Tecnologia: cosa dobbiamo aspettarci dal 2023?

Il 2023 potrebbe essere foriero di grandi innovazioni: veicoli elettrici, lander commerciali e parchi eolici

0
778
Cosa dobbiamo aspettarci dal 2023?
Twitter

Nel 2023 dobbiamo aspettarci diverse innovazioni in vari settori: veicoli elettrici, parchi eolici, ma anche lander commerciali. Certo, nel 2022, abbiamo assistito a imprese tecnologiche impressionanti, tra cui una svolta nell’energia da fusione, il primo test riuscito di un aereo passeggeri completamente elettrico e il rilascio di vaccini di richiamo bivalenti Covid-19.

Per l’anno appena iniziato qualche idea ce la fornisce Inverse, che precisa: “Non ci occupiamo di predire il futuro, ma le innovazioni che abbiamo visto negli ultimi 12 mesi possono aiutarci a prevedere cosa potrebbe esserci in serbo per il prossimo: dal trasporto senza conducente all’esplorazione dello spazio commerciale a (finalmente) energia pulita per tutti”.

Innovazioni 2023: veicoli elettrici senza conducente

Il 2023 introdurrà veicoli elettrici più convenienti, consentendo a una fetta più ampia della popolazione di guidare in modo sostenibile. Ad esempio, GM sta lanciando modelli più economici che costano circa 30.000 dollari, ampliando le scelte per i conducenti con un budget limitato.

L’offerta meno costosa di Tesla, la Model 3, parte da circa 47.000 dollari. Anche se attualmente la Model 3 è l’auto elettrica più venduta negli Stati Uniti, alcuni di questi nuovi modelli potrebbero farla cadere dal trono.

Se non avete voglia di guidare presto potrebbe diventare più facile avere a disposizione un’auto autonoma. Nel 2023, Uber prevede di lanciare un servizio completamente senza conducente e la divisione robotaxi di GM (che ora opera a San Francisco, Phoenix e Austin) mira a entrare in un “gran numero di mercati”.



Continua la conquista dello spazio

Proprio come nel 2022, i magnati dello spazio stanno ancora puntando alla Luna. Ma prima che SpaceX possa affrontare gli atterraggi lunari, deve inviare Starship nel suo primo volo di prova orbitale. Chris Impey, professore di astronomia all’Università dell’Arizona, pensa che questo sia l’anno giusto. Intervistato da Inverse, Impey spiega che SpaceX “avrà il suo primo volo orbitale di successo della Starship, un razzo rivoluzionario nello sforzo di portare gli astronauti sulla Luna e su Marte entro un decennio”.

Lo sviluppo dei parchi eolici

Portare l’eolico offshore negli Stati Uniti non è stato esattamente un gioco da ragazzi, ma quest’anno l’energia eolica potrebbe finalmente avere il suo momento: la società energetica Avangrid Renewables ha in programma di portare online il primo progetto eolico offshore su scala commerciale del paese nel 2023.

Il suo progetto Vineyard Wind 1, che si trova a oltre 15 miglia al largo della costa del Massachusetts, offrirà una capacità di 800 megawatt. Molti altri parchi eolici sono in lavorazione, inclusi potenziali progetti al largo delle coste della California, del New Jersey, della Carolina del Nord, del Connecticut, del Maryland e della Virginia.

L’evoluzione della realtà virtuale

Se il 2022 è stato l’anno del fallimento del Metaverso, il 2023 potrebbe annunciare il suo ritorno e miglioramenti nella tecnologia VR e AR nel suo complesso. Christopher Ball, assistente professore di realtà aumentata e virtuale presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign, ha spiegato a Inverse: “Credo che assisteremo al continuo perfezionamento della tecnologia della realtà virtuale”.

L’auricolare Meta Quest 3 sarà annunciato entro la fine dell’anno e sarà probabilmente più conveniente rispetto a Meta Quest Pro. Ma il nuovo Quest potrebbe contenere alcune funzionalità avanzate che ora si trovano esclusivamente in Meta Quest Pro, secondo Ball.

Un’evoluzione genetica in arrivo?

Dopo il miracoloso successo dei vaccini mRNA Covid-19 di BioNTech e di altri giganti farmaceutici, gli scienziati hanno au,emtato lo sviluppo di vaccini a mRNA per proteggere da una serie di malattie potenzialmente mortali. Nel 2023, BioNTech prevede di iniziare la sperimentazione umana per i vaccini contro la tubercolosi, la malaria e l’herpes genitale, come riportato da Nature.

Un’altra tecnologia vivace potrebbe farsi strada quest’anno. La società biotecnologica svizzero-americana CRISPR Therapeutics potrebbe fare la storia ricevendo la prima approvazione regolamentare per una terapia di modifica genetica CRISPR negli Stati Uniti e in Europa.

CRISPR Therapeutics sta cercando l’approvazione della FDA per un trattamento per due malattie genetiche del sangue: anemia falciforme e beta talassemia. Se tutto va bene, potrebbe anche arrivare sul mercato nei prossimi mesi.

2