L’eruzione del vulcano Hunga ha prodotto quasi 200mila fulmini

L'eruzione del vulcano Hunga nell'isola di Tonga continua a battere qualsiasi record. L'evento avrebbe creato un temporale "sovraccarico" nel corso del quale è stato prodotto il fulmine più intenso mai registrato

0
102
L'eruzione del vulcano Hunga ha prodotto quasi 200mila fulmini
L'eruzione del vulcano Hunga ha prodotto quasi 200mila fulmini

[tta_listen_btn]
L’eruzione del vulcano Hunga a Tonga del 15 gennaio 2022 continua a battere ogni record. Secondo una nuova ricerca, il fenomeno ha prodotto un “temporale sovraccarico” in cui si è formato il fulmine più intenso mai registrato. I ricercatori hanno scoperto che nel corso dell’eruzione nel pennacchio sono avvenuti quasi 200.000 lampi, con un picco di più di 2.600 lampi al minuto.

Quando il vulcano sottomarino Hunga è esploso nell’Oceano Pacifico meridionale, ha creato un pennacchio di acqua, gas magmatico e cenere, alto almeno 58 chilometri. L’imponente pennacchio ha fornito agli scienziati utili informazioni circa la portata dell’eruzione, oscurando tuttavia lo sfiato alla vista del satellite, rendendo dunque più difficile tenere traccia dell’eruzione mentre essa progrediva.

L’eruzione del vulcano Hunga ha innescato un temporale sovralimentato

I dati sui fulmini ad alta risoluzione provenienti da quattro fonti separate, mai utilizzati in precedenza tutti insieme, hanno ora consentito agli scienziati di scrutare quel pennacchio, svelando nuove fasi del ciclo di vita dell’eruzione e ottenendo informazioni sul clima strano che ha creato.

Alexa Van Eaton è vulcanologa dello United States Geological Survey che ha guidato lo studio. L’esperta ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Phys.org: “Questa eruzione ha innescato un temporale sovralimentato, come non abbiamo mai visto. Questi risultati dimostrano un nuovo strumento che abbiamo per monitorare i vulcani alla velocità della luce e aiutare il ruolo dell’USGS a fornire avvisi di pericolo di cenere agli aerei”.

Lo studio è stato pubblicato su Geophysical Research Letters, che pubblica rapporti di grande impatto e di breve formato con implicazioni immediate che abbracciano tutte le scienze della Terra e dello spazio. La tempesta si è sviluppata perché l’espulsione altamente energetica del magma è avvenuta a poca profondità sotto l’oceano, ha detto Van Eaton. La roccia fusa ha vaporizzato l’acqua di mare, che si è sollevata nel pennacchio e alla fine ha formato collisioni elettrizzanti tra cenere vulcanica, acqua super raffreddata e chicchi di grandine. La tempesta perfetta per i fulmini.



Il lavoro degli scienziati

Combinando i dati dei sensori che misurano la luce e le onde radio, gli scienziati hanno monitorato i lampi e stimato la loro altezza. L’eruzione del vulcano Honga ha prodotto poco più di 192.000 lampi (costituiti da quasi 500.000 impulsi elettrici), con un picco di 2.615 lampi al minuto. Alcuni di questi fulmini hanno raggiunto altitudini senza precedenti nell’atmosfera terrestre, tra i 20 e i 30 chilometri (da 12 a 19 miglia) di altezza.

“Con questa eruzione, abbiamo scoperto che i pennacchi vulcanici possono creare le condizioni per i fulmini ben oltre il regno dei temporali meteorologici che abbiamo osservato in precedenza”, ha detto Van Eaton. “Si scopre che le eruzioni vulcaniche possono creare fulmini più estremi di qualsiasi altro tipo di tempesta sulla Terra”.

Fulmini preziosi

I fulmini hanno fornito informazioni non solo sulla durata dell’eruzione, ma anche sul suo comportamento nel tempo. “L’eruzione è durata molto più a lungo delle ore o due osservate inizialmente”, ha detto Van Eaton. “L’attività del 15 gennaio ha creato pennacchi vulcanici per almeno 11 ore. In realtà è stato solo osservando i dati sui fulmini che siamo stati in grado di estrarli”.

I ricercatori hanno visto quattro fasi distinte dell’attività eruttiva, definite dall’altezza dei pennacchi e dalla velocità dei fulmini mentre crescevano e calavano. Le intuizioni ottenute collegando l’intensità dei fulmini all’attività eruttiva possono fornire un migliore monitoraggio e nowcasting dei pericoli legati all’aviazione durante una grande eruzione vulcanica, compreso lo sviluppo e il movimento della nube di cenere, ha affermato Van Eaton.

L’importanza dello studio

È una sfida significativa ottenere informazioni affidabili sui pennacchi vulcanici all’inizio di un’eruzione, in particolare per i vulcani sottomarini remoti. Sfruttare tutte le osservazioni a lungo raggio disponibili, compresi i fulmini, migliora il rilevamento precoce per tenere gli aerei e le persone fuori pericolo.

“Non è stata solo l’intensità del lampo che ci ha attirato”, ha detto Van Eaton. Lei e i suoi colleghi erano anche perplessi dagli anelli concentrici di fulmini, centrati sul vulcano, che si espandevano e si contraevano nel tempo. “La scala di questi anelli di fulmini ci ha fatto impazzire. Non abbiamo mai visto nulla di simile prima, non c’è niente di paragonabile nelle tempeste meteorologiche. Sono stati osservati singoli anelli di fulmini, ma non multipli, e sono minuscoli al confronto”.

2