Emozionati con il volo della sonda Juno – video

L'emozionante filmato del fly-by di Ganimede, la grande Luna di Giove, della sonda spaziale offre scorci spettacolari sia della sfera ghiacciata che del gigante gassoso

0
1369

Il 7 giugno 2021, la navicella spaziale Juno della NASA ha volato più vicino alla luna ghiacciata di Giove, Ganimede, di qualsiasi altra navicella spaziale in più di due decenni.

Meno di un giorno dopo, Juno ha effettuato il suo 34esimo sorvolo di Giove, correndo sulla sua turbolenta atmosfera da un polo all’altro in meno di tre ore.

Utilizzando l’imager JunoCam della navicella, il team della missione ha messo insieme questa animazione per fornire un punto di vista da “capitano dell’astronave” di ogni sorvolo.

L’animazione mostra quanto possa essere bella l’esplorazione dello spazio profondo“, ha affermato Scott Bolton, ricercatore principale per Juno del Southwest Research Institute di San Antonio.

L’animazione è un modo per le persone di immaginare di esplorare il nostro sistema solare in prima persona, vedendo come sarebbe essere in orbita attorno a Giove e sorvolare una delle sue lune ghiacciate”.



Oggi, mentre ci avviciniamo all’eccitante prospettiva che gli umani possano visitare lo spazio in orbita attorno alla Terra, questo spinge la nostra immaginazione a decenni nel futuro, quando gli umani visiteranno i mondi alieni nel nostro sistema solare”.

Il 7 giugno 2021, la navicella spaziale Juno della NASA è volata più vicino alla luna incrostata di ghiaccio di Giove, Ganimede, di qualsiasi altra navicella spaziale in più di due decenni. Meno di un giorno dopo, Juno ha effettuato il suo 34esimo sorvolo di Giove. Questa animazione fornisce un punto di vista del “capitano dell’astronave” di ogni passaggio ravvicinato. Per entrambi i mondi, le immagini di JunoCam sono state proiettate ortograficamente su una sfera digitale e utilizzate per creare l’animazione del flyby. Sono state aggiunte cornici sintetiche per fornire viste di avvicinamento e partenza sia per Ganimede che per Giove. Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS

L’animazione di 3:30 minuti inizia con Giunone che si avvicina a Ganimede, passando a 1.038 chilometri dalla superficie ad una velocità relativa di 67.000 km/h.

Le immagini mostrano molte delle regioni scure e chiare della luna (si ritiene che le regioni più scure derivino dalla sublimazione del ghiaccio nel vuoto circostante, lasciandosi dietro residui scuriti) così come il cratere Tros, che è tra le più grandi e luminose cicatrici da cratere su Ganimede.

Juno impiega solo 14 ore e 50 minuti per percorrere la distanza, 1,18 milioni di chilometri tra Ganimede e Giove, e lo spettatore viene trasportato a soli 3.400 chilometri sopra le spettacolari nuvole di Giove. A quel punto, la potente gravità di Giove ha accelerato la navicella spaziale a quasi 210.000 km/h rispetto al pianeta.

Tra le caratteristiche atmosferiche gioviane che si possono vedere ci sono i cicloni circumpolari al polo nord e cinque “fili di perle” del gigante gassoso: otto enormi tempeste che ruotano in senso antiorario nell’emisfero australe che appaiono come ovali bianchi.

Utilizzando le informazioni che Giunone ha appreso dallo studio dell’atmosfera di Giove, il team di animazione ha simulato un fulmine che si potrebbe vedere mentre si passa sopra i giganteschi temporali di Giove.

Il punto di vista della telecamera per questa animazione time-lapse è stato generato dal ricercatore dilettante Gerald Eichstädt, utilizzando immagini composite di Ganimede e Giove.

Per entrambi i mondi, le immagini di JunoCam sono state proiettate ortograficamente su una sfera digitale e utilizzate per creare l’animazione del flyby. Sono state aggiunte cornici sintetiche per fornire viste di avvicinamento e partenza sia per Ganimede che per Giove.

Come previsto, l’attrazione gravitazionale della luna gigante ha influenzato l’orbita di Juno, con conseguente riduzione del suo periodo orbitale da 53 giorni a 43 giorni. Il prossimo sorvolo di Giove, il 35° della missione, è previsto per il 21 luglio.

Maggiori informazioni sulla missione Juno

JPL, una divisione di Caltech a Pasadena, California, gestisce la missione Juno per il ricercatore principale, Scott J. Bolton, del Southwest Research Institute di San Antonio.

Juno fa parte del programma New Frontiers della NASA, gestito presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, per la direzione della missione scientifica dell’agenzia a Washington.

Lockheed Martin Space a Denver ha costruito e gestisce il veicolo spaziale.

2