L’Artico sta diventando più verde. Questa è una brutta notizia per tutti noi

Per gli scienziati la parte davvero preoccupante è il fatto che nel permafrost c'è il doppio del carbonio rispetto all'atmosfera.

647

Dallo spazio e con i droni, gli scienziati stanno osservando come l’Artico stia diventando sempre più verde. Questo è preoccupante sia per la regione che per il pianeta intero.
In questo momento l’Artico si sta riscaldando due volte più velocemente rispetto al resto del pianeta e questo sta avendo delle conseguenze gravi. Il permafrost si sta sciogliendo rapidamente e sta formando dei buchi nel paesaggio. Il materiale vegetale maceratosi in migliaia di anni, la torba, si sta seccando e bruciando a causa di incendi senza precedenti.
Utilizzando dati satellitari, droni e attività sul campo, un team di scienziati – ecologi, biologi, geografi, scienziati del clima e altro ancora – ha scoperto che la vegetazione sta diventando sempre più abbondante. Il fenomeno è noto come “inverdimento artico“, e con esso si sono creati effetti a catena con implicazioni sia per il paesaggio artico che per il clima del mondo in generale.
Nonostante la sua “gelida reputazione”, l’Artico non è un luogo senza vita. A differenza dell’Antartide, che non ospita alberi o molti animali, visibili senza un microscopio, l’Artico brulica di vita, in particolare di piante. Le sue erbe e arbusti si adattano magnificamente per sopravvivere agli inverni in cui i loro giorni sono completamente privi di luce, perché la vegetazione giace coperta da uno strato di neve, sopravvivendo per lo più sottoterra come radici. Quando arriva il disgelo, le piante hanno forse un mese per fare tutto il necessario per sopravvivere e riprodursi: produrre semi, assorbire sostanze nutritive, raccogliere la luce solare.
A causa del surriscaldamento globale negli ultimi decenni, i satelliti hanno osservato l’Artico diventare sempre più verde. Ai giorni d’oggi, la risoluzione delle moderne fotocamere potrebbe essere di 10 per 10 metri. Ma anche con questi strumenti, gli ecologisti non possono decifrare esattamente l’aspetto di queste comunità vegetali senza essere sul campo.
Innanzitutto, l’Artico è buio 24 ore al giorno in inverno. “L’utilizzo dei satelliti in quella parte del mondo, è una sfida a lungo termine“, afferma Jeffrey Kerby, ecologo e geografo dell’Istituto di studi avanzati di Aarhus. È stato uno degli autori co-conduttori di un recente articolo sull’inverdimento artico pubblicato su Nature Climate Change da questo gruppo internazionale di scienziati, che ha ricevuto finanziamenti dalla National Geographic Society e dalle agenzie governative nel Regno Unito, Nord America ed Europa.
Anche quando l’Artico ha 24 ore di luce in estate, è comunque un problema. “Poiché il sole è così basso, da proiettare grandi ombre in tutto il territorio, non facilitando le nostre ricerche” , afferma Kerby.
Con l’aiuto di piccoli droni, lanciati direttamente sul campo, i ricercatori sono riusciti ad esplorare i paesaggi per decodificare in modo dettagliato come si sta trasformando l’Artico. Un drone può avvicinarsi abbastanza al suolo per comunicare quali piante potrebbero essere utili in un particolare paesaggio durante il suo surriscaldamento. I ricercatori possono anche quantificare il modo in cui un’area sta cambiando, fotografando, attraverso i droni, le stesse regioni anno dopo anno e distribuendo bustine di tè. “Teniamo le bustine di tè nel terreno, per oltre un anno, due anni, ecc., così da poter vedere quanto di tutto ciò si decompone in questi diversi microclimi“, afferma Isla Myers-Smith, ecologista del cambiamento globale presso l’Università di Edimburgo e coautore del nuovo documento.
Il cambiamento non è causato da specie invasive che si spostano nell’Artico per sfruttare il clima caldo. Sono le specie autoctone più alte come gli arbusti che stanno diventando sempre più abbondanti.
Ad esempio, gli arbusti più alti intrappolano più neve in inverno. Questa neve potrebbe accumularsi in uno strato isolante che potrebbe impedire al freddo di penetrare nel terreno. “In modo da accelerare – potenzialmente – il disgelo del permafrost“, afferma Myers-Smith. La vegetazione è più scura della neve e quindi assorbe più calore, aggravando ulteriormente il disgelo del terreno.
Lo scongelamento del permafrost è uno degli effetti più gravi riguardanti il cambiamento climatico. Il permafrost contiene carbonio accumulato per migliaia di anni sotto forma di materiale vegetale. Un disgelo – forse esacerbato da una vegetazione più abbondante – minaccia di rilasciare più CO2 e metano nell’atmosfera. Più carbonio nell’atmosfera significa più riscaldamento, il che aumenta il disgelo del permafrost.
Lo scioglimento del permafrost, rilascerebbe anche più acqua nel terreno, portando a ulteriori effetti a catena sulla vegetazione. “Quando il terreno è ghiacciato, le piante non hanno accesso all’acqua“, afferma Kerby. “Quindi è quasi come essere in un deserto per una parte dell’anno“.
Un disgelo precoce potrebbe significare che le piante hanno dato il via alla loro crescita all’inizio dell’anno. Man mano che questi terreni si scongelano sempre più in profondità, rilasciano anche goccioline di sostanze nutritive che sono state intrappolate nel sottosuolo per migliaia di anni, potenziando la crescita di queste specie di piante artiche sempre più abbondanti. Ciò significa che il paesaggio potrebbe diventare ancora più verde e persino più ospitale per le piante che possono sfruttare temperature più calde.
Nel sottosuolo si trova ancora gran parte del mistero dell’Artico: in questi ecosistemi della tundra, fino all’80% della biomassa è sottoterra. “Quindi, quando vediamo la superficie verde, questa è solo la punta dell’iceberg, in termini di biomassa“, afferma Myers-Smith. “Quindi potrebbe darsi che molte delle risposte al cambiamento climatico di queste piante siano in realtà tutte nel mondo sotterraneo e che siano dunque molto difficili da monitorare“.
Per gli scienziati la parte davvero preoccupante è il fatto che nel permafrost c’è il doppio del carbonio rispetto all’atmosfera. “Si tratta di una grande quantità di carbonio che è rimasta per migliaia di anni bloccata nel ghiaccio“, afferma Kerby.
Potrebbe sembrare strano che gli umani facciano il tifo contro le piante. Ma a volte la diffusione del verde non è sempre una buona cosa.
FONTE: Wired