17.6 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeEsplorazione SpazialeI venti notturni di Venere vanno nella direzione opposta a quella che...

I venti notturni di Venere vanno nella direzione opposta a quella che pensavamo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

È stato difficile ottenere immagini notturne delle nuvole di Venere nonostante quasi 60 anni di osservazioni sul pianeta che una volta speravamo fosse il gemello della Terra.

Ora, però, i ricercatori giapponesi affermano di aver modificato i sensori a infrarossi o di ricerca del calore di una missione di lunga durata per mostrarci il tempo del pianeta gemello della Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In questione non è solo il clima estremo in opera su Venere, ma anche il suo bizzarro sistema meteorologico. Le nuvole girano così velocemente che i ricercatori si riferiscono al ritmo del loro volteggio globale come “super-rotazione“.

Le singole caratteristiche delle nuvole venusiane appaiono come sfocate alle telecamere dei veicoli spaziali in orbita.

I modelli di nuvole su piccola scala nelle immagini dirette sono deboli e spesso indistinguibili dal rumore di fondo. [Quindi] per vedere i dettagli, dobbiamo sopprimere il rumore“, ha dichiarato il membro del team Takeshi Imamura, professore presso la scuola di specializzazione in scienze di frontiera dell’Università di Tokyo.

Come ti dirà qualsiasi fotografo di astronomia esperto, abbiamo da tempo tecniche consolidate per evidenziare le cose che vogliamo vedere e nascondere le cose che non ci interessano.

Fortunatamente, lo studente laureato dell’Università di Tokyo e autore principale dello studio Kiichi Fukuya ha sviluppato un software di correzione per alleviare la sfocatura, consentendo finalmente agli scienziati che studiano Venere della missione giapponese Akatsuki di intravedere i venti nord-sud che dominano il clima del pianeta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con sorpresa, i ricercatori hanno visto che i venti fluiscono in direzioni opposte a quelle previste di notte, il che potrebbe cambiare il modo in cui pensiamo al tempo anche su altri pianeti oltre a Venere.

Un cambiamento così drammatico non può verificarsi senza conseguenze significative“, ha affermato Imamura. “Questa osservazione potrebbe aiutarci a costruire modelli più accurati del sistema meteorologico venusiano che, si spera, risolveranno alcune vecchie domande senza risposta sul clima venusiano e probabilmente anche sul clima terrestre“.

E prima raccogliamo i dettagli del tempo, meglio è.

Nei prossimi anni diversi veicoli spaziali saranno inviati su Venere per studiare questo pianeta da vicino. Gli scienziati hanno affermato che a Venere manca una “cadenza” di missioni che ci permetta di tracciare il clima e i modelli climatici di superficie; poiché abbiamo lanciato una missione su Venere solo una volta ogni dieci anni, ci sono lacune nei dati.

Ma questo è destinato a cambiare nel prossimo decennio, poiché Venere riceverà improvvisamente una serie di visitatori a un ritmo che siamo più abituati a vedere per le missioni su Marte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le varie missioni includono DaVinci+ e Veritas (della NASA) e EnVision (dell’Agenzia spaziale europea).

Inoltre, una mini-missione pianificata dalla società Rocket Lab nel 2023 potrebbe aprire la strada a una nuova serie di minuscole missioni planetarie incentrate su una singola cosa; in futuro, una flotta di tali mini-astronavi potrebbe lavorare insieme in situ per darci un’immagine più ampia di Venere a un costo relativamente basso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un articolo sul recente studio sui venti di Venere è stato pubblicato su Nature.

Articoli più letti