Home Fisica/Astronomia/astrofisica

L’esplorazione degli asteroidi potrebbe aiutare a salvare la Terra

Circa 66 milioni di anni fa l'era dei dinosauri si concluse bruscamente, quando un enorme asteroide, proveniente dalla cintura degli asteroidi, si schiantò sul nostro mondo

508

Circa 66 milioni di anni fa, l’era dei dinosauri si concluse bruscamente, quando un enorme asteroide si schiantò nel nostro mondo. La palla di fuoco risultante e i detriti fusi accesero incendi boschivi in ​​tutto il mondo. In seguito, per anni o decenni il Sole fu oscurato dal fumo e dalla polvere.

Il 17 ottobre, l’asteroide 2021 TG14, una roccia delle dimensioni di un autobus, è passato vicino alla Terra a una distanza di soli 250.000 km. Può sembrare una distanza di sicurezza ma si tratta di meno di due terzi della distanza tra la Terra e la Luna (in media 385.000 km).

Nonostante questo passaggio relativamente ravvicinato, non c’è alcuna possibilità che  2021 TG14, che compie un’orbita attorno al Sole ogni 470 giorni, colpisca la Terra in qualsiasi momento nel prossimo futuro. Anche se lo facesse, probabilmente causerebbe solo danni localizzati.

Gli asteroidi sono oggetti insoliti e intriganti, possono essere “fossili” dell’antico sistema solare e molti si sono formati prima dell’età dei pianeti

L’esplorazione degli asteroidi offre agli astronomi affascinanti scorci di queste reliquie vecchie di miliardi di anni.

Un quintetto di astronavi potrebbe aiutarci a rispondere a molte delle domande che ci poniamo su queste “Stele di Rosetta cosmiche”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene i meteoriti (frammenti di detriti spaziali che precipitano al suolo) possano provenire da asteroidi, questi campioni non sono gli stessi che erano nel loro ambiente naturale.

Mentre le meteore corrono attraverso la nostra atmosfera in uno spettacolo infuocato, le temperature estreme influenzano la chimica del frammento. Una volta che questi pezzi precipitano sulla Terra, i meteoriti sono soggetti anche a cambiamenti chimici, agenti atmosferici e ossidazione, rovinando il materiale originale che potrebbe essere stato un tempo nella loro matrice pietrosa.

È molto probabile che queste missioni sugli asteroidi svelino nuove domande e misteri sull’antico passato, quando il nostro sistema solare stava prendendo forma per la prima volta. L’esplorazione degli asteroidi potrebbe potenzialmente aiutarci a salvare città, nazioni e forse la razza umana da un destino tragico.

OSIRIS-REx, The Origins-Spectral Interpretation-Resource Identification-Security-Regolith Explorer è stato lanciato sull’asteroide Bennu nel 2016

Dopo il suo arrivo su Bennu più di due anni dopo, la navicella ha raccolto campioni dalla sua superficie rocciosa ghiacciata. Quei campioni dovrebbero arrivare sulla Terra il 24 settembre 2023, atterrando nel deserto dello Utah.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Correlato: OSIRIS-REx, missione compiuta

È stato recentemente dimostrato che Bennu ha una minima possibilità di colpire la Terra il 24 settembre 2182, circa una su 2700. Attualmente, gli astronomi stimano una possibilità su 1700 di un impatto ad un certo punto prima dell’anno 2300. Un incontro ravvicinato tra la Terra e Bennu nel 2135 darà agli astronomi un’idea migliore sulle possibilità che questo corpo celeste di mezzo chilometro colpisca o meno la Terra.

Asteroide Ryugu: in corso gli studi sui campioni

Dopo il suo arrivo all’asteroide, la navicella spaziale Hayabusa2 ha effettuato una rapida manovra touch-and-go, raccogliendo campioni da Ryugu. Quei campioni sono tornati sulla Terra il 6 dicembre 2020.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La navicella spaziale Hayabusa2, guidata dall’agenzia spaziale giapponese JAXA, è il seguito della missione Hayabusa, che dieci anni fa ha portato sulla Terra circa 1500 piccoli grani dall’asteroide Itokawa.

Solo poche organizzazioni selezionate nel mondo detengono pezzi di Ryugu. E solo una struttura negli Stati Uniti, l’Argonne National Laboratory, ha visto finora i campioni ultra rari.

Si prevede che i contributi di Ryugu allo studio degli asteroidi saranno ricchi di nuove scoperte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La missione Psiche

La missione Psiche dovrebbe essere lanciata nell’agosto 2022, diretta verso l’asteroide Psiche (CHE coincidenza!).

Ciò che rende questo asteroide così speciale è la sua composizione: è in gran parte costituito da metalli! Le prime stime suggerivano che Psiche potesse essere composta per il 90% da metalli, anche se studi recenti suggeriscono che la concentrazione potrebbe essere compresa tra il 30 e il 60%.

Correlato: La NASA incarica SpaceX per lanciare la sonda verso Psiche

“Potrebbe essere parte o tutto l’interno ricco di ferro di un primo blocco planetario che è stato spogliato del suo guscio roccioso esterno dopo impatti ripetuti con altri grandi corpi durante la prima formazione del sistema solare… Psiche potrebbe anche essere qualcos’altro. Potrebbe essere il pezzo rimanente di un tipo completamente diverso di corpo ricco di ferro formatosi da materiale ricco di metalli da qualche parte nel sistema solare”, descrive la NASA.

Situata nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove, Psiche assomiglia al nucleo ricco di ferro di un pianeta primordiale.

Sebbene il telerilevamento ci permetta di studiare i materiali vicino al centro della Terra, i geologi non possono studiarli direttamente. La missione Psiche fornirà il nostro primo sguardo ravvicinato agli elementi costitutivi dei pianeti rocciosi. Mondi rocciosi simili si trovano intorno ad altre stelle e l’analisi di Psiche potrebbe insegnarci di più su questi esopianeti.

La sonda arriverà per la prima volta in vista del suo obiettivo nel 2025, tre anni prima del suo arrivo, promettendo diversi anni di scienza prima dell’impatto.

LUCY

Nel 1974, nel deserto di Afar in Etiopia, fu scoperto uno scheletro parziale di Australopithecus afarensis.  All’epoca, questi resti scheletrici erano l’esemplare più completo (40%) mai trovato di un antenato umano. Popolarmente conosciuta come Lucy, questo scheletro di un’antica donna ha portato alla luce una grande quantità di informazioni sui nostri lontani antenati.

Chiamata in onore di questo antico ominide, la missione Lucy mira a scoprire i segreti della nostra famiglia di mondi nel lontano passato.

Mentre la maggior parte degli asteroidi del nostro sistema solare si trova nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, due gruppi guidano e seguono il Re dei Pianeti nel suo viaggio intorno al Sole. L’esplorazione degli asteroidi deve includere uno sguardo ravvicinato a queste strane popolazioni di corpi.

Lucy sarà la prima navicella spaziale ad esplorare questi misteriosi asteroidi troiani di Giove. Intricate meccaniche orbitali permetteranno a Lucy di visitare almeno sette di questi corpi, oltre ad altri bersagli.

“Durante la sua missione primaria di dodici anni, Lucy esplorerà un numero record di asteroidi, volando vicino a un asteroide della fascia principale e sette asteroidi troiani”, spiega la NASA.

“Lucy continuerà in sicurezza con le manovre di desaturazione, brevi manovre di accensione dei propulsori per gestire lo slancio del veicolo spaziale, come previsto”, riferisce il team di Lucy.

DART

Nonostante l’ampia gamma di tecniche teoricamente possibili per deviare gli asteroidi, se gli astronomi dovessero trovare un oggetto pericoloso, con la tecnologia attuale solo due tecniche sarebbero realizzabili.

Con un preavviso sufficiente, potrebbe essere effettivamente possibile far volare un’astronave vicino a un asteroide, usando l’effetto di rimorchio gravitazionale del veicolo per deviare il masso spaziale dalla sua traiettoria. Tuttavia, questa operazione necessiterebbe di un certo tempo per essere attuata.

Se l’oggetto venisse scoperto con poco preavviso, la nostra migliore scommessa potrebbe essere quella di impattarlo con una navicella spaziale. La missione Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA è il primo test su larga scala di un tale sistema di impatto cinetico.

Il veicolo è attualmente programmato per il decollo dalla Vandenberg Space Force Base in California il 23 novembre a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9.

Correlato: Il filmato del Booster del Falcon 9 che ha avuto problemi nella fase di rientro. Intanto esce una timeline di SpaceX per Marte

La navicella spaziale NASA/SpaceX si dirigerà verso un sistema a doppio asteroide, composto dagli asteroidi Didymos A e B. Il più piccolo di questi orbita attorno al suo partner più grande come una piccola luna.

“Mentre il corpo primario di Didymos ha un diametro di circa 780 metri, il suo corpo secondario (o “moonlet”) ha una dimensione di circa 160 metri, che è più tipica delle dimensioni degli asteroidi che potrebbero rappresentare la minaccia più probabile per la Terra. Il binario Didymos viene osservato intensamente utilizzando i telescopi sulla Terra per misurare con precisione le sue proprietà prima dell’arrivo di DART”, riferisce il team di DART.

La Dart Probe, delle dimensioni di un piccolo capannone di stoccaggio, avrà un impatto sulla minuscola luna a circa 6,6 chilometri al secondo, mentre gli astronomi a terra ne osserveranno gli effetti. Questo segnerà una nuova era nell’esplorazione degli asteroidi.

“La collisione cambierà la velocità della luna nella sua orbita attorno al corpo principale di una frazione dell’uno percento, ma questo cambierà il periodo orbitale della luna di diversi minuti, abbastanza per essere osservata e misurata usando i telescopi sulla Terra”, Lo riferisce il Planetary Defense Coordination Office della NASA.

Didymos B è simile alle dimensioni degli asteroidi che la maggior parte dei ricercatori ritiene rappresentino la più grande minaccia per la Terra. Sono abbastanza grandi da causare danni significativi (se non esistenziali) e sono anche abbastanza piccoli da evitare il rilevamento fin quando rimane poco tempo per formulare una risposta.

Difesa planetaria

Il grande errore dei dinosauri è stato: non hanno mai sviluppato un programma spaziale.

OK, forse questo potrebbe essere andato oltre le loro capacità, ma certamente non è oltre i limiti delle nostre capacità o immaginazione. Se dovessimo affrontare una minaccia immediata dallo spazio domani (diciamo, tra cinque anni), un impattatore cinetico sarebbe la nostra migliore possibilità per evitare un impatto.

Sviluppare un sistema di difesa planetaria solo dopo aver scoperto una minaccia sarebbe probabilmente troppo tardi per prevenire il disastro. L’esplorazione degli asteroidi ora è il nostro primo passo per salvare le popolazioni da Incontri ravvicinati del tipo di asteroidi.

“Se i preparativi fossero fatti in anticipo in modo che gli impattatori cinetici fossero disponibili al momento del rilevamento, la National Academy of Sciences richiederebbe un tempo di preavviso di almeno 1 o 2 anni per gli asteroidi più piccoli. Se domani venisse rilevato un asteroide in avvicinamento, forse sarebbero necessari 20 anni per costruire e lanciare un dispositivo, per raggiungere e colpire il bersaglio e per allontanare l’asteroide dal percorso della Terra”, spiegano i funzionari della NASA.

Esplorando il Cosmo, con equipaggi sia robotici che umani, sviluppiamo le tecnologie necessarie per catturare e immagazzinare l’anidride carbonica nella nostra atmosfera globale, migliorare l’efficienza e ridurre i costi delle energie rinnovabili e, cosa forse più importante, cambiare radicalmente le nostre nozioni su cosa significa essere un essere umano.

Queste minacce alla Terra includono anche asteroidi e comete. Se vogliamo proteggere la vita nel nostro mondo, lo dobbiamo a quei piccoli e coraggiosi mammiferi antichi che per primi si sono avventurati nell’apocalisse infernale che provocò l’estinzione dei dinosauri e abbiamo il dovere di proteggere questo pianeta ricco e lussureggiante che abbiamo ereditato dalle minacce dallo spazio.