14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomePsicologia & sociologiaUmani moderni: i misteriosi geni della creatività

Umani moderni: i misteriosi geni della creatività

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per la prima volta, gli scienziati hanno identificato i “geni della creatività” che distinguono gli umani moderni dagli scimpanzé e dai Neanderthal, il che potrebbe aiutare a spiegare come gli umani moderni abbiano superato ominidi ormai estinti come i Neanderthal.

“Una delle domande più fondamentali sulla natura umana è ciò che ha scatenato l’esplosione della creatività negli esseri umani moderni nel periodo appena prima e dopo la loro diffusa dispersione dall’Africa e la relativa estinzione dei Neanderthal e di altri parenti umani”, ha affermato Ian Tattersall, curatore emerito nella Divisione di Antropologia del Museo e coautore di un nuovo studio pubblicato su Molecular Psychiatry“Persistono importanti controversie sulle basi della creatività umana nell’arte e nella scienza, nonché sulle potenziali differenze nella cognizione, nel linguaggio e nella personalità che distinguono gli umani moderni dagli ominidi estinti“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli esseri umani moderni dimostrano una notevole creatività rispetto ai loro parenti viventi più prossimi, le grandi scimmie, un gruppo che include scimpanzé, gorilla e oranghi e i loro immediati antenati. Gli esseri umani hanno innovatività, flessibilità, profondità di pianificazione e relative capacità cognitive per il simbolismo e l’autoconsapevolezza che consentono anche la generazione spontanea di arte narrativa e linguaggio.

Ma la base genetica per l’emergere della creatività negli esseri umani moderni è rimasta un mistero. “Questo nuovo studio è il risultato di un uso davvero rivoluzionario delle metodologie genomiche per illuminarci sui meccanismi alla base della nostra unicità”, ha affermato Tattersall.

Il team di ricerca, guidato da Robert Cloninger, psichiatra e genetista della Washington University di St. Louis, ha precedentemente identificato 972 geni che regolano l’espressione genica per la personalità umana, che comprende tre reti quasi separate per l’apprendimento e la memoria.

Uno, per regolare la reattività emotiva – pulsioni emotive, apprendimento delle abitudini, attaccamento sociale, risoluzione dei conflitti – è emerso nelle scimmie circa 40 milioni di anni fa. Il secondo, che regola l’autocontrollo intenzionale, l’autogestione e la cooperazione per il reciproco vantaggio, è emerso poco meno di 2 milioni di anni fa. Un terzo, per l’autocoscienza creativa, è emerso circa 100.000 anni fa

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che 267 geni di questo gruppo più ampio si trovano solo negli esseri umani moderni e non negli scimpanzé o nei Neanderthal. Questi geni unicamente umani codificano per la rete cerebrale dell’autoconsapevolezza e regolano anche i processi che consentono all’Homo sapiens di essere creativo nell’arte narrativa e nella scienza, di essere più prosociale e di vivere una vita più lunga attraverso una maggiore resistenza all’invecchiamento, alle lesioni e alle malattie rispetto a gli ominidi che hanno sostituito. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I geni che regolano la reattività emotiva erano quasi gli stessi negli umani, nei Neanderthal e negli scimpanzé. E i Neanderthal erano circa a metà strada tra gli scimpanzé e l’Homo sapiens nei loro geni per l’autocontrollo e l’autoconsapevolezza. 

“Abbiamo scoperto che l’adattabilità e il benessere dei Neanderthal erano circa il 60-70% di quelli dell’Homo sapiens , il che significa che la differenza di forma fisica tra loro era grande”, ha affermato Cloninger. “Dopo che il più creativo, socievole e fisicamente resiliente Homo sapiens è emigrato dall’Africa tra 65.000 e 55.000 anni fa, ha sostituito i Neanderthal e altri ominidi, che si sono tutti estinti poco dopo, circa 40.000 anni fa”.

I ricercatori hanno determinato che i geni unici per gli esseri umani moderni sono stati selezionati a causa dei vantaggi legati a una maggiore creatività, comportamento prosociale e una sana longevità. Vivere più a lungo, vite più sane ed essere più prosociali e altruisti ha permesso all’Homo sapiens di sostenere i propri figli, nipoti e altri nelle loro comunità per tutta la vita in condizioni mutevoli e talvolta dure. Ed essere più innovativi di altri ominidi ha permesso agli umani di adattarsi in modo più flessibile alle fluttuazioni climatiche imprevedibili.

“Nel quadro più ampio, questo studio ci aiuta a capire come possiamo rispondere efficacemente alle sfide che gli esseri umani moderni devono affrontare attualmente”, ha affermato Tattersall. “Il nostro comportamento non è fissato o determinato dai nostri geni. In effetti, la creatività umana, la prosocialità e la sana longevità sono emerse nel contesto della necessità di adattarsi rapidamente a condizioni dure e diverse e di comunicare in ampi gruppi sociali”.

 
 

Articoli più letti

Articolo precedente
Articolo successivo