Energie, fauna selvatica e il mito del gioco a somma zero

In un momento in cui le Nazioni Unite lanciano continui allarmi di un pericolo globale di estinzione senza precedenti, la perdita anche di un piccolo habitat, sia pure per la produzione di energie rinnovabile, può avere effetti a cascata su tutti gli ecosistemi

0
250
Indice

La pandemia ha provocato onde d’urto in molti settori, ma il 2020 è stato un anno eccezionale per le energie rinnovabili.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, il settore ha registrato il più grande aumento anno su anno degli ultimi 20 anni, con quasi 280 gigawatt in linea lo scorso anno.

I nuovi progetti basati sui combustibili fossili, d’altra parte, sono diminuiti da 64 GW nel 2019 a soli 60 GW nel 2020, secondo l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili.

Il cambiamento è una grande vittoria per la comunità ambientale. Eppure molti progetti rinnovabili affrontano ugualmente forti venti contrari dagli ambientalisti.

Una recente storia di copertina di Dyna Rochmyaningsih è incentrata su un progetto di diga in Indonesia che dovrebbe ridurre le emissioni di carbonio ma potrebbe minacciare anche la sopravvivenza del raro orango Tapanuli.



Simili preoccupazioni per i progetti relativi alle energie rinnovabili si ripetono in tutto il mondo.

I campi solari, i parchi eolici e le dighe idroelettriche richiedono tutti grandi aree di terra. Le batterie che conferiscono affidabilità alle fonti di alimentazione intermittenti richiedono l’estrazione di metalli di terre rare dalla terra.

In un momento in cui le Nazioni Unite lanciano continui allarmi di un pericolo globale di estinzione senza precedenti, la perdita anche di un piccolo habitat, sia pure per la produzione di energie rinnovabile, può avere effetti a cascata su tutti gli ecosistemi.

Ma questi due valori ecologici non devono essere in opposizione, afferma Jean Su, direttore della giustizia energetica per il Center for Biological Diversity, un gruppo di difesa con sede negli Stati Uniti. “In realtà abbiamo la capacità di costruire sia un futuro sicuro per il clima sia uno che può essere giusto“, afferma.

Un modo per raggiungere entrambi questi obiettivi è investire nel fotovoltaico e nella generazione di energia localizzata su ambienti già degradati o costruiti, afferma. Questo approccio non solo eviterebbe di inquinare habitat ancora incontaminati, ma metterebbe anche i potenziali risparmi derivanti dalle energie rinnovabili direttamente nelle tasche dei consumatori.

Quando si tratta di grandi progetti di utilità pubblica, il Desert Renewable Energy and Conservation Plan della California viene indicato come modello per un’ubicazione ponderata sia dello sviluppo dell’elettricità che della conservazione del territorio. Il piano ha esaminato la regione in modo olistico e ha ritagliato aree specifiche sia per la conservazione che per lo sviluppo.

Le innovazioni stanno emergendo in tutto il settore.

Nel Midwest americano, la cosiddetta cintura del vento della nazione, The Nature Conservancy ha sviluppato Site Wind Right, una mappa interattiva che utilizza i dati geospaziali per sovrapporre i principali habitat della fauna selvatica alle aree potenzialmente utilizzabili per la produzione di energia rinnovabile.

Lo strumento ha rivelato il potenziale per 1.000 GW di energia eolica che potrebbe essere sviluppato lontano da habitat critici.

Nel sud-ovest dell’Oregon, i ricercatori hanno scoperto che le fattorie solari possono essere utilizzate anche per proteggere l’habitat degli insetti impollinatori.

La linea di fondo è “questo non è un gioco a somma zero“, dice la signora Su.

Nel clima attuale, le persone si oppongono troppo facilmente. Quando parliamo della nostra emergenza climatica e della nostra crisi della biodiversità, ci saranno ferventi sostenitori da entrambe le parti”.

“La soluzione deve essere proprio nel mezzo di entrambe le preoccupazioni. Ma entrambi gli obiettivi possono effettivamente essere raggiunti con una pianificazione estremamente attenta e rispettosa di tutte le esigenze“.

2