Frank Rubio, 371 giorni nello Spazio: ecco le conseguenze sulla sua salute

Nel 2023, l'astronauta della NASA Frank Rubio ha stabilito il record mondiale per il tempo più lungo trascorso nello spazio da un astronauta statunitense dopo ben 371 giorni

2
285
Frank Rubio
Frank Rubio.

Nel 2023, l’astronauta della NASA Frank Rubio ha stabilito il record mondiale per il tempo più lungo trascorso nello Spazio da un astronauta statunitense dopo ben 371 giorni.

Frank Rubio
Frank Rubio.

Frank Rubio: le conseguenze sull’organismo in microgravità per 371 giorni

Il 48enne è tornato sulla Terra il 27 settembre 2023, atterrando in Kazakistan dopo che la sua missione di sei mesi è stata prolungata di altri sei mesi. Al suo atterraggio sulla Terra, Frank Rubio ha detto che sarebbe stato valutato da un team medico e che avrebbe avuto bisogno di tempo per riadattarsi alla gravità terrestre.

Frank Rubio
Frank Rubio.

Mentre l’incredibile record consoliderà il tempo trascorso dall’astronauta nello Spazio nella storia, la sua missione durata più di un anno ha avuto alcuni effetti sull’organismo dell’astronauta.

La maggior parte di noi abitanti della Terra non penserebbe nemmeno alle conseguenze di un periodo di tempo così lungo nello Spazio, poiché è stato rivelato quale sia in realtà il costo della vita senza gravità per un periodo di tempo così prolungato.

Le conseguenze di una missione prolungata nello Spazio

In realtà, la mancanza di gravità causa una diminuzione della massa muscolare e addirittura una perdita di tessuto osseo entro i primi mesi di missione.



La dottoressa Jennifer Fogarty, Direttrice scientifica del Translational Research Institute for Space Health del Baylor College of Medicine, ha dichiarato: “Come coordini il movimento come camminare, cosa che non fai da un lungo periodo di tempo e l’idea di equilibrio?”.

Frank Rubio
Frank Rubio.

Quando metti insieme questi due fattori, puoi creare una situazione un po’ precaria per l’organismo umano ed è un aspetto della salute che è molto ben monitorato dai membri dell’equipaggio quando atterrano sulla Terra“.

Fogarty ha continuato spiegando che più a lungo va avanti la missione, più tempo impiegherà probabilmente l’astronauta Frank Rubio a riacclimatarsi una volta tornato sulla Terra.

Non solo, ma il flusso sanguigno di una persona può anche essere gravemente compromesso quando si vive nello Spazio, il che può causare sintomi come visione offuscata o gonfiore degli occhi, a causa dello spostamento di sangue e liquido cerebrospinale verso l’alto nel corpo, noto come sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale.

Secondo il dottor Michael Decker, co-direttore del Center for Aerospace Physiology presso la Case Western Reserve University School of Medicine, le vene del nostro corpo sono dotate di valvole per garantire che “il sangue non scorra all’indietro quando ci alziamo“. Vivere in assenza di gravità, come ha fatto Frank Rubio, avrà un impatto negativo anche sul flusso sanguigno.

Parte di questo aumento della pressione intracranica può effettivamente avere un impatto sull’occhio e portare a problemi di vista. A volte, quando gli astronauti atterrano, il problema visivo non si risolve necessariamente.” ha ulteriormente spiegato l’esperto.

L’ambiente isolato potrebbe causare anche stanchezza, stress e mancanza di sonno. Durante la sua permanenza nello spazio, la salute mentale e fisica di Frank Rubio sarebbe stata valutata dagli scienziati, così come il suo sistema immunitario e eventuali modifiche ai suoi geni.

Nel gennaio 2024, Frank Rubio ha rivelato di aver trascorso quattro mesi sulla Terra per riprendersi e “reincorporarsi [se stesso] nella Terra”.

Frank Rubio

Ti adatti incredibilmente velocemente allo spazio, ma sfortunatamente il processo di riadattamento sulla Terra a volte può essere un po’ più lungo e difficile“.

E questo è solo l’inizio, credo, perché le forze di gravità e le forze in gioco qui sulla Terra tendono ad avere un effetto più forte sul tuo corpo. Quindi ci vogliono dai due ai tre mesi per tornare al punto in cui eri prima del volo. Mi sento abbastanza normale“.

A questo punto, mi sento come se fossi tornato al 90-95%. Quindi tanto esercizio, tanti test e scienza“.

Altre conseguenze

Nell’assenza di gravità dello Spazio, le informazioni ricevute dagli organi vestibolari cambiano. Si pensa che questo confonda il cervello, portando al cosiddetto “mal di spazio“, ma questa condizione non dura a lungo.

Se si rimane per qualche giorno nello Spazio, il cervello modifica la sua interpretazione delle informazioni vestibolari, quindi il mal di spazio scompare. Esistono differenze individuali nella gravità del mal di spazio e alcune persone non lo sperimentano affatto.

Una volta tornato sulla terra, l’astronauta sperimenta nuovamente gli effetti della gravità terrestre, e quindi a volte si verifica la “malattia da gravità”, con sintomi simili al mal di spazio.

Gli astronauti che ritornano sulla Terra spesso sperimentano vertigini quando si alzano, noti come ipotensione ortostatica. Questo si verifica perché la gravità sulla Terra è più forte che nello Spazio ed è più difficile trasportare il sangue dal cuore alla testa.

Frank Rubio
Frank Rubio.

Nello Spazio, il sangue può essere erogato con meno forza, quindi anche l’indebolimento dei muscoli cardiaci può essere causa di vertigini quando si sta in piedi.

La superficie della Terra è avvolta dall’atmosfera, che fornisce l’ossigeno di cui abbiamo bisogno per respirare e protegge anche gli organismi dai raggi UV e dalle radiazioni che colpiscono la terra. Gli astronauti che rimangono nello Spazio, dove non c’è quasi atmosfera, sono esposti a radiazioni energetiche più elevate rispetto al nostro pianeta. Se una persona è esposta a molte radiazioni ad alta energia, aumenta il rischio di sviluppare malattie come il cancro.

2