Long March 5B: Calcolata la possibile area di caduta sulla Terra

Il razzo cinese Long March 5B lungo 30 metri ha lanciato con successo il modulo della stazione spaziale Tianhe lo scorso giovedì 29 aprile 2021. Quel modulo è il corpo centrale della futura stazione spaziale cinese. È attualmente nella sua orbita corretta dopo essersi separato dallo stadio centrale del razzo come previsto.

Lo stadio centrale, tuttavia, ha anche raggiunto l’orbita e ora sta scendendo di nuovo, su una traiettoria che lo farò diventare uno dei più grandi pezzi di detriti spaziali a fare un rientro incontrollato nell’atmosfera terrestre.

Non è ancora chiaro esattamente dove o quando i detriti colpiranno il nostro pianeta (“intorno all’8 maggio” da parte dicono gli esperti). Nessuno sa se, quando cadrà, atterrerà su una parte disabitata – o abitata – della Terra.

Roskomnadzor continua a coprire gli eventi riguardanti il ​​fuori controllo dopo il lancio del veicolo di lancio pesante cinese Long March 5B. E sebbene il luogo esatto della caduta dei detriti del razzo sia ancora sconosciuto, la possibile area di caduta è già stata determinata.

Il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha pubblicato sui social una mappa che mostra chiaramente quest’area, anche se fin troppo estesa

Roskomnadzor ha parlato anche dello sviluppo degli eventi. Durante il giorno, l’altitudine del secondo stadio del razzo Long March 5B è diminuita di 18 km all’apogeo e di 3 km al perigeo. Secondo i calcoli preliminari, l’oggetto potrà entrare nell’atmosfera la sera dell’8 maggio 2021, l’orario e le coordinate di ingresso saranno specificati non prima di un giorno prima dell’evento.

Il razzo cinese, Long March 5B  probabilmente farà un rientro incontrollato l'8 maggio
Il razzo cinese probabilmente farà un rientro incontrollato l’8 maggio
Long March 5B è stato lanciato il 29 aprile 2021 dal cosmodromo di Wenchang e ha lanciato in orbita il modulo base Tianhe (“Via Lattea”) della futura stazione spaziale modulare cinese

Il secondo stadio non ha mezzi di manovra attiva ed esegue una deorbita incontrollata. Secondo le informazioni preliminari, parte delle strutture sceniche cesserà di esistere negli strati densi dell’atmosfera, tuttavia, i singoli elementi strutturali non combustibili possono raggiungere la superficie terrestre.

Secondo SpaceNews, l’inclinazione orbitale dell’oggetto di 41,5 gradi significa il passaggio più a nord rispetto alle città a circa 40 gradi di latitudine nord, zona che comprende anche cui New York City, Madrid e Pechino, il passaggio a sud arriverà fino al Cile meridionale e alla Nuova Zelanda.

La fase centrale potrebbe rientrare in qualsiasi punto di questa vasta area. Naturalmente, la maggior parte dei detriti spaziali tende a bruciare nell’atmosfera, il che significa che solo i pezzi più grandi cadranno a terra. Ma anche gli ingegneri della missione in genere fanno del loro meglio per puntare un pezzo di detriti di ritorno sulla Terra e fornire stime su dove potrebbe cadere.

Long March 5B 1

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Farmaci nello spazio: la scadenza di 3 anni un unico grande problema

L’esplorazione spaziale ha sempre rappresentato una delle frontiere più...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Articoli correlati

Popular Categories