Estinzione di massa: ci troviamo nel mezzo di una di esse?

Diversi studiosi si sono interrogati sulla possibilità che il nostro genere umano possa trovarsi nel mezzo dell'ennesima estinzione di massa

0
371
Estinzione di massa: ci troviamo nel mezzo di una di esse? Apophis

Ultimamente la questione che l’ennesima estinzione di massa stia per abbattersi su fi noi, viene dibattuta urbi et orbi, tanto che letteratura e cinematografia non ci risparmiamo trame angoscianti sull’argomento. Emblematico è stato il film Don’t look up, che traccia con profondità, sarcasmo e a tratti in modo grottesco, le reazioni dell’animo alla possibilità che stiamo per estinguerci.

L’umanità ha davvero una probabilità su 6 di estinguersi in questo secolo?, estinzione di massa

Estinzione di massa: cosa dice la scienza?

Le estinzioni di massa sono state caratterizzate da eventi di una certa portata. Il più famoso di questi eventi ha coinvolto un asteroide che si è schiantato sulla Terra 66 milioni di anni fa, condannando all’estinzione appunto i dinosauri e molte altre specie. E gli scienziati dicono che non sarà l’ultimo.

Molti ricercatori sostengono che siamo nel mezzo di una sesta estinzione di massa, causata non da una roccia spaziale delle dimensioni di una città ma dalla crescita eccessiva e dal comportamento trasformativo di una singola specie: l’Homo sapiens. Gli esseri umani hanno distrutto gli habitat e stanno scatenando una crisi climatica.

I calcoli di un recente studio, pubblicato sulla rivista PNAS, hanno suggerito che gruppi di specie animali affini stanno scomparendo a un tasso del 35% superiore a quello normalmente previsto. E sebbene ogni estinzione di massa abbia vincitori e vinti, non c’è motivo di presumere che in questo caso gli esseri umani sarebbero tra i sopravvissuti.



In realtà, il coautore dello studio Gerardo Ceballos ritiene che potrebbe verificarsi il contrario, con la sesta estinzione di massa che trasformerà l’intera biosfera, o l’area del mondo ospitale per la vita, forse in uno stato in cui potrebbe essere impossibile per l’umanità persistere a meno che non venga intrapresa un’azione significativa.

La biodiversità si riprenderà, ma i sopravvissuti sono molto difficili da prevedere. Molti dei perdenti di queste passate estinzioni di massa sono stati gruppi di incredibile successo”, ha affermato Ceballos, ricercatore senior presso l’Istituto di Ecologia dell’Università Nazionale Autonoma del Messico.

Sebbene le cause delle “cinque grandi” estinzioni di massa siano varie, capire cosa è successo durante questi drammatici capitoli della storia della Terra e cosa è emerso in seguito a questi cataclismi può essere istruttivo.

Nessuno ha visto questi eventi ma sono su una scala che potrebbe ripetersi. Dobbiamo imparare dal passato perché questo è il nostro unico set di dati“, ha affermato Michael Benton, professore di paleontologia dei vertebrati all’Università di Bristol nel Regno Unito.

Scoperto perché i dinosauri si estinsero dopo l'impatto dell'asteroide, estinzione di massa

Mentre i paleontologi studiano i fossili da secoli, la scienza dell’estinzione di massa è relativamente nuova. La datazione radiometrica, basata sul decadimento radioattivo naturale di alcuni elementi, come il carbonio, e altre tecniche hanno rivoluzionato la capacità di determinare con precisione l’età delle rocce antiche nella seconda metà del secolo scorso.

Gli sviluppi gettano le basi per il lavoro del defunto fisico vincitore del Premio Nobel Luis Alvarez e di suo figlio geologo Walter, professore di Scienze della Terra e planetarie all’Università della California, Berkeley. Insieme ad altri due colleghi, sono stati coautori di un sensazionale articolo del 1980 sull’anomalia dell’iridio”: uno strato di roccia sedimentaria spesso 1 centimetro (0,4 pollici) ricco di iridio, un elemento raro sulla superficie terrestre ma comune nei meteoriti.

I ricercatori hanno attribuito l’anomalia, inizialmente identificata in Italia, Danimarca e Nuova Zelanda, all’impatto di un grande asteroide. Sostenevano che lo strato insolito rappresentasse il momento esatto in cui c’è stata l’estinzione di massa.

Inizialmente accolta con scetticismo, l’anomalia dell’iridio alla fine è stata individuata in sempre più luoghi in tutto il mondo. Un decennio più tardi, un altro gruppo di ricercatori ha individtaltre evidenze: un cratere largo 200 chilometri al largo della costa della penisola messicana dello Yucatan.

La roccia e i sedimenti avevano una composizione simile agli strati di iridio e gli scienziati hanno suggerito che la depressione, chiamata cratere Chicxulub, fosse stata causata dall’impatto di un asteroide. I ricercatori ritengono che le altre anomalie individuate in tutto il mondo siano state causate dalla dispersione di detriti quando la roccia spaziale ha colpito la Terra, causando un’estinzione di massa.

La maggior parte dei paleontologi ora accetta che l’asteroide abbia causato quella che è conosciuta come l’estinzione di massa e della fine del Cretaceo. L’impatto ha innescato un periodo di raffreddamento globale, con polvere, fuliggine e zolfo sollevati durante l’impatto che hanno bloccato il sole e probabilmente hanno interrotto la fotosintesi, un processo chiave per la vita.

Un sito fossile nel Nord Dakota ha fornito un livello di dettaglio senza precedenti su cosa sia stato quel giorno e le sue conseguenze immediate. detriti sono precipitati, incastrandosi nelle branchie dei pesci, mentre enormi ondate d’acqua simili a uno tsunami scatenate dall’impatto hanno sterminato dinosauri e altre creature. Gli scienziati hanno addirittura scoperto che l’asteroide si è schiantato sulla Terra in primavera.

La scomparsa dei grandi dinosauri ha creato un mondo in cui i mammiferi, e in ultima analisi gli esseri umani, sono stati in grado di prosperare. E i dinosauri non sono stati completamente annientati: gli scienziati ora credono che gli uccelli che svolazzano nei nostri cortili si siano evoluti direttamente da parenti più piccoli del Tyrannosaurus rex.

Scoperta una "quasi Luna" in orbita attorno alla Terra, estinzione di massa

Sulla scia della straordinaria scoperta del duo Alvarez, inizialmente agli scienziati è sembrato che l’impatto di un asteroide nello spazio potesse essere un meccanismo generale in grado di spiegare tutti gli eventi di estinzione di massa identificati nella documentazione geologica. Ma, secondo Benton, l’estinzione della fine del Cretaceo è l’unica associata in modo affidabile a un asteroide.

Un altro colpevole, tuttavia, spiega diversi episodi di estinzione minori e almeno due estinzioni di massa, inclusa la più grande mai registrata.

Qualcosa di conosciuto come evento ipertermale, un improvviso riscaldamento del pianeta ha segnato la rovina di ampi segmenti della vita sulla Terra in più di un’occasione, ha seguito uno schema prevedibile: eruzione vulcanica, rilascio di anidride carbonica, riscaldamento globale, piogge acide, acidificazione degli oceani, risultando in una strada verso l’oblio più lunga rispetto all’asteroide che uccide i dinosauri ma ugualmente distruttiva.

Nel più grande cataclisma di tutti i tempi, chiamato estinzione della fine del Permiano, avvenuta 252 milioni di anni fa, circa il 95% delle specie scomparvero sulla terra e in mare a causa del riscaldamento globale, con temperature in aumento forse da 10 a 15 gradi Celsius.

Conosciuto come “the Great Dying”, l’evento di estinzione di massa è stato segnato da eruzioni supervulcaniche che hanno espulso gas serra in una regione delle dimensioni dell’Australia conosciuta come Trappole Siberiane in Eurasia.

Questo ha portato a piogge acide estreme che hanno colpito la vita vegetale e lasciato la superficie terrestre rocciosa mentre le precipitazioni hanno riversato il terreno negli oceani, che a loro volta sono stati sommersi da materia organica.

Nel vuoto che seguì, tuttavia, emersero diverse creature evolutesi da quelle sopravvissute, mostrando molti nuovi modi di esistere con caratteristiche come piume, capelli e velocità di locomozione.

Rilevato un asteroide potenzialmente , pericoloso per la Terra, estinzione di massa

Uno dei grandi cambiamenti sulla terra, a quanto pare, è stato un grande aumento dell’energia di ogni cosa. Tutti i rettili sopravvissuti divennero molto rapidamente eretti nella postura invece che bassi e distesi. Alcuni animali sono diventati a sangue caldo in qualche modo perché tracciamo le piume fino ai primi dinosauri del Triassico e ai loro parenti più prossimi e, per quanto riguarda i mammiferi, tracciamo l’origine dei capelli“, ha spiegato lo scienziato.

Un altro periodo di estrema attività vulcanica 201 milioni di anni fa ha segnato l’estinzione di massa della fine del Triassico. È stato collegato alla disgregazione del supercontinente Pangea e all’apertura dell’Oceano Atlantico centrale. Molti rettili terrestri sono scomparsi a seguito di quell’evento catastrofico, lasciando il posto agli imponenti sauropodi.

Più in là nel temp, un evento di estinzione di massa ha posto fine al periodo Devoniano: un’era geologica in cui la vita ha prosperato sulla terra per la prima volta, è stato attribuito ad un fattore ipertermale probabilmente innescato dall’attività vulcanica 359 milioni di anni fa.

Altre ricerche pubblicate nel 2020 suggeriscono che alcune esplosioni di stelle, note come supernove, potrebbero aver avuto un ruolo negli episodi di estinzione di massa.

Successivamente si è verificato un periodo meno compreso di raffreddamento mondiale. Si ritiene che queste crisi gemelle, separate da soli 14 milioni di anni, abbiano portato a rapidi cambiamenti nella temperatura e nel livello del mare che hanno provocato la perdita di almeno il 50% delle specie mondiali, spazzando via molti pesci corazzati, piante terrestri e animali primordiali come i primi elpistostegaliani, che stavano effettuando la transizione dall’acqua alla terra.

La conseguente perdita di specie marine ha lasciato il posto all’età dell’oro degli squali durante il periodo Carbonifero, quando i predatori dominavano i mari e si evolvevano fino a includere una varietà di specie con forme diverse.

Temperature più fredde e un drastico calo del livello del mare, forse rispettivamente fino a 10 gradi Celsius più fresco e 150 metri più profondo, hanno giocato un ruolo importante nel primo evento di estinzione di massa identificato, l’Ordoviciano di fine. Questo cambiamento, avvenuto circa 444 milioni di anni fa, ha portato ad una estinzione di massa che comportò la scomparsa dell’80% delle specie in un’epoca in cui la vita era per lo più limitata ai mari.

Ciò che ha innescato la moria è stato il massiccio supercontinente Gondwana (l’odierno Sud America, Africa, Antartide e Australia) alla deriva sopra il Polo Sud durante l’Ordoviciano. Quando una massa terrestre copre la regione polare, la calotta glaciale riflette la luce solare e rallenta lo scioglimento, determinando una calotta glaciale in espansione che abbassa il livello del mare a livello globale.

Al cataclisma si è aggiunta l’attività vulcanica. Tuttavia, in questo caso, non sembra che le temperature globali siano aumentate. Invece, il fosforo della lava e delle rocce vulcaniche si è riversato nel mare, assorbendo l’ossigeno dagli oceani.

Un numero crescente di scienziati ritiene che negli ultimi 10.000 anni si sia verificato un sesto evento di estinzione di massa di magnitudo pari ai cinque precedenti, mentre gli esseri umani hanno lasciato il segno in tutto il mondo.

Il dodo, la tigre della Tasmania , il baiji, o delfino del fiume Yangtze e il rinoceronte nero occidentale sono solo alcune delle specie che sono scomparse finora in quella che è conosciuta come l’estinzione dell’Olocene o dell’Antropocene.

Intere categorie di specie, o generi, correlati stanno scomparendo, un processo che sta colpendo interi ecosistemi e mettendo in pericolo la sopravvivenza della nostra stessa specie.

Ceballos e il coautore dello studio Paul Ehrlich, professore emerito di studi sulla popolazione presso l’Università di Stanford, hanno valutato 5.400 generi di animali vertebrati, esclusi i pesci. Un singolo genere raggruppa una o più specie diverse ma correlate: ad esempio il genere Canis comprende lupi, cani, coyote e sciacalli.

L’analisi dei due ha scoperto che 73 generi si sono estinti negli ultimi 500 anni. Questo è molto più veloce del tasso di estinzione “di fondo” previsto, o del tasso con cui le specie morirebbero naturalmente senza influenze esterne: in assenza di esseri umani, questi 73 generi avrebbero impiegato 18.000 anni per scomparire.

Scoperta la causa della più grande estinzione di massa

Le cause di queste estinzioni sono varie: cambiamento dell’uso del territorio, perdita di habitat, deforestazione, allevamento e agricoltura intensiva, specie invasive, caccia eccessiva e crisi climatica. Tutti questi cambiamenti devastanti hanno un filo conduttore comune: l’umanità.

Ceballos ha indicato l’estinzione del piccione migratore, che era l’unica specie del suo genere, come esempio di come la perdita di un genere possa avere un effetto a cascata su un ecosistema più ampio. La perdita di questa specie, risultato della caccia spericolata nel 19° secolo, ha ristretto la dieta umana nell’America settentrionale orientale e ha permesso ai topi con le zampe bianche, che ospitavano batteri che erano tra le sue prede, di prosperare.

Inoltre, secondo lo studio, alcuni scienziati ritengono che l’estinzione del piccione migratore, insieme ad altri fattori, sia alla base dell’attuale aumento di malattie trasmesse dalle zecche, come la malattia di Lyme, che affligge sia gli esseri umani che gli animali.

Secondo Ceballos, non solo le azioni distruttive degli esseri umani hanno il potenziale di erodere la qualità della nostra vita a lungo termine, ma i loro effetti a catena potrebbero eventualmente compromettere il nostro successo come specie.

In conclusione, il pianeta può sopravvivere e sopravviverà bene senza di noi, secondo lo studioso Ceballos. Ma, come l’anomalia dell’iridio lasciata dalla roccia spaziale che ha condannato i dinosauri, come potrebbero apparire le tracce finali della civiltà umana nella documentazione geologica?

Alcuni scienziati sottolineano le tracce geochimiche dei test delle bombe nucleari, in particolare del plutonio, un elemento radioattivo ampiamente rilevato in tutto il mondo nelle barriere coralline, nelle carote di ghiaccio e nelle torbiere.

Altri dicono che potrebbe essere qualcosa di completamente più banale, come uno strato fossilizzato di ossa di polli, l’animale addomesticato e allevato industrialmente, consumato in tutto il mondo in quantità aberranti, che è rimasto come l’eredità distintiva dell’umanità per secoli.

2