Fare musica da adulto salvaguarda la memoria

Questo studio sembra suggerire che, comunque lo fai, fare musica aiuta la memoria in età avanzata e che non è mai troppo tardi per iniziare a suonare

0
635

Diversi studi hanno riscontrato effetti positivi nel fare musica. Ora, un nuovo studio di ricerca ha esaminato gli effetti a lungo termine del suonare uno strumento al liceo o oltre, e ha scoperto che anche le persone che hanno iniziato a fare musica da adulti hanno una memoria migliore tra i sessant’anni e i primi settanta.

Nel 1957, più di diecimila diplomati delle scuole superiori nello stato del Wisconsin compilarono un sondaggio. Chiedeva loro i piani futuri, della situazione familiare e degli obiettivi di carriera.

Questo è stato il primo dei questionari Wisconsin Longitudinal Study, somministrato alla stessa coorte di 1957 diplomati delle scuole superiori nel 1964, 1975, 1993, 2004 e nel 2011. Combinato con altre informazioni sul QI degli studenti, i dettagli della scuola, il reddito familiare e altri dettagli sulla vita, questo studio ha fornito una ricca serie di dati.

I ricercatori che vogliono studiare come diversi fattori potrebbero influenzare la vita delle persone a lungo termine possono richiedere o accedere ai dati per l’analisi, e recentemente i ricercatori di salute pubblica della Stony Brook University li hanno usati per scoprire se suonare uno strumento musicale ha avuto qualche effetto sulla memoria nella vita successiva.

Confrontando tutti i dati, i ricercatori hanno scoperto che i musicisti della coorte del Wisconsin Longitudinal Study sembravano aver fatto meglio nei compiti di memoria.

Sebbene i partecipanti abbiano mostrato un certo declino della memoria tra i 65 e i 72 anni, i punteggi medi del test di richiamo della memoria erano più alti per le persone che avevano suonato uno strumento musicale, indipendentemente dal loro livello di istruzione dopo il liceo.

Più hanno suonato musica durante la loro vita, migliori sono stati i punteggi dei loro test di memoria. 

Ciò che ha sorpreso i ricercatori è stato che questo effetto positivo della musica non era limitato a quelle persone che suonavano dai tempi del liceo. Anche le persone che hanno preso in mano uno strumento per la prima volta da adulte hanno fatto meglio nei compiti di memoria. Come hanno scritto nel loro articolo, “i benefici dell’impegno con uno strumento musicale sembrano aumentare nel corso della vita“.



Poiché dovevano fare affidamento sulle risposte esistenti al questionario, c’erano alcuni dettagli della pratica musicale delle persone che i ricercatori non riuscivano a capire del tutto.

Ad esempio, forse non il fare musica in sé a far ottenere alle persone un punteggio migliore nei compiti di memoria, ma piuttosto l’aspetto sociale di stare insieme con una band o i benefici fisici di uno stile di vita complessivamente più attivo che guarda caso include la musica.

Tuttavia, questo studio sembra suggerire che, comunque lo fai, fare musica aiuta la memoria in età avanzata e che non è mai troppo tardi per iniziare a suonare.

2