Europa: trovati segni di vapore acqueo persistente

I dati del telescopio spaziale Hubble della NASA suggeriscono che Europa ha una presenza a lungo termine e persistente di vapore acqueo sopra la sua superficie

769

I dati del telescopio spaziale Hubble della NASA suggeriscono che Europa ha una presenza a lungo termine e persistente di vapore acqueo sopra la sua superficie, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters.

Stranamente, è presente solo su un emisfero. Ma, oltre a portarci un passo più vicino alla ricerca della vita su Europa, queste informazioni potrebbero avere un’influenza significativa sulle prossime missioni della NASA su Europa e sulla ricerca della vita su mondi alieni.

Il livello di vapore acqueo su Europa ha sorpreso gli scienziati

Europa ospita un oceano colossale sotto il suo guscio ghiacciato, all’interno del quale potrebbero esserci segni di vita indigena. Se è lì, dobbiamo ancora vederlo, ma abbiamo davvero buone ragioni per credere che sia probabile. Ma anche se non c’è nulla che viva negli oceani di Europa, conoscerli ha fatto avanzare la comprensione da parte degli astronomi della struttura atmosferica delle lune ghiacciate nell’universo e apre la strada a future missioni scientifiche su Giove, progettate per cercare segni di vita nell’oceano gioviano.

Il vapore acqueo è stato avvistato in precedenza su Europa, ma questi erano tipicamente associati a pennacchi che eruttavano in modo stravagante attraverso il ghiaccio lunare, che Hubble ha catturato in una foto del 2013. La Terra ha geyser molto simili a questo, ma quelli su Europa si estendono per più di 60 miglia di altezza. E questi geyser creano bolle di vapore acqueo a breve termine nell’atmosfera lunare, che generano solo un miliardesimo della pressione superficiale sull’atmosfera terrestre. Ma i nuovi risultati rivelano quantità simili di vapore acqueo.

La scoperta è arrivata da una nuova analisi del database di Hubble di spettri e immagini d’archivio, per gentile concessione di una nuova tecnica che ha recentemente rilevato il vapore acqueo nell’atmosfera dell’altra luna di Giove, Ganimede. Lo studio è stato condotto da Lorenz Roth, del KTH Royal Institute of Technology svedese, del dipartimento di fisica dello spazio e del plasma. “L’osservazione del vapore acqueo su Ganimede, e sul lato posteriore di Europa, fa avanzare la nostra comprensione delle atmosfere delle lune ghiacciate”, ha detto Roth, in un comunicato stampa“Tuttavia, la rilevazione di un’abbondanza stabile di acqua su Europa è un po’ più sorprendente che su Ganimede perché le temperature superficiali di Europa sono inferiori a quelle di Ganimede”.

Europa è di una tonalità relativamente chiara a causa del ghiaccio abbondante sulla sua superficie, e questo riflette molta più luce solare di Ganimede, motivo per cui la superficie di Europa è più fredda di 60 gradi rispetto alla sua sorella più scura. Su Europa, le giornate possono raggiungere temperature elevate che sono inconsapevolmente basse, a -260°F. Ma anche a temperature così paralizzanti, recenti osservazioni mostrano che l’acqua sta sublimando, o sta subendo un cambiamento di fase direttamente da solido a vapore, senza passare attraverso lo stato liquido. E questo sta accadendo direttamente dalla superficie di Europa, proprio come su Ganimede.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Roth ha dovuto immergersi in profondità nei set di dati di Hubble per fare questa scoperta, separando le osservazioni ultraviolette di Europa dagli anni 1999, 2012, 2014 e 2015, ovvero quando la luna era posizionata in diverse posizioni orbitali. Queste osservazioni sono state scattate dall’Imaging Spectrograph (STIS) di Hubble. E le osservazioni STIS ultraviolette hanno permesso a Roth di esplorare l’abbondanza di ossigeno sul corpo ghiacciato. Questo è significativo perché l’ossigeno è uno dei componenti cruciali dell’acqua, e Roth ha trovato la sua consistenza nell’atmosfera interpolando la forza delle emissioni a varie lunghezze d’onda, il che gli ha permesso di dedurre, induttivamente, che c’era una presenza a lungo termine di vapore acqueo su Europa.

Advertisement

Ciò potrebbe avere implicazioni sostanziali per le future missioni sul pianeta, comprese sonde come l’Europa Clipper della NASA, Jupiter Icy Moons Explorer (JUICE) dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e altro ancora. Indipendentemente dal fatto che queste sonde scoprano o meno segni di vita sulle lune di Giove, impareremo sicuramente di più sull’evoluzione del sistema gioviano, che insegnerà agli astronomi qualcosa in più più su altri pianeti simili a Giove che orbitano attorno a stelle lontane.

Advertisement