Archeologia subacquea in Australia

Un team di archeologi ha identificato due siti archeologici sottomarini al largo della costa nord-occidentale dell'Australia: Cape Bruguieres e Flying Foam Passage.

0
1996
Indice

Il termine “archeologia subacquea” spesso fa venire in mente immagini di relitti di navi sommerse, ma un nuovo studio mostra che probabilmente ci sono molti importanti indizi sulla storia umana nascosti sotto il fondo del mare ed è possibile trovarli.
Un team di archeologi ha identificato due siti archeologici sottomarini al largo della costa nord-occidentale dell’Australia: Cape Bruguieres e Flying Foam Passage. La scoperta segna i primi siti sottomarini trovati nel continente ed è stata riportata sulla rivista ad accesso aperto PLoS One.
I nostri risultati rappresentano il primo passo di un viaggio di scoperta che ci permetterà di esplorare il potenziale dell’archeologia sulle piattaforme continentali per colmare una lacuna importante nella storia umana“, ha detto alla CNN il primo autore Jonathan Benjamin, archeologo della Flinders University di Adelaide.

Benjamin e il suo team hanno trovato 269 manufatti in pietra a Cape Bruguieres. La datazione al carbonio ha posto i manufatti a circa 7000 anni fa. Sono state trovate scaglie di pietra che erano state tagliate da rocce più grandi per essere usate per tagliare o raschiare, rocce a forma di cono probabilmente usate per macinare e due oggetti che sembrano stati usati per macinare pietre.
Il secondo sito, Flying Foam Passage, è una sorgente d’acqua dolce a diversi metri sotto la superficie dell’oceano. Sul posto è stato trovato uno strumento di pietra vecchio di 8.500 anni simile a quelli trovati a Cape Bruguieres. I ricercatori ipotizzano che lo strumento sia arrivato in quest’area perché gli aborigeni australiani potrebbero aver usato la sorgente come fonte di acqua dolce prima che venisse sommersa con l’innalzamento del livello del mare.

L’Australia era un terzo più grande durante l’ultimo periodo glaciale, che è durato da 110.000 a 10.000 anni fa, rispetto ad oggi. Durante quel periodo ci furono molti importanti momenti della storia umana: gli umani impararono a costruire barche, a pescare e raccogliere altre risorse dagli habitat marini.
L’ultimo periodo glaciale si è concluso circa 10.000 anni fa. Gli archeologi hanno a lungo ipotizzato che molti indizi sulla prima storia umana siano rimasti sotto il livello del mare dopo l’innalzamento delle acque.
L’archeologia subacquea non è semplice come l’archeologia. Ad esempio, il sale e la sabbia nell’acqua di mare possono erodere gli artefatti e le correnti possono spostarli su lunghe distanze o seppellirli sotto spessi strati di sedimenti. Molti dei manufatti trovati erano coperti di alghe, coralli, spugne e altre forme di vita marina che ne hanno reso difficile l’identificazione. Infine, è difficile, pericoloso e costoso raggiungere siti offshore. Quindi, gli archeologi vogliono assicurarsi che ci siano buone probabilità di trovare qualcosa prima di prepararsi per le immersioni subacquee.
Per esplorare potenziali siti, il team ha mappato la costa australiana usando fotografie aeree e LiDAR. Hanno usato droni telecomandati per esplorare l’area dall’alto e un sistema sonar per ottenere una disposizione accurata del fondo oceanico in 3D.

2