Elon Musk ricostruirà la rete energetica di Porto Rico?

Indice

È vero, parliamo spesso di lui ma l’attivismo del miliardario visionario Elon Musk non finisce di colpirci.

Questa volta il proprietario di Tesla e SpaceX si è offerto per ricostruire la rete elettrica di Porto Rico, distrutta dall’uragano Maria, attraverso la tecnologia del rinnovabile SolarCity, messa a punto da Tesla.

La rete elettrica di Porto Rico ha subito molti danni dall’Uragano Maria. L’azione devastante della tempesta è stata tale che, dopo tre settimane dall’uragano, l’isola è ancora praticamente senza energia, rendendo difficili le comunicazioni e i soccorsi a chi ancora necessita di aiuto. Rimettere in piedi la rete di distribuzione elettrica sarà un’impresa lunga e complicata.

Una visuale notturna dell’isola dallo spazio rende evidente fino a che punto sia precipitata la situazione.

View image on TwitterL’interessamento di Elon Musk è stato stimolato su Twitter da un utente che ha scritto all’imprenditore chiedendogli se non potesse ricostruire la rete elettrica dell’isola utilizzando il suo sistema basato su energia solare ed accumulatori.
Elon Musk ha subito replicato offrendo i suoi servizi nel caso che il governo locale e la popolazione li avesse voluti, specificando che il team di Tesla ha rilasciato un sistema per piccole isole in grado di essere ampliato a volontà.

The Tesla team has done this for many smaller islands around the world, but there is no scalability limit, so it can be done for Puerto Rico too. Such a decision would be in the hands of the PR govt, PUC, any commercial stakeholders and, most importantly, the people of PR.

 A quel punto, Ricardo Rosello, governatore di Puerto Rico, è intervenuto chiedendo di parlare con Mr Musk circa la sua offerta.

@elonMusk Let’s talk. Do you want to show the world the power and scalability of your #TeslaTechnologies? PR could be that flagship project. https://twitter.com/elonmusk/status/915939199718531072 

Musk non ci ha pensato su e si è detto immediatamente felice di poter parlare con il governatore e ha espresso la speranza che Tesla possa essere di aiuto.

I would be happy to talk. Hopefully, Tesla can be helpful.

I due si sono pubblicamente accordati per parlare nello stesso giorno

Let’s talk today; I will be in touch. I have no doubt #Teslasolar will work w/#PuertoRico to globally showcase the power of its technology. https://twitter.com/elonmusk/status/916234148104118272 

Sounds good, I look forward to talking later today

La società SolarCity di Elon Musk, l’anno scorso, ha  alimentato una piccola isola utilizzando quasi esclusivamente l’energia solare. L’isola di Ta’ū è ora alimentata quasi al 100 per cento con l’energia fornita da una centrale solare costituita da 5.328 pannelli solari, collegati ad una griglia di accumulatori. Le batterie della SolarCity possono essere utilizzate per accumulare energia sufficiente fino a tre giorni senza sole.

Porto Rico, essendo molto più estesa ed avendo quasi 3 milioni e mezzo di abitanti, sarebbe una sfida molto più ardue ma l’azienda di Musk sta lavorando a sistemi di stoccaggio dell’energia molto più ambiziosi per efficienza e funzionalità e Musk stesso ha scritto che non esiste un limite di scalabilità al sistema. Attualmente, la sua azienda sta costruendo il più grande accumulatore del mondo in Australia, che sarà utilizzato per alimentare circa 30.000 case.

Elon Musk ci ha abituato alle sfide impossibili e a progetti ambiziosi ai limite della fantascienza e alimentare Porto Rico solo con l’utilizzo di energie rinnovabili, sarebbe un progetto estremamente ambizioso. Per ora, sembra che l’amministrazione locale si dimostri interessata e anche la gente che vive nell’isola sembra nutrire grande fiducia nelle possibilità del miliardario sudafricano:

As the Government’s CINO, I fully support this! Let’s build the Puerto Rico we all want through innovation #letstalk @prstateits

Governor, please don’t leave this at “let’s talk”. This could be a game-changer for the island and the whole planet. Let’s make it happen!

Vedremo se Musk vorrà e potrà raccogliere questa ulteriore sfida mentre è impegnato a progettare le nuove intelligenze artificiali sicure, le auto elettriche a guida autonoma, a portare avanti il progetto di colonizzazione di Marte e diverse altre attività estremamente impegnative.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Articoli correlati

Popular Categories