Prepariamoci per due comete: come, quando e dove vedere le comete NEOWISE e Lemmon a luglio

Nei prossimi giorni avremo la possibilità di vedere con una certa facilità ben due comete. Ecco quali e le istruzioni per vederle.

25433

Riusciremo a vedere una cometa ad occhi nudi quest’estate?
L’osservazione delle comete non è un hobby per gli impazienti. Dopo la Cometa Atlas e la Comet Swan passate da poco, c’è ora l’occasione di intravedere sue nuovi gelidi visitatori in arrivo dalle profondità del sistema solare.
La cometa F3 NEOWISE (chiamata anche C / 2020 F3 (NEOWISE), che potrebbe essere visibile ad occhio nudo tra la metà e la fine di luglio, e la cometa U6 Lemmon (nota anche come C / 2019 U6), che potrebbe presto essere visibile con un semplice binocolo.

Come vedere la cometa NEOWISE ad occhio nudo

F3 NEOWISE è cometa di lungo periodo, scoperta dal telescopio spaziale NEOWISE (Near Earth Objects) il 27 marzo scorso e tornerà ad affacciarsi dalle nostre parti solo tra circa 6.800 anni.
Ha toccato il punto più vicino al Sole il 3 luglio e, secondo Comet Watch, potrebbe “aumentare drasticamente la luminosità mentre la roccia ghiacciata flirta con il Sole a luglio e potrebbe raggiungere la seconda o la terza magnitudine (ben all’interno del regno della visibilità ad occhio nudo)”.
Ci sono notizie secondo cui ha sviluppato una seconda coda.
Attualmente visibile nell’emisfero meridionale, potrebbe diventare abbastanza luminosa da essere vista ad occhio nudo – e certamente attraverso un binocolo – nell’emisfero settentrionale dalla seconda settimana di luglio mentre attraversa le costellazioni dei Gemelli, l’Auriga, la Lince e l’Orsa Maggiore.
Il momento e il luogo migliori in cui guardare saranno sopra l’orizzonte a nord-est poco prima dell’alba.
Ecco una guida per individuarla fornita da Sky and Telescope.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come vedere la cometa Lemmon usando il binocolo

Un’altra cometa di lungo periodo scoperta dall’osservatorio Mount Lemmon Survey il 31 ottobre 2019, è la cometa Lemmon che, dopo questo passaggio, tornerà nel sistema solare interno tra circa 5.200 anni.
Ha appena toccato il punto più vicino al Sole e alla Terra della sua traiettoria, e durante giugno era proprio al limite dell’essere visibile ad occhio nudo, più facilmente visibile attraverso il binocolo per gli osservatori nell’emisfero meridionale.
Questa settimana attraversa l’equatore celeste – la proiezione nello spazio dell’equatore terrestre – andando verso nord, quindi sta diventando visibile nell’emisfero settentrionale dopo il tramonto. Dal 4 luglio sarà all’interno della costellazione del Leone, una settimana dopo in Vergine, e verso la fine di luglio nella Chioma di Berenice.
Ecco come individuarla con la pratica guida di  Sky and Telescope.