Due nuove immagini della Terra da LightSail 2, il piccolo cubesat a vela solare

Ci siamo. Nei prossimi giorni LightSail 2 dispiegherà le sue vele solari e tenterà di salire in un'orbita più alta solo sfruttando la spinta della luce

0
497

LightSail 2, nato da un’idea di The Planetary Society, ci ha regalato due nuove splendide immagini della Terra. La piccola astronave è attualmente in orbita a circa 720 km di quota e il team di missione sta eseguendo i test in preparazione dello spiegamento della vela solare che avverrà in questi giorni.

LightSail 2 è un CubeSat modulare che misura 10 × 10 × 30 cm. Le vele solari, una volta spiegate, misureranno 32 metri quadrati.

il piccolo satellite è stato progettato per testare l’effettiva capacità di una vela solare di alzare e abbassare l’orbita di un satellite. In questo momento il veicolo spaziale viene testato e analizzato prima del dispiegamento delle vele.

I controllori di volo hanno recentemente caricato una patch software relativa al sistema di stabilità di LightSail 2. Secondo The Planetary Society, la patch “ha perfezionato il funzionamento delle barre di torsione elettromagnetiche della navicella, che sono responsabili di mantenere stabile LightSail 2 mentre ruota intorno alla Terra“.

Abbiamo ricevuto anche due nuove immagini da LightSail 2. Quando il satellite è passato sulle stazioni di terra, ha usato una grande larghezza di banda per trasmettere le immagini ad alta risoluzione.

(The Planetary Society)(The Planetary Society) – LightSail 2 ha catturato questa immagine del Messico il 12 luglio 2019. L’immagine è rivolta a est attraverso il Messico. La punta della penisola di Baja è sulla sinistra, e all’estrema destra c’è la tempesta tropicale Barry.



I controllori di volo hanno anche testato il sistema di controllo dell’assetto del satellite. Lo hanno messo in modalità di navigazione solare per un’intera orbita. Parte della telemetria di quell’orbita viene memorizzata e alcuni dati arrivano in tempo reale.

I controllori analizzeranno tutti i dati per vedere come si comporta la navicella in modalità di navigazione solare, prima che il sistema di vele venga schierato.

LightSail 2 ha dei sensori che tracciano la posizione del Sole durante la navigazione. Il team di missione ha recentemente passato del tempo a valutare gli aggiornamenti software per quel sistema di sensori. Per farlo, hanno usato il clone, disponibile a Terra, di LightSail 2 – chiamato BenchSat.

Ora che il software di tracciamento del sole è stato aggiornato, il satellite verrà posto nuovamente nella modalità di navigazione solare per testare i risultati dell’aggiornamento.

(The Planetary Society)(The Planetary Society) – LightSail 2 ha catturato questa immagine della Terra il 7 luglio. Sta guardando il Mar dei Caraibi in direzione dell’America Centrale, con il nord approssimativamente in cima. Un riflesso della lente è visibile in basso a destra.

Secondo quanto riporta The Planetary Society il satellite è iintegro ed è stabile nella sua orbita. Prima di dispiegare il sistema di vele solari, gli operatori vogliono essere sicuri che il sistema di controllo di assetto funzioni correttamente. Questo perché la resistenza atmosferica sulla vela dispiegata limita il periodo in cui l’orbita di LightSail 2 può essere alzata.

LightSail 2 è un veicolo spaziale composito, costituito da tre nanosatelliti. Due di loro gestiscono le vele solari e uno gestisce l’elettronica. Il sistema di vele ha quattro vele triangolari che si dispiegano in un quadrato. È stato lanciato  il 25 giugno 2019.

LightSail 2 è il successore di LightSail 1. Entrambi sono stati finanziati in crowdfunding da The Planetary Society, il gruppo no-profit noto per il suo approccio innovativo all’avanzamento delle tecnologie spaziali. Nel complesso, l’intero progetto LightSail è costato 7 milioni di dollari. Questi costi includono sia il veicolo spaziale LightSail che il suo predecessore Cosmos 1.

(The Planetary Society)(The Planetary Society) – LightSail 2 ha catturato questa immagine della Terra e del Sole il 6 luglio 2019 alle 04:41 UTC da una telecamera montata su pannelli solari a doppia faccia.

La società vanta membri noti come Bill Nye e Neil DeGrasse Tyson. L’esperto scienziato fa parte del Consiglio di amministrazione e del Consiglio consultivo.

The Planetary Society svolge un lavoro importante e tangibile nello spazio. La loro visione è “Conoscere il cosmo e il nostro posto al suo interno“. La loro missione è “responsabilizzare i cittadini del mondo per far progredire la scienza spaziale e l’esplorazione“.

Se ciò ti sembra positivo, puoi saperne di più sulla Società, o unirti ai ranghi dei sostenitori, puoi cliccare qui.

Fonte: Universe Today

2