13.6 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeArcheologia e StoriaIl famoso calendario Maya era già in uso 3.400 anni fa

Il famoso calendario Maya era già in uso 3.400 anni fa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli antichi popoli centroamericani potrebbero aver progettato le loro città attorno a una prima iterazione del calendario Maya.

Un nuovo studio sugli antichi centri abitati nel Guatemala occidentale e nel Messico meridionale rivela 478 complessi separati, molti dei quali sembrano basati su un prototipo di città costruita intorno al 1400 a.C. Molti di questi complessi non sono mai stati scoperti, esaminati o scavati fino ad ora. Ma le loro forme, rilevabili dall’alto con una tecnologia chiamata lidar – che sta per “light detection and going” – suggeriscono che molti erano orientati con l’alba in certi giorni importanti e sembravano usare il numero 20, – la base dei calendari scritti successivamente — come loro unità fondamentale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Non esisteva ancora un calendario scritto in quel momento”, ha detto Takeshi Inomata, archeologo dell’Università dell’Arizona e ricercatore capo del nuovo studio.  “Questo è un segno molto allettante, significa che, in realtà, le persone avevano già un sistema di calendario basato sul numero 20.”

Calendario Maya e architettura mesoamericana

Il calendario che sembrava importante nella costruzione di questi siti non è il famoso calendario Maya che, secondo alcuni, prediceva la fine del mondo nel 2012. Questo è il calendario Maya Long Count, progettato per tenere traccia di periodi di tempo molto lunghi. Per periodi più brevi, i Maya lavoravano anche con il calendario Tzolk’in di 260 giorni, che usavano per programmare i rituali religiosi, e l’Haab’, un calendario di 365 giorni basato sulla rotazione della Terra attorno al sole. I calendari Tzolk’in e Long Count utilizzavano entrambi cicli ripetuti di 20 per contare i giorni. Le versioni scritte del calendario a lungo termine si trovano a partire dall’800 d.C

I siti scoperti da Inomata e dai suoi colleghi sono per lo più molto più antichi. Sebbene le date esatte non siano ancora note, il più antico dei siti è anteriore al 1000 a.C. e il più recente è stato probabilmente costruito prima del 250 d.C., che fu l’inizio del periodo classico Maya, il culmine della civiltà Maya.

Molti dei siti condividono un layout simile, con una grande piazza delimitata da una grande piattaforma rettangolare a un’estremità e fiancheggiata a est ea ovest da 20 piattaforme più piccole. Venti sembra essere un numero significativo, ha detto Inomata, forse indicando che i costruttori di queste strutture stavano già utilizzando il sistema di conteggio a base 20.

I centri abitati sono spesso disposti anche per allinearsi con l’alba in un giorno legato al passaggio dello zenit, il giorno in cui il sole passa direttamente sopra la testa. In questa regione dell’America centrale, ha detto Inomata, quel giorno è il 9 maggio o il 10 maggio. I siti non catturano l’alba in quel giorno, ma si allineano con l’alba 40 giorni o 60 giorni prima del passaggio – multipli di 20.

Ciò suggerisce che gli architetti stavano contando alla rovescia fino al passaggio dello zenit e potrebbero aver costruito le loro nozioni di tempo di calendario nei loro centri urbani. Gli archeologi ritengono che le grandi piazze nel mezzo di questi centri abitati fossero utilizzate per rituali religiosi, quindi una prima versione dello Tzolk’in potrebbe essere già in uso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Relazioni regionali

La nuova ricerca dipinge anche un quadro più completo di come la civiltà si è sviluppata in America Centrale. La regione di studio copre sia le aree Maya che le aree che ospitavano le prime popolazioni olmeche, che costruirono teste di pietra colossali e piramidi alte più di 30 metri. Ma una fitta vegetazione significa che l’archeologia può essere difficile e molti tumuli che nascondono strutture e manufatti si fondono nel paesaggio. In parte a causa di questa imprevedibile documentazione archeologica, non si sa molto su come le civiltà olmeche e Maya abbiano interagito. Una domanda, ha detto Inomata, è se gli Olmechi abbiano influenzato i Maya o se i Maya si siano sviluppati in gran parte indipendentemente.

Un’altra questione è come la gerarchia sociale abbia giocato un ruolo nella costruzione organizzata dei centri cittadini. Un tempo si pensava che le società diventassero più organizzate e gerarchiche e poi si stabilissero in un luogo per costruire città e paesi complessi. Ma, secondo Inomata, una nuova ricerca suggerisce che i primi costruttori di molti di questi centri abitati erano cacciatori, raccoglitori e agricoltori che potrebbero essersi trasferiti stagionalmente o in pochi anni.

“Non è una società che è stata governata da re, ma le persone si riunivano e poi decidevano i progetti”, ha detto Inomata.

Aguada Fénix era probabilmente un luogo di raduno cerimoniale dei Maya, che si pensa vivessero in società non gerarchiche e mobili al momento della costruzione di Aguada Fénix.
Aguada Fénix era probabilmente un luogo di raduno cerimoniale dei Maya, che si pensa vivessero in società non gerarchiche e mobili al momento della costruzione di Aguada Fénix.

Layout di grandi dimensioni

Il Lidar è uno strumento particolarmente prezioso in America Centrale, ha affermato Inomata, poiché comporta l’emissione di fasci laser verso il suolo da un drone o da un aereo. Questi impulsi di luce mirata consentono ai ricercatori di misurare con precisione la topografia, eliminando virtualmente la vegetazione per vedere la forma del terreno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò è particolarmente utile nella ricerca di Inomata, poiché molti dei centri abitati che i ricercatori stanno cercando sono ora visibili come tumuli bassi, alti forse un paio di piedi. Sono grandi, ma le loro dimensioni sono per lo più orizzontali: le piazze più grandi vanno da 0,6 miglia a quasi un miglio (da 1 a 1,6 chilometri), che è difficile da visualizzare dal livello del suolo.

I ricercatori hanno precedentemente condotto la propria indagine sul Tabasco orientale in Messico e hanno scoperto un enorme sito chiamato Aguada Fénix.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Aguada Fénix era un sito Maya costituito da un altopiano artificiale alto da 33 a 50 piedi (da 10 a 15 m) e lungo 0,9 miglia (1,4 km). E ‘stato utilizzato tra il 1000 a.C. e l’800 a.C.

Dopo la scoperta, ha detto Inomata, il team ha voluto espandere la propria ricerca. Hanno setacciato i dati lidar disponibili pubblicamente in tutto il Messico meridionale e nel Guatemala occidentale per scoprire i centinaia di nuovi siti. I layout dei siti suggeriscono che le persone di questa regione stavano costruendo su vecchie idee e si influenzavano a vicenda.

L’influenza potrebbe essere cresciuta dal primo grande sito, San Lorenzo, costruito dal popolo olmeco in quello che oggi è lo stato messicano di Veracruz. San Lorenzo raggiunse il culmine tra il 1400 a.C. e il 1150 a.C., e qui la società si stratificava: case d’élite si trovavano in cima a un grande altopiano, con umili abitazioni sui lati terrazzati dell’altopiano. I siti successivi sembravano basati su questo modello di base, con variazioni sul tema sviluppatesi tra il 1000 a.C. e il 350 a.C. un edificio piramidale o quadrato da un lato e una lunga piattaforma dall’altro.

Ma ci sono ancora molte domande sulla cronologia dello sviluppo, ha detto Inomata, e saranno necessari scavi per rispondere a molte di esse. Ciò dovrebbe tenere occupati gli archeologi, poiché l’area di studio copre 32.632 miglia quadrate (84.516 chilometri quadrati).

La ricerca è dettagliata sulla rivista Nature

Articoli più letti