Fujian, la terza portaerei cinese, quasi pronta al varo. Tecnologicamente sarà quasi in grado di rivaleggiare con quelle USA

La Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione (PLAN) ha costruito tre portaerei in soli 12 anni. La Cina ha varato la Liaoning nel 2012, la Shandong nel 2019 e la Fujian dovrebbe entrare in servizio quest’anno o il prossimo. La tecnologia delle prime due gigantesche navi da guerra, costruite per proiettare potenza all’estero, è rimasta indietro rispetto alla tecnologia all’avanguardia delle portaerei americane. Sono state costruite senza catapulte per aerei e per lanciare gli aerei usano rampe.

Ora sembra che la Fujian, la nave da guerra più avanzata mai costruita dalla Cina, cambierà le cose.

Parte di un’espansione navale senza precedenti in tempo di pace, la Fujian è la nave più grande mai costruita dalla Cina e, a quanto si dice, utilizza una nuova tecnologia di lancio degli aeromobili basata sull’elettromagnetismo simile a quella utilizzata dalla Marina degli Stati Uniti sull’ultima portaerei americana, la USS Gerald R. Ford. I costanti progressi dell’aviazione navale cinese denuncia l’impazienza di eguagliare, o addirittura superare, le capacità della potente Marina degli Stati Uniti.

La Fujian

portaerei della marina militare cinese
Immagini Getty La prima portaerei cinese, la Liaoning, utilizza una rampa per lanciare gli aerei in cielo. Una tecnologia inferiore a quella utilizzata dagli Stati Uniti sulle proprie portaerei.

La prima portaerei cinese, la Liaoning, fu originariamente costruita per l’Unione Sovietica, ma la disgregazione dell’URSS nel 1991 la lasciò come un relitto incompleto. Un uomo d’affari di Hong Kong acquistò la nave dal suo erede, l’Ucraina, e la spedì in Cina, dove fu completata e resa pronta per l’operatività. La Liaoning è lunga 306 metri, disloca 60.000 tonnellate e trasporta circa 40 velivoli alla volta: 24 caccia d’attacco J-16, mentre il resto è un mix di elicotteri antisommergibile e di servizio.

La Liaoning utilizza una rampa di lancio montata a prua per il decollo degli aerei. I velivoli, tra cui il caccia d’attacco Shenyang J-16, accendono i postbruciatori e poi rullano lungo il ponte di volo verso la rampa. La rampa lancia l’aereo verso il cielo, dopodiché la portanza e la potenza del motore prendono il sopravvento e mandano l’aereo oltre la prua.

Sebbene semplici ed eleganti, gli aerei devono trasportare meno carburante e munizioni di quanto farebbero durante i decolli normali, dovendo mantenere basso il peso. Gli aerei senza motori a turbina con postbruciatore, come il trasporto americano C-2 Greyhound, non potrebbero decollare dalle rampe di lancio perché non sono in grado di raggiungere una velocità sufficiente a mantenerli in volo.

portaerei dello shandong
Immagini Getty La portaerei Shandong è simile alla Liaoning in quanto utilizza anch’essa una rampa per il decollo. Quando queste portaerei furono costruite, la Cina non aveva ancora il know-how per costruire un sistema di catapulte

La Shandong, la seconda portaerei della PLAN, è per molti versi una copia della precedente, con la differenza principale che è stata costruita interamente in Cina. La Shandong ha tutte le carenze della Liaoning, in particolare l’uso di una rampa montata a prua al posto di una catapulta per aiutare i jet da combattimento a decollare. Le portaerei statunitensi hanno utilizzato catapulte a vapore per più di mezzo secolo, ma la Cina non aveva ancora acquisito le competenze per costruirle.

Le moderne catapulte a vapore, introdotte negli anni ’50, hanno segnato una svolta per la Marina degli Stati Uniti. Il vapore, generato nelle viscere della nave, viene convogliato fino al ponte di volo, dove crea pressione dietro una serie di pistoni collegati a una barra sul ponte di volo. Una volta rilasciati i pistoni, un aereo attaccato alla barra si lancia in avanti lungo le scanalature nel ponte, accelerando fino alla velocità di decollo.

La Marina americana ha utilizzato il vapore per oltre 70 anni. Il vapore consente alle portaerei di lanciare aerei che trasportano più armi e carburante, conferendo loro maggiore potenza di fuoco e autonomia rispetto agli aerei lanciati tramite rampe. Le catapulte, che operano indipendentemente dalla potenza dell’aereo, possono lanciare anche aerei a elica come il C-2.

Se la Cina volendo dotarsi di portaerei migliori e più efficienti, ha dovuto sviluppare una qualche forma di tecnologia di catapulta in tempo per la sua terza portaerei, la Fujian. Ed è esattamente ciò che ha fatto, secondo quanto riferito.

Sotto i ponti

a bordo della portaerei a propulsione nucleare uss george il vapore filtra dal sistema di catapulta
Immagini Getty Il vapore che fuoriesce dal sistema di catapulte è da sempre un segno distintivo delle operazioni di volo delle portaerei.

Nel 2017, la Marina degli Stati Uniti ha commissionato la USS Gerald R. Ford, la prima portaerei di classe Ford che è stata dotata dell’Electromagnetic Aircraft Launch System, o EMALS. L’EMALS sostituisce le catapulte a pressione di vapore con una catapulta che utilizza l’elettromagnetismo e l’energia cinetica immagazzinata.

Il cablaggio sostituisce i condotti del vapore e il sistema può essere regolato per lanciare droni. L’EMALS è in grado di effettuare fino a 270 lanci di aerei al giorno in tempo di guerra, il 33 percento in più rispetto alle catapulte a vapore. È anche notevolmente più silenzioso, rendendo la vita dei marinai a bordo un po’ meno stressante.

La Marina degli Stati Uniti è stata la prima al mondo a utilizzare un sistema elettromagnetico. Nel 2017, proprio mentre Ford era in costruzione, i resoconti provenienti dalla Cina affermavano che la People’s Liberation Army Navy (PLAN) stava facendo grandi passi avanti nello sviluppo del proprio sistema di lancio elettromagnetico. Questi resoconti sono stati redatti con un certo scetticismo, poiché il sistema EMALS a bordo della Ford stava ancora riscontrando problemi tecnici che avrebbero richiesto diversi anni per essere risolti.

La Cina recupera terreno

un modello di portaerei Fujian
Wikimedia Commons Un modello del Fujian che mostra le sue tre stazioni di catapulta elettromagnetica: due a prua e una posizionata sul ponte di volo ad angolo

La Fujian misura 315 metri di lunghezza, appena 21 metri più corta della USS Gerald R. Ford della Marina degli Stati Uniti e con le sue 80.000 tonnellate a pieno carico, pesa il 20 percento in meno della FordLa Fujian non è solo la prima portaerei con design clean sheet costruita dalla Cina, ma è anche la più grande nave da guerra cinese mai costruita.

Come la Fordla Fujian include un ponte di volo angolato, che consente a una portaerei di effettuare decolli e atterraggi senza che gli aerei in partenza e di ritorno si ostacolino a vicenda. Ha anche due ascensori per trasportare gli aerei tra l’hangar e il ponte di volo. Il progresso più notevole della Fujian è che ha più catapulte, tre contro le quattro della Ford . La vera novità della Fujian, però, si trova sotto il ponte di volo: questa nave usa catapulte elettromagnetiche.

Il sistema di lancio della Fujian differisce, a quanto si dice, dall’approccio americano. Secondo il South China Morning Post, il sistema cinese è stato ispirato dai gruppi propulsori delle auto elettriche, utilizzando un volano e una ruota di avvolgimento per immagazzinare e rilasciare energia. Una volta rilasciata, l’energia immagazzinata utilizza un cavo d’acciaio per tirare un aereo lungo la pista e lanciarlo in aria. Il volano e la ruota di avvolgimento non sono fisicamente collegati, ma legati l’uno all’altro da una “frizione a correnti parassite” che genera una forte forza elettromagnetica.

A differenza del sistema cinese, con le sue ruote, cavi d’acciaio e barra di trasferimento, il sistema americano è più avanzato e ha meno parti mobili, solo la barra che scorre lungo il canale magnetizzato trascinando l’aereo. Tuttavia, l’adozione della tecnologia di lancio elettromagnetico è un risultato considerevole per un paese che ha schierato la sua prima portaerei solo 12 anni fa.

La Fujian entrerà probabilmente in servizio entro il prossimo anno o due, portando il numero totale di portaerei cinesi a tre. Sebbene si tratti ancora della metà delle portaerei della flotta statunitense del Pacifico, se continuerà, la Cina potrebbe recuperare il gap in un’altra dozzina di anni circa. La Cina sta chiaramente tentando di padroneggiare sia la quantità che la qualità allo stesso tempo. La grande domanda è: perché?

La Cina non ha fatto mistero del suo desiderio di costruire una marina abbastanza forte da spingere gli Stati Uniti fuori dal Pacifico occidentale. Ha anche rifiutato di escludere l’uso della forza per riunire Taiwan con la Cina continentale e insiste su rivendicazioni territoriali espansionistiche nel Mar Cinese Meridionale.

La situazione è simile a quella degli anni ’30, quando un’altra potenza, il Giappone, creò una grande forza di portaerei per forgiare e mantenere un impero. All’epoca, l’unica grande potenza in grado di fermare le ambizioni imperiali giapponesi furono gli Stati Uniti. Ora la storia potrebbe avere imboccato una pericolosa dirittura e potrebbe ripetersi.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Articoli correlati

Popular Categories