La tecnologia, in futuro, potrebbe deformare gli umani

Un progetto di ricerca commissionato da TollFreeForwarding avverte che un uso eccessivo della tecnologia potrebbe creare anomalie

920
La tecnologia potrebbe deformare gli umani in futuro
La tecnologia potrebbe deformare gli umani in futuro

Un progetto di ricerca commissionato da TollFreeForwarding avverte che un uso eccessivo della tecnologia potrebbe creare anomalie.

I progressi tecnologici cambiano il modo in cui le persone lavorano e funzionano, spesso accelerando il processo o creando efficienza. Tuttavia, esiste la possibilità che la tecnologia influisca sul nostro corpo, soprattutto per il suo uso frequente.

Un progetto di ricerca commissionato da TollFreeForwarding avverte che un uso eccessivo della tecnologia potrebbe creare anomalie. I ricercatori hanno collaborato con un designer 3D per creare immagini di un “futuro umano” che mostra i problemi legati alla tecnologia dall’uso quotidiano. I ricercatori hanno chiamato il modello 3D “Mindy”.

Per mostrare l’impatto della tecnologia sul corpo umano, soprattutto per un lungo periodo di tempo, il team ha effettuato ricerche scientifiche ed ha ascoltato opinioni di esperti sull’argomento, in particolare gli effetti negativi che la tecnologia può avere sul corpo umano.

Il design nell’immagine si basava sull’uso costante di smartphone, laptop e altre forme di tecnologia.

Effetti sul dorso

I ricercatori prevedono che “Mindy” avrà una schiena curva in futuro. Ciò sarebbe dovuto all’uso eccessivo di oggetti tecnologici moderni, che influiscono sul modo in cui le persone si siedono e stanno in piedi. Credono che guardare costantemente uno smartphone e guardare lo schermo di un computer possa sforzare parti del corpo, portando all’arco della schiena e al disallineamento della colonna vertebrale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Trascorrere ore a guardare il telefono affatica il collo e sbilancia la colonna vertebrale. Di conseguenza, i muscoli del collo devono dedicare uno sforzo extra per sostenere la testa”, ha affermato Caleb Backe, esperto di salute e benessere presso Maple Holistics. Backe sostiene anche che stare seduti per ore davanti a un computer può disallineare il busto in avanti rispetto ai fianchi.

Braccia e mani alterate

Un’altra caratteristica visibile dell’immagine 3D è quella che i ricercatori chiamano “artiglio del testo”, chiamata anche sindrome del tunnel cubitale – una condizione nervosa nel gomito che produce intorpidimento alle dita – causata dall’uso costante dello smartphone. Questo nuovo termine è stato ideato per spiegare come la mano assuma una forma permanente a forma di artiglio a causa del continuo tenere in mano uno smartphone.

Artiglio del testo. Immagine 3D di "Mindy"/TollFreeForwarding
Artiglio del testo. Immagine 3D di “Mindy”/TollFreeForwarding

“Alcuni anni fa, l’utilizzo di Internet mobile ha superato il desktop e ora abbiamo Internet nelle nostre mani. Tuttavia, il modo in cui teniamo i nostri telefoni può causare tensione in alcuni punti di contatto, causando un “artiglio del testo”, noto come sindrome del tunnel cubitale”, ha affermato il dottor Nikola Djordjevic, medico e co-fondatore di Med Alert Help.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I futuri umani potrebbero anche avere un gomito di 90 gradi dall’uso eccessivo della tecnologia. Questa idea è un’estensione della spiegazione dell’artiglio del testo, entrambe caratteristiche della sindrome del tunnel cubitale, anche dall’uso eccessivo dello smartphone. Il cambiamento fisico è formato dalla “pressione o dallo stiramento del nervo ulnare che scorre in un solco sul lato interno del gomito”, ha detto Djordjevic.

Il collo influenzato dall’uso della tecnologia

La postura dell’immagine 3D, “Mindy”, mostra anche l’effetto della tecnologia sul collo. “Quando lavori al computer o guardi il telefono dall’alto in basso, i muscoli della nuca devono contrarsi per tenere la testa alta. Più guardi in basso, più i muscoli devono lavorare per mantenere la testa alta”, ha spiegato il dottor K. Daniel Riew, medico del New York-Presbyterian Orch Spine Hospital.

Funzionalità aggiuntive che potrebbero essere interessate

Lo studio prevede che i futuri umani potrebbero avere un cranio più spesso per proteggere il cervello dalle radiazioni degli smartphone e che potrebbero sviluppare una seconda palpebra per proteggere gli occhi dalla tensione e dalla troppa luce blu dall’esposizione dello schermo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Seconda palpebra. Immagine 3D di "Mindy"/TollFreeForwarding
Seconda palpebra. Immagine 3D di “Mindy”/TollFreeForwarding

“Gli esseri umani potrebbero sviluppare una palpebra interna più grande per prevenire l’esposizione ad una luce eccessiva, oppure il cristallino dell’occhio potrebbe evolversi e svilupparsi in un modo tale da bloccare la luce blu in entrata ma non altre luci ad alta lunghezza d’onda come il verde, il giallo o il rosso”, ha affermato Kasun Ratnayake, ricercatore presso l’Università di Toledo.

La tecnologia è una risorsa enorme, ma è interessante sapere quale impatto potrebbe avere sul corpo umano nel tempo.