I nostri antenati addomesticavano le volpi?

La nostra comprensione delle volpi e del loro rapporto con gli esseri umani sta cambiando con le nuove scoperte archeologiche

La nostra concezione delle volpi, viste come animali furbi e talvolta cinici, nemici dell’uomo, sta cambiando. Questo anche grazie alle nuove scoperte archeologiche. Potrebbe essere che la volpe un tempo fosse la migliore amica dei nostri antenati, come al giorno d’oggi lo sono i cani? In questo articolo tratteremo proprio tale tema: gli antichi un tempo addomesticavano questi splendidi canidi?

Ebbene, partiamo subito col dire che negli ultimi dieci anni gli archeologi hanno scoperto prove che le volpi potrebbero essere state tenute come animali domestici migliaia di anni fa o, per lo meno, tollerate in giro per gli insediamenti umani. Per saperne di più sulla relazione tra le volpi ei nostri antenati, Maria Gatta ha riassunto in uno suo recente articolo pubblocato su Gizmodo le ultime scoperte scientifiche e del loro significato per la nostra comprensione dell’addomesticamento degli animali nella storia umana.

Gli antichi seppellivano le volpi?

Lo studio più recente dei siti di sepoltura archeologici in cui sono stati trovati sia volpi che esseri umani è avvenuto in Spagna. Il sito apparteneva a una società agricola, una che coltivava orzo e legumi e si prendeva cura del bestiame come pecore e bovini. Ricercatori di diversi istituti e università hanno analizzato le ossa raccolte nel luogo di sepoltura. Hanno studiato gli isotopi presenti nel collagene conservato nelle ossa, che possono fornire informazioni sulle diete degli individui. 

Nelle ossa umane, possiamo conoscere la dieta di un adulto negli ultimi 5-10 anni di vita. Nei giovani cani adulti, i dati sulla dieta vanno da sei mesi a tre anni. La prima scoperta significativa è stato il ritrovamento di ossa di volpe da parte dei ricercatori. Di questo ritrovamento ne ha parlato Aurora Grandal-d’Anglade, la ricercatrice capo e docente senior presso l’Università di A Coruña.

D’Anglade: “Le volpi venivano sepolte come altri animali domestici

Aurora Grandal-d’Anglade ha spiegato: “La volpe era già una scoperta sorprendente, poiché nelle sepolture di Can Roqueta c’erano solo animali domestici” e inoltre: “Più tardi, quando hanno collaborato con ricercatori di altri siti, hanno visto che c’erano più casi e questa era una chiave per considerare che le volpi avevano un valore speciale“. I risultati mostrano che le volpi avevano una dieta simile a quella di alcuni umani e cani. 

Ciò suggerisce un livello di interazione più elevato rispetto a quanto precedentemente ipotizzato tra queste società e le volpi 4.000 anni fa. Inoltre, il team ha trovato qualcosa di sorprendente: una delle quattro volpi, quella con la dieta più simile a quella umana (grandi quantità di proteine ​​vegetali), aveva guarito le ossa rotte. Il modo in cui le ossa sono state guarite è compatibile con l’immobilizzazione delle ossa fratturate, presumibilmente da parte dell’uomo.

Una scoperta speciale

La frattura guarita nella zampa della volpe è stata una scoperta che ha attirato l’attenzione del team che lavora a Can Roqueta dal momento dello scavo“, ha detto Grandal-d’Anglade. “Quando sono venuto a collaborare con gli zooarcheologi con le analisi isotopiche, avevamo previsto per la volpe una firma isotopica in qualche modo diversa da quella di un carnivoro selvatico, ma si è rivelata più speciale del previsto“. 

Oltre a trovare somiglianze tra la dieta delle volpi e quella degli esseri umani e dei loro cani, i ricercatori hanno scoperto che, nel caso della volpe ferita, la sua dieta conteneva un’importante quantità di proteine ​​vegetali. Questa dieta è simile a quella dei cani giovani del sito, ricca di cereali. Questo potrebbe indicare che la volpe è stata nutrita dagli esseri umani, almeno per un periodo prima della sua morte. Tuttavia, la firma isotopica non è sufficientemente specifica per verificarlo.

Lo studio svizzero-tedesco

Sebbene abbia studiato una sepoltura molto più antica, di circa 15.000 anni, uno studio simile in Germania e Svizzera ha anche rilevato differenze tra le diete delle volpi che circondano gli insediamenti umani e le volpi selvatiche. In quello studio, tuttavia, la dieta della volpe era ancora abbastanza distinta da quella degli umani, indicando una relazione commensale, in cui le volpi avrebbero ottenuto avanzi di cibo dagli umani, in un modo o nell’altro.

Articoli più letti

Related articles