Coda senza cometa: i resti polverosi della cometa ATLAS

Un fortuito sorvolo della coda di una cometa disintegrata ha offerto agli scienziati un’opportunità unica per studiare queste straordinarie strutture, in una nuova ricerca presentata oggi al National Astronomy Meeting 2021.

L’anno scorso la cometa ATLAS si è frammentata poco prima del suo massimo avvicinamento al Sole, lasciando la sua precedente coda a trascinarsi nello spazio sotto forma di nuvole sottili di polvere e particelle cariche.

La disintegrazione è stata osservata dal telescopio spaziale Hubble nell’aprile 2020, ma più recentemente il veicolo spaziale dell’ESA Solar Orbiter è volato vicino ai resti della coda nel corso della sua missione.

Questo fortunato incontro ha offerto ai ricercatori un’opportunità unica di studiare la struttura di una coda cometaria isolata. Utilizzando misurazioni combinate di tutti gli strumenti sul Solar Orbiter, gli scienziati hanno ricostruito l’incontro con la coda di ATLAS.

Il modello risultante indica che il campo magnetico interplanetario ambientale trasportato dal vento solare “avvolge” la cometa e circonda una regione centrale della coda con un campo magnetico più debole.

La coda della cometa Atlas

Le comete sono tipicamente caratterizzate da due code separate, una è la ben nota coda di polvere brillante e curva, l’altra, tipicamente più debole, è la coda di ioni. La coda ionica nasce dall’interazione tra il gas della cometa e il vento solare circostante, il gas caldo di particelle cariche che soffia costantemente dal Sole e permea l’intero Sistema Solare.

Quando il vento solare interagisce con un ostacolo solido, come una cometa, si pensa che il suo campo magnetico si pieghi e si “avvolga” attorno ad esso. La presenza simultanea del drappeggio del campo magnetico e degli ioni cometari rilasciati dalla fusione del nucleo ghiacciato produce poi la caratteristica coda del secondo ione, che può estendersi per grandi distanze a valle del nucleo.

Lorenzo Matteini, fisico solare presso l’Imperial College di Londra e leader del lavoro, afferma: “Questo è un evento piuttosto unico e un’entusiasmante opportunità per noi di studiare la composizione e la struttura delle code delle comete con dettagli senza precedenti. Speriamo che con il Parker Solar Sonda e Solar Orbiter che ora orbitano intorno al Sole più vicini che mai, questi eventi potrebbero diventare molto più comuni in futuro!”

Questo è il primo rilevamento della coda cometaria che si verifica così vicino al Sole, ben all’interno dell’orbita di Venere. È anche uno dei pochissimi casi in cui gli scienziati sono stati in grado di effettuare misurazioni dirette dei frammenti cometari.

Si prevede che i dati di questo incontro contribuiranno notevolmente alla nostra comprensione dell’interazione delle comete con il vento solare e della struttura e formazione delle loro code ioniche.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Scoperta connessione tra buchi neri supermassicci e materia oscura

Un team di ricercatori ha scoperto un collegamento tra...

Syntrichia caninervis: il muschio pronto per colonizzare Marte

La Syntrichia caninervis, un muschio del deserto, ha dimostrato...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Chang’e-5 ha riportato campioni lunari che contengono acqua

Un team di scienziati ha affermato che Chang'e-5 ha...

Articoli correlati

Popular Categories