I gamberi del cambriano furono i pionieri dello sviluppo del senso della vista

I grandi artropodi sottomarini simili a gamberi che vivevano nelle profondità oceaniche hanno guidato l'evoluzione della vista

894

I radiodonta, un ordine di artropodi del gruppo staminale, vissuti nel periodo Cambriano, hanno sviluppato occhi sofisticati 500 milioni di anni fa, adattandosi alla luce fioca delle acque profonde. E’ quanto emerge da uno studio internazionale, condotto dal professor John Paterson, del Palaeoscience Research Center, dell’Università del New England, in collaborazione con l’Università di Adelaide, il South Australian Museum e il Natural History Museum (Regno Unito).

Il nostro studio fornisce nuove informazioni critiche sull’evoluzione dei primi ecosistemi di animali marini”, ha detto il professor Paterson, che ha inoltre aggiunto: “in particolare, sosteniamo l’idea che la visione abbia svolto un ruolo cruciale durante l’esplosione del Cambriano, una fase fondamentale nella storia in cui la maggior parte dei principali gruppi di animali apparve per la prima volta durante una rapida esplosione di evoluzione oltre mezzo miliardo di anni fa“.

Vivevano a profondità fino a 1000 metri

I radiodonta, che significa “denti radianti“, sono un gruppo di artropodi che hanno dominato gli oceani circa 500 milioni di anni fa. Le molte specie condividono una struttura corporea simile, che comprende una testa con un paio di grandi appendici segmentate per catturare la preda, una bocca circolare con denti seghettati e un corpo simile a un calamaro. Ora sembra probabile che alcuni vivessero a profondità fino a 1000 metri e avessero sviluppato occhi grandi e complessi per compensare la mancanza di luce, in questo ambiente estremo.

Quando sorsero sistemi visivi complessi, gli animali potevano percepire meglio l’ambiente circostante. Questo potrebbe aver alimentato una corsa agli armamenti evolutiva tra predatori e prede. Una volta stabilita, la visione è diventata una forza trainante nell’evoluzione e ha contribuito a plasmare la biodiversità e le interazioni ecologiche che vediamo oggi.

I fossili trovati in Australia rendono un quadro più chiaro sui primi animali della Terra

Alcuni dei primi fossili di radiodonta, scoperti più di un secolo fa, erano parti del corpo isolate e i primi tentativi di ricostruzione hanno portato ai “mostri di Frankenstein“. Ma negli ultimi decenni molte nuove scoperte, inclusi interi corpi radiodonta, hanno fornito un quadro più chiaro della loro anatomia, diversità e possibili stili di vita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il coautore della ricerca, il professore Diego García-Bellido dell’Università di Adelaide e del South Australian Museum, ha affermato che il ricco tesoro di fossili di Emu Bay Shale, sull’isola di Kangaroo Island, in Australia meridionale, in particolare, ha contribuito a costruire un quadro più chiaro dei primi animali della Terra.

L’Emu Bay Shale è l’unico posto al mondo che conserva gli occhi con lenti di radiodonti cambriani. Gli oltre trenta esemplari di occhi che abbiamo ora, hanno gettato nuova luce sull’ecologia, il comportamento e l’evoluzione di questi, i più grandi animali vivi mezzo miliardo di anni fa“, Ha detto García-Bellido.

Il radiodont Anomalocaris uno dei migliori predatori di 500 milioni di anni fa

Nel 2011, il team ha pubblicato due articoli sulla rivista “Nature” sugli occhi dei composti fossili di Emu Bay Shale di 513 milioni di anni fa a Kangaroo Island. Il primo articolo su questo argomento ha documentato campioni di occhi isolati fino a un centimetro di diametro, ma il team non è stato in grado di assegnarli a una specie nota di artropodi. Il secondo articolo riportava dettagliatamente gli occhi inseguiti di Anomalocaris, un predatore alto fino a un metro di lunghezza.

Il nostro nuovo studio identifica il proprietario degli occhi dal nostro primo documento del 2011 al Anomalocaris briggsi, che rappresenta un nuovo genere che deve ancora essere formalmente nominato“, ha detto Paterson. Infatti il radiodont Anomalocaris, con i suoi grandi occhi peduncolati, è considerato uno dei migliori predatori che nuotò negli oceani oltre 500 milioni di anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team ha scoperto esemplari molto più grandi di questi occhi fino a quattro centimetri di diametro che possiedono una zona acuta distintiva, che è una regione di lenti ingrandite al centro della superficie dell’occhio che migliora la cattura della luce e la risoluzione.

Anomalocaris briggs vedeva in una luce molto fioca in profondità

Le grandi lenti di Anomalocaris briggsi suggeriscono che poteva vedere in una luce molto fioca in profondità, simile ai crostacei di anfipodi, un tipo di creatura simile a un gambero che esiste oggi. Le spine frastagliate sulle sue appendici filtravano il plancton che rilevava guardando verso l’alto.

Il dottor Greg Edgecombe, ricercatore presso il Natural History Museum di Londra e coautore dello studio, ha aggiunto che i radiodonti del Sud Australia mostrano che le diverse strategie di alimentazione per catturare o filtrare le prede sono messe in parallelo da differenze negli occhi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il predatore ha gli occhi attaccati alla testa sugli steli, ma l’alimentatore del filtro li ha sulla superficie della testa. Più impariamo su questi animali, più diversificata è la loro struttura corporea e la loro ecologia“, ha spiegato Edgecombe.

I nuovi campioni mostrano anche come gli occhi sono cambiati con la crescita dell’animale. Le lenti si sono formate ai margini degli occhi, diventando più grandi e aumentando di numero in grandi esemplari, proprio come in molti artropodi viventi. Il modo in cui gli occhi composti crescono è rimasto coerente da oltre 500 milioni di anni.

Fonte: https://phys.org/news/2020-12-incredible-vision-ancient-marine-creatures.html

---L'articolo continua dopo la pubblicità---