11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeTecnologiaEsopianeti: replicare le atmosfere in laboratorio per aiutare a cercare la vita...

Esopianeti: replicare le atmosfere in laboratorio per aiutare a cercare la vita – video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un team di scienziati sta replicando in laboratorio le atmosfere degli esopianeti per capire meglio come i climi alieni potrebbero dare origine alla vita altrove.

I climi degli esopianeti

Utilizzando uno strumento da 2.000 libbre presso l’Università del Colorado, Boulder, i ricercatori del laboratorio del professor Greg Rieker possono ricreare il calore elevato e le pressioni di diversi esopianeti per mappare i gas nella loro atmosfera.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Osservando l’atmosfera terrestre, possiamo vedere che qui c’è vita perché vediamo metano, anidride carbonica, e diversi indicatori che ci dicono che c’è qualcosa di vivo qui” ha detto Rieker in un comunicato. “Possiamo anche guardare le firme chimiche degli esopianeti. Se dovessimo vedere la giusta combinazione di gas, potremmo avere un indicatore che ci dice che qualcosa è vivo anche lì”.

Rieker, insieme al dottor Ryan Cole, ritiene inoltre che il loro lavoro possa contribuire allo studio della spettroscopia di transito degli esopianeti, una tecnica in cui viene studiata la composizione atmosferica di un esopianeta utilizzando la luce che lo attraversa.

Utilizzando questa tecnica, si può osservare che elementi diversi assorbono i fotoni in modo diverso, causando cambiamenti nel colore della luce che emerge dall’atmosfera.

“Gli scienziati hanno bisogno di una mappa per interpretare ciò che la luce ci dice quando arriva qui“, ha detto Rieker. “È qui che entra in gioco l’esperimento di Ryan. Mentre creiamo questo piccolo microcosmo dell’atmosfera di quell’esopianeta nel nostro laboratorio, inviamo la nostra luce caratterizzata con i laser e studiamo i fotoni che escono. Possiamo misurare i cambiamenti e mappare come la luce viene assorbita.”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lavorando con altri scienziati del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, Rieker e Cole combinano le letture dei sensori con simulazioni al computer per abbattere i diversi gas nell’atmosfera di diversi esopianeti, utilizzando lo strumento di replicazione dell’atmosfera per vedere come la luce viene assorbita in diversi ambienti atmosferici.

Il team del JPL aiuta a fornire gli strumenti a Rieker e Cole per interpretare i loro risultati, e tutti non vedono l’ora di sapere quali nuovi dati il ​​telescopio spaziale James Webb porterà sul tavolo.

“Il James Webb Space Telescope e altri telescopi come Hubble, stanno osservando l’orizzonte finale di ciò che gli umani possono vedere”, ha affermato Cole. “Greg e io stiamo cercando di rendere le loro visioni un po’ più chiare. Le nostre misurazioni di laboratorio possono aiutare a interpretare le osservazioni dei telescopi di lontane atmosfere planetarie”.

Articoli più letti