Il Giappone invierà sulla Luna veicoli alimentati ad acqua lunare

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha affermato che intende impegnarsi in una missione di esplorazione lunare a partire dalla metà degli anni 2030, facendo uso di combustibile a idrogeno che sarebbe prodotto localmente dall'acqua estratta dai depositi di ghiaccio lunare

1535

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha affermato che intende impegnarsi in una missione di esplorazione lunare a partire dalla metà degli anni 2030, facendo uso di combustibile a idrogeno che sarebbe prodotto localmente dall’acqua estratta dai depositi di ghiaccio lunare, Lo ha riferito il Japan Times.
Si prevede che l’uso dell’acqua locale e del carburante derivato dall’acqua costerà molto meno rispetto al trasporto del carburante dalla Terra. Secondo le stime della JAXA, saranno necessarie 37 tonnellate d’acqua per un viaggio da e verso il Gateway, una stazione spaziale in orbita lunare che verrà costruita insieme agli Stati Uniti. Complessivamente, sono previste da cinque a sette missioni di questo tipo.
Il polo sud lunare, sperano i ricercatori, vedrà la costruzione di una fabbrica di carburante intorno al 2035. La JAXA ha previsto che il carburante verrà utilizzato in un veicolo spaziale riutilizzabile incaricato di trasportare quattro astronauti da e verso il Gateway e un veicolo di trasporto dotato di un’autonomia fino a 1.000 chilometri sulla superficie della Luna, con una bassa gravità, una caratteristica che renderà il veicolo di trasporto senza ruote. Il ministero della scienza giapponese prevede di richiedere un livello record di 280 miliardi di yen (2,7 miliardi di dollari) per JAXA nella sua indagine sul budget per il prossimo anno fiscale. Negli ultimi dieci anni, i fondi annuali del ministero non hanno superato i 190 miliardi di yen (1,8 miliardi di dollari).
Non solo gli Stati Uniti e il Giappone hanno espresso l’intenzione di scavare risorse idriche sulla Luna. La Cina, che ha già fatto atterrare un veicolo spaziale senza pilota sulla superficie lunare, prevede di inviare una sonda sulla Luna entro la fine dell’anno per raccogliere campioni di suolo.
In modo indipendente, il gigante dell’industria spaziale russa Korolev Rocket & Space Corporation Energy ha recentemente creato e brevettato un mezzo per far volare i cosmonauti sulla Luna senza un nuovo costoso razzo. Per far atterrare i cosmonauti sulla Luna e riportarli a casa, il sistema brevettato richiede un razzo Soyuz-2.1a e tre razzi Angara A5V aggiornati.
Secondo il capo dell’agenzia spaziale russa ROSCOMOS, Dmitriy Rogozin, che ha recentemente indicato la Cina come il partner più probabile per la Russia per creare una nuova base sul satellite naturale della Terra, la Russia State Corporation for Space Activities (Roscosmos) prevede di lanciare un volo con equipaggio sulla Luna entro il 2030.