-terrestre (nota come JAMSTEC) e autore principale del nuovo documento, doveva cercare microbi ultra-piccoli nei sedimenti. In linea di principio, il processo avrebbe dovuto essere semplice. Si è usata una sostanza chimica che macchia il DNA, evidenziando i batteri nei loro nascondigli in mezzo a molte altre particelle sedimentarie.



Quello che trovò fu sorprendente: 1011 cellule per centimetro cubo di sedimento dove, in teoria, avrebbero dovuto essercene pochissime. I coordinatori di JAMSTEC erano estatici: “Sembravano risultati rivoluzionari, in grado di riscrivere i libri di testo o qualcosa del genere ma qualcosa mi preoccupava “, ricorda Morono che, rianalizzando i risultati aveva scoperto che qualcosa era davvero strano: “nel giro di circa un anno e mezzo, ho potuto dimostrare che i risultati erano sbagliati: oltre il 99 percento delle cellule rilevate dalla tecnologia precedente non erano cellule“.

Il problema si è rivelato essere quel prodotto chimico colorante del DNA: oltre al DNA, ha anche macchiato altre particelle sedimentarie, piccoli frammenti sferici che assomigliano molto a una cellula: “I batteri erano colorati di un colore verdastro, mentre i composti organici o le particelle organiche che hanno assorbito la macchia di DNA hanno assunto un colore giallastro“, ha dichiarato Morono. Questa volta, la nuova tecnica di esame ha rivelato che quasi tutta la colonia di batteri era costituita da normali  sedimenti.

Per verificarne la vitalità i batteri estratti dal sedimento sono stati impiantati in una cultura di letame, lontano dal loro habitat naturale, eppure, i microrganismi sono riusciti a sopravvivere.

Ma come hanno fatto i batteri a sopravvivere così a lungo nel letame, lontano dall’acqua marina che fornisce ossigeno? Si è scoperto che questi profondi ecosistemi, in cui gli organismi si sono evoluti per sopravvivere con un’estrema scarsità di risorse, hanno un vantaggio rispetto ai vivaci fondali marini in cui una gran quantità di microbi consuma la materia organica e anche l’ossigeno.

Devono stare fermi lì per molto tempo, in una specie di animazione sospesa, per motivi geologici, in attesa di condizioni migliori. Infine, quando le condizioni diventano più favorevoli, essi possono rianimarsi “, afferma il geomicrobiologo Fumio Inagaki, direttore dell’Ufficio JAMSTEC, che ha co-guidato la spedizione e co-autore del nuovo documento: “Penso che questo studio fornisca alcune informazioni cruciali per comprendere l’adattabilità della della vita sulla Terra al mutare delle condizioni e, ovviamente, questo potrebbe valere anche per altri pianeti, come il sottosuolo di Marte. Certo, la superficie di Marte potrebbe non essere il luogo ideale per la ricerca della vita e per uno studio di abitabilità, ma andando in profondità penso che potrebbe esserci la possibilità di trovare la vita ”, Ha concluso lo scienziato.

2