DNA umano e animale di 25.000 anni trovato nel Caucaso

Un campione datato a 25.000 anni fa ha prodotto diversi milioni di letture di sequenze da tre specie di mammiferi: umani, lupi e bisonti europei

729

Un team di scienziati internazionale ha recuperato e analizzato il DNA nucleare e mitocondriale di esseri umani, lupi e bisonti da un campione di sedimenti di 25.000 anni dal sito del Paleolitico superiore di Satsurblia Cave, Georgia occidentale, nel Caucaso.

La grotta di Satsurblia è una grotta carsica situata a 1,2 km dal villaggio di Kumistavi nella regione di Imereti in Georgia.


Scoperta nel 1975 da N. Kalandadze, è suddivisa in diversi strati datati tra 32.000 e 3.000 anni fa.

“Nella maggior parte del Caucaso, e in particolare nella Georgia occidentale, i sistemi carsici mantengono temperature basse e stabili tutto l’anno e una bassa acidità (nessun deposito di guano nella maggior parte dei sistemi)”, ha affermato il dott. Pere Gelabert dell’Università di Vienna.

I ricercatori hanno analizzato sei campioni di sedimenti provenienti da diversi strati archeologici della grotta di Satsurblia

Un campione datato a 25.000 anni fa ha prodotto diversi milioni di letture di sequenze da tre specie di mammiferi: umani, lupi e bisonti europei.

“Il genoma ambientale umano rappresenta un lignaggio estinto che ha contribuito alle attuali popolazioni dell’Eurasia occidentale”, hanno detto gli scienziati.

“Per convalidare i risultati, abbiamo confrontato il genoma recuperato con le sequenze genetiche ottenute dai resti ossei della vicina grotta di Dzudzuana, ottenendo prove definitive di somiglianze genetiche”.

Hanno scoperto che un genoma ambientale di lupo era basale rispetto a lupi e cani eurasiatici esistenti e rappresentava un lignaggio caucasico precedentemente sconosciuto, probabilmente estinto; e che un genoma ambientale di bisonte era fondamentale per le popolazioni odierne.

I dati del DNA umano sono coerenti con una probabile origine da un individuo di sesso femminile o da più individui di sesso femminile

Al contrario, i dati del cromosoma X del lupo e del bisonte erano intermedi tra quelli previsti per maschi e femmine, suggerendo che il DNA proveniva da individui di entrambi i sessi, indicando ancora una volta più individui di origine.

“I nostri risultati dimostrano che il sequenziamento imparziale del DNA antico dei sedimenti può fornire dati sull’intero genoma che sono informativi sugli antenati di diverse specie”, hanno affermato gli autori.

“Il DNA recuperato qui è inferiore in quantità, e quindi in risoluzione, rispetto a quello che spesso si ottiene da varie ossa e denti ben conservati”.

“Ciò nonostante, ha fornito informazioni in gran parte paragonabili alle sequenze del genoma antico a bassa copertura e ci ha permesso di applicare analisi complementari di più specie di mammiferi per ricostruire alcuni aspetti delle loro storie di popolazione”.

“I nostri risultati indicano quindi nuove possibilità nello studio del DNA antico dei sedimenti, dimostrando che può servire come fonte aggiuntiva o alternativa di informazioni sull’intero genoma ai resti scheletrici”.

La ricerca è descritta in un articolo sulla rivista Current Biology: Pere Gelabert et al. Sequenziamento e analisi su scala genomica di DNA umano, lupo e bisonte da sedimenti di 25.000 anni. Current Biology, pubblicato online il 12 luglio 2021; 0.1016/j.cub.2021.06.023