I “vapori” di sigarette elettroniche contengono piombo e altri metalli tossici

Lo svapo è popolare in parte perché fornisce nicotina e somiglia al fumo di tabacco senza i rischi estremi per la salute che comporta il fumo. Tuttavia, le prove che lo svapo non sia del tutto sicuro continuano ad accumularsi.

0
7439
Indice

Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, quantità significative di metalli tossici, tra cui piombo liberato da alcune bobine di riscaldamento, sono presenti negli aerosol inalati dagli utenti delle sigarette elettroniche,
Nello studio, pubblicato online su Environmental Health Perspectives il 21 febbraio scorso, gli scienziati hanno esaminato i dispositivi per sigarette elettroniche appartenenti ad un campione di 56 utenti. Si è scoperto che un numero significativo di dispositivi genera aerosol con livelli potenzialmente pericolosi di piombo, cromo, manganese e / o nichel. L’inalazione cronica di questi metalli è stata collegata a danni ai polmoni, al fegato, al sistema immunitario, cardiovascolare e cerebrale e persino ai tumori.
La Food and Drug Administration ha l’autorità di regolamentare le sigarette elettroniche, ma sta ancora valutando cosa fare. La constatazione che le sigarette elettroniche espongono gli utenti – noti come svapers – a livelli potenzialmente dannosi di metalli tossici potrebbe fare di questo tema un tema centrale delle future regole della FDA.
È importante che la FDA, le compagnie di sigarette elettroniche e gli stessi utenti sappiano che queste bobine di riscaldamento, così come attualmente fabbricate, sembrano perdere metalli tossici che poi penetrano negli aerosol che inalano gli utilizzatori di sigarette elettroniche“, afferma Ana María, del dipartimento di ingegneria e salute ambientale della scuola di Bloomberg, autore senior dello studio.
Le sigarette elettroniche in genere usano una corrente elettrica alimentata a batteria che passa attraverso una bobina di metallo per riscaldare gli “e-liquid” contenenti nicotina, creando un aerosol, una miscela che comprende un liquido vaporizzato elettronicamente e goccioline liquide di piccole dimensioni.
Lo svapo, la pratica di inalare questo aerosol come se fosse fumo di sigaretta, è ora popolare soprattutto tra adolescenti, giovani adulti ed ex fumatori. Un sondaggio del 2017 su studenti di scuole pubbliche e private, sponsorizzato dall’Istituto nazionale sull’abuso di droghe, ha rilevato che circa uno su sei aveva usato sigarette elettroniche nei 30 giorni precedenti.
Lo svapo è popolare in parte perché fornisce nicotina e somiglia al fumo di tabacco senza i rischi estremi per la salute che comporta il fumo. Tuttavia, le prove che lo svapo non sia del tutto sicuro continuano ad accumularsi.
Studi recenti hanno scoperto che i liquidi per sigarette elettroniche contengono aromi e altri prodotti chimici che danneggiano le cellule nei test tossicologici standard. Altri studi, hanno rilevato livelli significativi di metalli tossici nei liquidi elettronici esposti alla serpentina di riscaldamento delle sigarette elettroniche.
Per il nuovo studio, Rule e i suoi colleghi, tra cui l’autore principale Pablo Olmedo, PhD, che era ricercatore post-dottorato presso la Bloomberg School al momento del suo lavoro sullo studio, hanno reclutato 56 utenti giornalieri di sigarette elettroniche. Lavorando con i dispositivi dei partecipanti, che hanno portato al laboratorio dei ricercatori della Bloomberg School, gli scienziati hanno testato la presenza di 15 metalli negli e-liquid nei distributori di ricarica dei vapers, gli e-liquid nei loro serbatoi di sigarette elettroniche contenenti bobine e negli aerosol generati.
Coerentemente con studi precedenti, hanno trovato quantità minime di metalli negli e-liquid all’interno dei distributori di ricarica, ma quantità molto maggiori di alcuni metalli negli e-liquid che erano stati esposti alle bobine di riscaldamento all’interno dei serbatoi delle sigarette elettroniche. La differenza indica che i metalli provengono quasi sicuramente dalle bobine. Ancora più importante, gli scienziati hanno dimostrato che la contaminazione da metalli è stata trasferita agli aerosol prodotti dal riscaldamento degli e-liquidi.
Dei metalli significativamente presenti negli aerosol, piombo, cromo, nichel e manganese sono quelli che destano più preoccupazione, poiché tutti sono tossici se inalati.
La concentrazione media di piombo negli aerosol, ad esempio, era di circa 15 μg / kg, o più di 25 volte maggiore del livello mediano nei distributori di ricarica. Quasi il 50 percento dei campioni di aerosol presentava concentrazioni di piombo superiori ai limiti di salute definiti dall’Agenzia per la protezione ambientale. Allo stesso modo, le concentrazioni medie di aerosol di nichel, cromo e manganese si sono avvicinate o hanno superato i limiti di sicurezza.
Questi erano solo livelli mediani“, afferma Rule. “I livelli effettivi di questi metalli variavano notevolmente da campione a campione e spesso erano molto più alti dei limiti di sicurezza“.
Le bobine di riscaldamento per sigarette elettroniche sono in genere fatte di nichel, cromo e pochi altri elementi, rendendole le fonti più evidenti di contaminazione, sebbene la fonte del piombo rimanga un mistero.
Un altro mistero è esattamente come i metalli arrivano dalla bobina nell’e-liquid circostante. “Non sappiamo ancora se i metalli vengano rilasciati chimicamente dalla bobina o vaporizzano con il riscaldamento“, afferma Rule. In uno studio precedente sui 56 svapers, condotto da Angela Aherrera, MPH, uno studente DrPH della Bloomberg School, i livelli di nichel e cromo nelle urine e nella saliva si sono rivelati correlati a quelli misurati nell’aerosol, confermando che gli utenti di sigarette elettroniche sono esposto a questi metalli.
I ricercatori hanno osservato, tuttavia, che le concentrazioni di metalli negli aerosol tendono ad essere più elevate per le sigarette elettroniche con bobine cambiate più frequentemente, suggerendo che bobine nuove emettono metalli più facilmente.
I ricercatori hanno anche rilevato livelli significativi di arsenico, un elemento simile al metallo che può essere altamente tossico, nel riempimento di e-liquid e nel corrispondente serbatoio di e-liquid e campioni di aerosol da 10 dei 56 vapers. Il modo in cui l’arsenico è entrato in questi liquidi elettronici è l’ennesimo mistero e un altro potenziale focus per i regolatori.
Rule e il suo team stanno ora pianificando ulteriori studi sullo svapo e sulle esposizioni di metalli, con particolare attenzione ai loro impatti sulle persone. “Abbiamo stabilito con questo studio che ci sono esposizioni a questi metalli, che è il primo passo, ma dobbiamo anche determinarne gli effetti sulla salute“, ha concluso.
Pubblicazione: Pablo Olmedo, et al., “Concentrazioni di metalli nei campioni di liquido per sigarette elettroniche e aerosol: il contributo di bobine metalliche”, Environmental Health Perspectives, 2018; DOI: 10,1289 / EHP2175

2