Hubble ha visto una stella risucchiata da un buco nero

I dati spettroscopici di Hubble sono interpretati come provenienti da un'area di gas molto luminosa, che un tempo doveva essere una stella

0
1829
Hubble ha notato una stella risucchiata da un buco nero
Hubble ha visto una stella risucchiata da un buco nero

Hubble ha registrato una stella mentre veniva risucchiata da un buco nero.

I dati spettroscopici del telescopio sono interpretati come provenienti da un’area di gas molto luminosa, che un tempo doveva essere appunto una stella. I buchi neri sono raccoglitori, non cacciatori. Rimangono in agguato fino a quando una stella sfortunata passa loro accanto. Quando la stella si avvicina abbastanza, la presa gravitazionale del buco nero la squarcia violentemente e ne divora i gas mentre erutta intense radiazioni.

Gli astronomi che utilizzano il telescopio spaziale Hubble della NASA hanno registrato in dettaglio gli ultimi momenti di una stella mentre viene inghiottita da un buco nero.

Questi eventi sono definiti come “eventi di interruzione delle maree“. Ma la formulazione smentisce la violenza complessa e cruda di un incontro con un buco nero. C’è un equilibrio tra la gravità del buco nero che attrae materiale stellare e la radiazione che espelle materiale. In altre parole, i buchi neri sono mangiatori disordinati.

Gli astronomi stanno usando Hubble per scoprire i dettagli di ciò che accade quando una stella precipita nell’abisso gravitazionale.

Hubble non può esporsi troppo

Hebble ha fotografato il caos dell’evento di marea AT2022dsb, la stella “mangiata” che si trova a quasi 300 milioni di anni luce di distanza, al centro della galassia ESO 583-G004. Ma gli astronomi hanno usato la potente sensibilità ultravioletta di Hubble per studiare la luce della stella distrutta, che include idrogeno, carbonio e altro. La spettroscopia fornisce indizi forensi sull’omicidio del buco nero.



Circa 100 eventi di interruzione delle maree attorno ai buchi neri sono stati rilevati dagli astronomi utilizzando vari telescopi. La NASA ha recentemente riferito che molti dei suoi osservatori spaziali ad alta energia hanno individuato un altro evento di interruzione delle maree del buco nero il 1° marzo 2021, ed è accaduto in un’altra galassia. A differenza delle osservazioni di Hubble, i dati sono stati raccolti in luce a raggi X da una corona estremamente calda attorno al buco nero che si è formata dopo che la stella era già stata fatta a pezzi.

Emily Engelthaler: “É possibile osservare pochissimi eventi”

Emily Engelthaler del Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian (CfA) a Cambridge, Massachusetts, ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Phys come al momento ci siano “ancora pochissimi eventi di marea che vengono osservati nella luce ultravioletta dato il tempo di osservazione. Questo è davvero un peccato perché ci sono molte informazioni che puoi ottenere dagli spettri ultravioletti”.

La studiosa ha specificato: “Siamo entusiasti perché possiamo ottenere questi dettagli su ciò che stanno facendo i detriti. L’evento di marea può dirci molto su un buco nero”. I cambiamenti nelle condizioni della stella, oramai spacciata, stanno avvenendo nell’ordine di giorni o mesi.

Per ogni galassia con un buco nero supermassiccio quiescente al centro, si stima che la distruzione stellare avvenga solo poche volte ogni 100.000 anni. Questo spuntino stellare di AT2022dsb è stato catturato per la prima volta il 1 marzo 2022 dall’All-Sky Automated Survey for Supernovae (ASAS-SN o “Assassin”), una rete di telescopi terrestri che osserva il cielo extragalattico all’incirca una volta alla settimana per cercare violenti eventi variabili e transitori che avvengono nello spazio. Questa collisione energetica era abbastanza vicina alla Terra e abbastanza luminosa da consentire agli astronomi di Hubble di eseguire la spettroscopia ultravioletta per un periodo di tempo più lungo del normale.

Maksym: “Eventi difficili da osservare”

Peter Maksym del CfA ha dichiarato: “In genere, questi eventi sono difficili da osservare. Si ottengono forse alcune osservazioni all’inizio dell’interruzione quando è davvero brillante. Il nostro programma è diverso in quanto è progettato per esaminare alcuni eventi di marea nell’arco di un anno per vedere cosa succede”.

2