L’orbiter Hope riprende immagini di suggestive aurore su Marte

Non abbiamo mai visto strutture aurorali così dettagliate e discrete nell'atmosfera marziana

0
652
Indice

Abbiamo appena avuto la nostra migliore vista delle misteriose aurore di Marte.

L’orbiter Hope degli Emirati Arabi Uniti, che è arrivato sul pianeta rosso all’inizio di quest’anno, ha utilizzato il suo spettrometro agli ultravioletti per catturare strutture luminose di ossigeno atomico incandescente nel cielo notturno marziano.

La serie completa di dati raccolti durante queste osservazioni include emissioni aurorali ultraviolette lontane ed estreme che non sono mai state riprese prima su Marte“, ha scritto l’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti in un aggiornamento del sito web di Hope.

L’aurora marziana è sia simile che diversa alle aurore della Terra. L’aurora di Marte, però, deve ancora essere vista nello spettro visibile ad occhio nudo; finora, solo gli strumenti in grado di vedere attraverso le lunghezze d’onda dell’ultravioletto sono stati in grado di riprenderle.

marte aurora discreta ridimensionata(Missione degli Emirati su Marte)



Tuttavia, vengono generate allo stesso modo delle aurore terrestri. Le particelle del vento solare che attraversano lo spazio entrano nell’atmosfera marziana e interagiscono con il gas nell’atmosfera superiore: l’ossigeno, nel caso di Marte. La ionizzazione risultante fa brillare l’ossigeno.

Sulla Terra, queste particelle ionizzate viaggiano lungo le linee del campo magnetico del nostro pianeta verso i poli, motivo per cui le aurore tendono a verificarsi a latitudini più elevate.

Ma il campo magnetico globale di Marte è decaduto abbastanza presto nella storia del pianeta, lasciando solo macchie di magnetismo conservate nei minerali magnetizzati nella crosta, il che significa che la distribuzione delle aurore è molto diversa rispetto alla Terra.

I fari di luce che si stagliano contro il disco oscuro del lato notturno sono aurore discrete altamente strutturate, che tracciano dove le particelle energetiche eccitano l’atmosfera dopo essere state incanalate da una rete irregolare di campi magnetici crostali che provengono da minerali sulla superficie di Marte“, spiega l’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti .

confronto marte(Missione degli Emirati su Marte)

Poiché non abbiamo mai visto strutture aurorali così dettagliate e discrete nell’atmosfera marziana, le immagini potrebbero rappresentare un nuovo strumento per mappare e comprendere la perdita del campo magnetico di Marte.

Le macchie che rimangono sono vestigia di quel campo magnetico globale, registrate in minerali magnetici nella roccia fusa che assumono la polarità del campo magnetico ambientale quando si raffreddano e si solidificano.

Poiché la perdita del campo magnetico globale è legata alla successiva perdita di una spessa atmosfera, capire come e perché il campo magnetico è decaduto è fondamentale per capire come Marte sia diventato inabitabile per la vita come la conosciamo.

Gli scienziati degli Emirati Arabi Uniti hanno in programma di pubblicare un’analisi delle loro osservazioni e cosa potrebbero significare per lo studio di Marte in futuro.

2