Germania, trovato il fossile di pitone più antico del mondo

Gli scienziati hanno portato alla luce fossili del più antico pitone mai registrato, un rettile vissuto 48 milioni di anni fa in quella che oggi è la Germania. La scoperta indica che questi serpenti si sono evoluti in Europa

0
408

I paleontologi hanno trovato vicino ad un antico lago, i resti di un serpente vissuto 48 milioni di anni fa. La scoperta è di particolare importanza perché sta aiutando i ricercatori a scoprire dove hanno avuto origine i pitoni. In precedenza, non era chiaro se questa tipologia di rettili provenisse dai continenti dell’emisfero meridionale, dove vivono oggi, o dall’emisfero settentrionale, dove si trovano i loro parenti viventi più stretti, ovvero i serpenti raggio di sole del sud-est asiatico e il pitone scavatore messicano. Ma questa nuova specie, soprannominata Messelopython freyi, suggerisce che i pitoni si siano evoluti in Europa. Lo studio dei ricercatori è stato pubblicato online sulla rivista Biology Letters.

Il pitone ha origine nell’emisfero settentrionale

Finora, non ci sono stati fossili antichi che aiutassero a decidere tra un’origine dell’emisfero settentrionale e meridionale“, ha detto il co-ricercatore Krister Smith, paleontologo dei vertebrati presso il Senckenberg Research Institute di Francoforte, in Germania che ha inoltre aggiunto: “I nostri nuovi fossili sono di gran lunga le più antiche testimonianze di pitoni e, essendo in Europa, supportano un’origine nell’emisfero settentrionale“.

Il fossile di Messelopython freyi è stato trovato a Messel Fossil Pit, vicino a Francoforte, in Germania. Precedentemente il sito era una miniera di scisti bituminosi, ed è diventato quasi una discarica di rifiuti negli anni ’70. Ma a quel punto, il sito era già noto per i suoi notevoli fossili risalenti all’epoca dell’Eocene, tra 57 milioni e 36 milioni di anni fa. Così, nel 1995 è diventato un sito UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura). I fossili rinvenuti lì includono una cavalla incinta , tartarughe che si accoppiano e coleotteri scintillanti.

Il pitone era lungo un metro con 275 vertebre

M. freyi avrebbe avuto all’incirca le stesse dimensioni dei piccoli pitoni odierni, raggiungendo circa 1 metro di lunghezza e sfoggiando circa 275 vertebre. L’antico pitone fa luce anche sul suo rapporto con i boa constrictor .

In effetti, la scoperta mostra che questo primo pitone europeo viveva accanto a boa constrictor, una scoperta sorprendente dato che i boa non vivono da nessuna parte vicino ai pitoni moderni. In generale, i boa vivono nell’America meridionale e centrale, in Madagascar e nell’Oceania settentrionale, mentre i pitoni abitano l’Africa, il sud-est asiatico e l’Australia. “Questo è uno degli aspetti più eccitanti e intriganti della scoperta di Messelopython“, ha detto il co-ricercatore Hussam Zaher, professore e curatore di vertebrati presso il Museo di Zoologia dell’Università di San Paolo, in Brasile.



Boa e Pitoni sono coesistiti assieme

I ricercatori sapevano già che i boa vivevano in Europa durante il primo periodo del Paleogene, che è durato da 66 milioni a 23 milioni di anni fa. Ora che è chiaro che anche i pitoni vivevano lì, solleva domande su come questi “diretti concorrenti ecologici“, che entrambi spremono la preda a morte, siano coesistiti.

Questa domanda può essere risolta trovando più antichi fossili di pitone e boa, specialmente quelli con contenuto di stomaco conservato, ha detto. Inoltre, i ricercatori possono guardare alla Florida meridionale, dove le specie di pitone ( Python molurus bivittatus e P. sebae ) e boa ( Boa constrictor ) coesistono come specie invasive.

Non è ancora chiaro se il P. molurus bivittatus e il B. constrictor che vivono nello stato del sole “siano in competizione per le risorse o potrebbero utilizzare microhabitat e prede leggermente diversi“, ha detto Zaher deducendo che: “Una situazione simile potrebbe essere accaduta in Europa durante l’Eocene“.

Fonte: https://www.livescience.com/oldest-python-snakes-on-record.html

2