Fantasmi: cosa dice la scienza?

Sebbene non ci siano prove scientifiche dell'esistenza di fenomeni soprannaturali come fantasmi o demoni, ci sono milioni di persone in tutto il mondo che credono che queste forze paranormali esistano e molti di loro affermano persino di aver sperimentato tali fenomeni nella vita reale

0
3744

Sebbene non ci siano prove scientifiche dell’esistenza di fenomeni soprannaturali come fantasmi o demoni, ci sono milioni di persone in tutto il mondo che credono che queste forze paranormali esistano e molti di loro affermano persino di aver sperimentato tali fenomeni nella vita reale.

 Un sondaggio condotto da YouGov nel 2019 ha rivelato che quattro persone su 10 negli Stati Uniti pensano che i fantasmi siano reali, e un  sorprendente sondaggio  del 2021 ha rivelato che il 45% dei canadesi afferma di aver usato una tavola ouija per evocare i fantasmi almeno una volta, e il 32% ha consultato un sensitivo.

Mentre non esiste un metodo o una macchina comprovati con cui qualcuno possa davvero evocare le forze soprannaturali (nemmeno la tavola ouija), in una certa misura, la scienza può spiegare logicamente perché le persone sentono la presenza di energia paranormale irrealistica o di esseri intorno a loro. 

Perché dovresti incontrare i fantasmi?

Basato sulle leggi della scienza come le conosciamo: fantasmi, demoni, zombi, vampiri e spiriti erranti sono solo finzione. Non ci sono prove sostanziali che suggeriscano l’esistenza di un tale fenomeno soprannaturale nel mondo reale. Tuttavia, potrebbero esserci ragioni basate sulla scienza per cui le persone sentono di aver avuto un’esperienza paranormale.

La frequenza infestata di 19 Hz

Negli anni ’80, l’ingegnere britannico Vic Tandy ha scoperto che gli infrasuoni (suoni a bassa frequenza tra 0,1 e 20 Hz che sono al di sotto del livello dell’udito umano), sono in grado di alterare i sensi umani e possono provocare sentimenti di inquietudine, simili a quelli riportati da persone che vedono figure spettrali. Le sue scoperte provenivano dalla sua esperienza personale di lavoro in un laboratorio che aveva la reputazione di essere infestato. Tandy stesso  vide uno spirito grigiastro. Guardandosi intorno, trovò un aspiratore che emetteva rumore alla frequenza di 19 Hz e, quando fu spento, le visioni e le sensazioni di disagio scomparvero. 



Tandy ha fatto ulteriori ricerche sugli infrasuoni e ha scoperto che queste onde sono in grado di far sperimentare agli esseri umani e agli animali una visione offuscata, paura, vertigini e attacchi di panico che possono quindi essere interpretati erroneamente come un’esperienza paranormale. Dopo questo, Tandy è diventato una specie di cacciatore di fantasmi.

Nel 2001, ha affermato che gli infrasuoni erano anche responsabili delle apparizioni e dei sentimenti di terrore provati in una cantina spettrale vicino alla Cattedrale di Coventry, dove un certo numero di visitatori aveva affermato di aver visto un fantasma femminile. Tre anni dopo, Tandy ha anche sfatato le credenze paranormali associate al castello infestato di Warwick nel Warwickshire, in Inghilterra. Alla fine di entrambe queste indagini, la frequenza degli infrasuoni a 19 Hz è risultata essere la ragione alla base del verificarsi di figure che apparivano come fantasmi.

Salute mentale disturbata

La ricerca pubblicata sulla rivista Frontiers in Psychiatry evidenzia che l’ansia, la privazione del sonno, l’epilessia e altri tipi di problemi neurologici possono far sorgere la paura dei fantasmi in un individuo. Inoltre, gli psichiatri ritengono che i pazienti con malattie mentali abbiano maggiori probabilità di riferire attività paranormali intorno a loro rispetto ad altri, probabilmente a causa della sofferenza di un disturbo d’ansia.

Un rapporto rivela che circa il 30% dei pazienti con salute mentale riferisce di aver sperimentato qualche altro tipo di fenomeno paranormale (come vedere i demoni), almeno una volta nella vita durante la notte. 

stimolanti esterni

Le sostanze psicoattive, come la psilocibina e l’LSD, sono in grado di alterare le funzioni cerebrali e possono far sentire una persona come se stesse vivendo un’esperienza soprannaturale. Inoltre, alcuni batteri, muffe e funghi possono anche  causare psicosi (un disturbo mentale che disturba la capacità di un individuo di percepire la realtà). 

 

Il fungo della segale cornuta è stato suggerito come la causa scatenante dei processi alle streghe di Salem del 1692, in cui un certo numero di persone furono accusate di essere streghe e giustiziate. Le vittime dell’ergot possono soffrire di paranoia, allucinazioni, spasmi e bambini nati morti.

Altre teorie suggeriscono che il campo geomagnetico terrestre, i brillamenti solari e molti altri eventi cosmici possono anche influenzare l’attività del cervello umano, tuttavia, finora nessuna teoria del genere è stata dimostrata sperimentalmente. 

Inoltre, a volte un’idea o un suggerimento è anche sufficiente per innescare le visioni di orrori immaginari intorno a te. Ricerche ed esperimenti psicologici indicano che i suggerimenti visivi e verbali possono influenzare il modo in cui le persone percepiscono l’ambiente che li circonda. Ad esempio, se soggiorni in un hotel a caso per un paio di giorni e un giorno un amico ti informa che l’hotel è infestato, c’è la possibilità che da lì inizi a provare paura o addirittura a sperimentare alcuni eventi paranormali intorno a te. 

I ricercatori hanno dimostrato che la suggestione verbale potrebbe rendere le persone più propense a credere di vedere piegare chiavi paranormali, piuttosto che un gioco di prestigio, e ad essere più sicure che la loro visione dei fenomeni psichici fosse affidabile. La ricerca ha anche dimostrato che suggestione e disinformazione possono distorcere i ricordi delle persone di un evento, inducendoli a credere alla disinformazione.

Pertanto, i suggerimenti a volte giocano un ruolo importante nel plasmare la percezione umana e persino fanno credere alle persone in cose irrealistiche come i fantasmi.

Perdita personale e solitudine

La cantante rock canadese Céline Dion, durante un’intervista nel 2016, ha affermato di incontrare spesso il fantasma del suo defunto marito. Affermazioni simili sono state fatte da molte persone in tutto il mondo, che perdono qualcuno a loro vicino. Ma vedono o sentono davvero i loro cari defunti? Lo psicoanalista Sigmund Freud osservò questo fenomeno durante i primi anni del 1900 e lo chiamò psicosi del desiderio, “follia della mente” a breve termine durante la quale una persona non vuole accettare la realtà e inizia a immaginare la presenza di una persona morta.

loneliness resize md

Tuttavia, la morte dei propri cari non è l’unica cosa che può farti sperimentare i fantasmi. La ricerca spiega che la solitudine, l’attaccamento e i traumi infantili sono anche fattori che possono portare le persone a credere di aver visto fantasmi e spiriti.

Fantasmi, angeli o altri personaggi immaginari possono essere creati dal cervello umano per far fronte alla sensazione di solitudine e perdita. 

L’innegabile contributo della cultura popolare

C’è un numero infinito di successi di Hollywood che si inseriscono nella coscienza degli spettatori che possono variare dal classico film degli anni ’80 A Nightmare on Elm StreetDracula e The Conjuring. Dopo aver visto questi film e programmi TV, molti bambini (e adulti), non vogliono dormire da soli ed evitano di visitare gli angoli bui della propria casa. 

Uno studio pubblicato sulla Global Mass Communication Review suggerisce che i film horror possono portare a incubi, fobie, ansia, stress, evasione e vari altri problemi psicologici nei giovani. L’esposizione continua a tali tipi di contenuti può anche influenzare il comportamento di un individuo e forse anche farlo soffrire di psicosi.

Nel 2000, la ricercatrice Corrine Dalelio ha esaminato l’aumento degli spettacoli televisivi paranormali o pseudo-scientifici che si sono verificati negli anni ’90, tra cui Buffy l’ammazzavampiri, X-Files, Streghe e Il tocco di un angelo, insieme a film come Il sesto senso, Il mestiere e gli altri . Ha scoperto che la proliferazione di temi paranormali nella cultura popolare era correlata alle credenze nel paranormale tra il pubblico in generale.

Le persone amano sperimentare ed esplorare l’horror attraverso film, programmi TV e libri. Gli psicologi credono anche che i film e i contenuti horror possano essere utili per i pazienti con disturbo ossessivo compulsivo in quanto possono consentire ai pazienti di affrontare e superare le proprie paure. Tuttavia, allo stesso tempo, gli esperti di salute mentale confermano anche che guardare film horror, in particolare il binge-watching, può avere effetti negativi sulla salute mentale.

 Ciò è in parte dovuto al fatto che, quando si guarda un film di paura, il corpo rilascia grandi quantità di adrenalina e altri ormoni – questo è ciò che rende questi film eccitanti. Ciò può portare a  un’intensa attività nel cervello, eccitazione, ansia, insonnia e persino privazione del sonno che, a sua volta, può rendere le persone più suggestionabili.

Finora, tutti questi studi e ricerche indicano che secondo la scienza, l’unico posto in cui esistono fantasmi, ghoul e demoni è semplicemente nella propria testa.  

2