Le balene discendono da piccoli cervi che camminavano sulla terra 50 milioni di anni fa

L’animale più grande della Terra oggi nuota nelle profondità degli oceani, ma gli antenati delle balene, 50 milioni di anni fa, camminavano sulla terra su quattro zampe.

Un professore della Northeast Ohio Medical University ha rivela che le enormi creature sono discendenti di un antico “piccolo cervo”, noto come Indohyus.

Nel corso di una ricerca sull’evoluzione dei cetacei, una categoria che va dall’ippopotamo alle balene, Hans Thewissen ha scoperto in che un fossile di 47 milioni di anni fa, trovato in Pakistan, risponde alle caratteristiche da cui si sono evolute le balene. Il fossile si presenta come un animale tarchiato delle dimensioni di una volpe con corpo allungato e una coda.

Le ossa, rimaste protette in uno strato di fango, rispecchiano le caratteristiche delle balene dei giorni nostri: un osso sopra lo spazio dell’orecchio medio e la struttura del cranio.

Thewissen e il suo team hanno anche stabilito che l’Indohyus si muoveva nell’acqua come un ippopotamo in cerca di cibo e, probabilmente, vi si rifugiava per evitare i predatori, cosa che, alla fine, ha portato questo animale a passare dalla terra a uno stile di vita completamente acquatico. 

 L'animale più grande della Terra nuota nelle profondità degli oceani, ma 50 milioni di anni fa le balene camminavano sulla superficie su quattro zampe.  Un professore della Northeast Ohio Medical University rivela che le enormi creature sono discendenti di un antico "piccolo cervo", noto come Indohyus

Sin dai tempi di Darwin, gli scienziati sapevano che le balene discendono da mammiferi che un tempo camminavano sulla terraferma, ma da quale è rimasto un mistero fino ad ora.

Tuttavia, l’antico antenato delle balene è stato identificato quando Thewissen e il suo team hanno scoperto il fossile in Pakistan.

A seguito di un’analisi più approfondita, i ricercatori hanno scoperto somiglianze tra il cranio e le orecchie sia degli Indohyus che delle balene. I ricercatori hanno determinato che le ossa dello scheletro di Indohyus avevano uno spesso strato esterno, molto più spesso che in altri mammiferi di queste dimensioni.

Questa caratteristica è spesso presente nei mammiferi che passano molto tempo in acqua, come l’ippopotamo.

Le abitudini acquatiche dell’Indohyus sono ulteriormente confermate dalla composizione chimica dei loro denti, che ha rivelato rapporti isotopici dell’ossigeno simili a quelli degli animali acquatici, il che indica che la creatura trascorreva gran parte del suo tempo in acqua.

Thewissen e il suo team hanno anche stabilito che Indohyus guadagnava nell'acqua come un ippopotamo in cerca di cibo e come mezzo per evitare i predatori, cosa che alla fine portò il, a passare dalla terra a uno stile di vita completamente acquatico

Prima di questi risultati, era stato ipotizzato che le balene discendessero da antenati carnivori che si adattarono ad uno stile di vita acquatico per predare i pesci che vivono nell’oceano.

Com’era l’Indohyus, l’antenato terricolo delle balene?

L’Indohyus potrebbe segnare il punto in cui alcuni mammiferi abbandonarono la vita sulla terra per trascorrere del tempo in laghi, fiumi e oceani, prima di evolversi nelle gigantesche creature marine che conosciamo oggi. 

Vorremmo sapere più in dettaglio cosa mangiava“, ha detto Thewissen. “Gli isotopi trovati nei denti indicano che non si trattava di vegetazione sommersa. Lo studieremo in futuro“.

Un altro indizio su come viveva Indohyus può essere trovato nelle ossa degli arti, che erano ispessite e pesanti allo stesso modo di quelle di un ippopotamo.

Ciò suggerisce che l’animale avesse sviluppato questo tipo di ossatura per poter toccare i fondali con le zampe e muoversi senza galleggiare. Sulla base di queste prove, Thewissen suggerisce che gli antenati delle balene potrebbero essersi avvicinati all’acqua come meccanismo per sfuggire ai predatori e avrebbero sviluppato un comportamento alimentare specifico acquatico solo molto più tardi.

Il paleontologo Jonathan Geisler, della Georgia Southern University di Statesboro, aveva precedentemente identificato un legame tra raoellidi e balene, ma le sue prove si basavano solo su piccoli frammenti di denti. Questo nuovo lavoro sembrerebbe rafforzare il legame.

La cosa veramente importante di questi fossili è che sembrano confermare l’ipotesi che l’antenato dei cetacei sia diventato semi-acquatico prima di evolvere i denti specializzati per mangiare pesce“, dice Geisler

I primi antenati delle balene comparvero da 42 a 48 milioni di anni fa, ed erano simili a leoni marini.

Poi arrivarono le balene Baleen, circa 41 milioni di anni fa, tra cui gli antenati delle megattere e delle balene blu.

Questi furono seguiti dalle balene dentate circa sette milioni di anni dopo, che ancora oggi nuotano negli oceani.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Articoli correlati

Popular Categories