Dalla Delorean a The spin Cycle

Dalla Delorean a The spin Cycle: un "Ritorno al Futuro" mai visto prima.

737

Probabilmente, dal famoso film Ritorno al futuro del 1985, diretto da Robert Zemeckis, di acqua sotto i ponti ne è passata. E nessuno si sarebbe mai immaginato che dal motore di una lavatrice – come fu da un mucchio di piccoli “utili” rottami per il dottor Emmett L. “Doc” Brown –  un piccolo genio avrebbe avuto l’idea – brillante e un po’ folle – di creare una bici elettrica proprio con il motore vecchio di un elettrodomestico.
A renderlo pubblico, è stato proprio il suo creatore, postando una foto sul social reddit, mostrando a tutti la bici elettrica “ecologica” – non legale – da lui creata, alimentata a batteria con velocità massima di 150 km/h.
L’utente – di origine greca – che sulla piattaforma si fa chiamare “Jimminecraftguy”, (un nome tutt’altro che facile da ricordare) ha letteralmente modificato la sua classica bici in un veicolo a motore senza precedenti. Il risultato non si è fatto attendere, infatti, ha ricevuto nel giro di pochissimo tempo tantissimi complimenti da tutti gli utenti della piattaforma, che lo hanno paragonato proprio al film “Ritorno al futuro” creando un analogia con l’intramontabile DeLorean.  La bici, chiamata The Spin Cycle, ha davvero dell’incredibile.

Dalla Delorean a The spin Cycle: un’idea senza precedenti

Il 2020, un anno che sarà ricordato tristemente per il covid-19, (che ancora mette in ginocchio l’intera umanità) nonostante tutto ha portato con sé buoni propositi e qualche incentivo verso la popolazione.
Non a caso, tra le cose positive, sarà ricordato anche per alcune chicche, tra cui il bonus mobilità che ha dato a molti italiani delle risorse per poter acquistare, con degli sconti oppure con una possibilità di rimborso, bici e monopattini elettrici.
Ogni Nazione, più o meno a grandi linee, si sta muovendo per andare incontro il più possibile alle esigenze dei cittadini. Eppure a qualcuno tutto questo non è bastato; infatti, a questo giovane talento di reddit, è venuta l’idea originale di trasformare la sua vecchia bici in un’autentica “fuoriserie”!
La straordinaria capacità di questo veicolo a due ruote è, come già rilevato, che può raggiungere i 150 km/h grazie al motore di una lavatrice e all’utilizzo di una batteria.
Il nome, The Spin Cycle (ciclo di rotazione) nel giro di pochissimo tempo ha fatto proprio il giro del web, diffondendosi a macchia d’olio prima sulla piattaforma reddit poi sull’intero mondo web; probabilmente il nome è proprio pensato in base alle sue capacità e alle stesse aspettative del suo creatore.
Unico neo di questo sensazionale progetto è che è illegale e non può transitare perché va contro il codice stradale, oltre ovviamente, a non essere assolutamente a norma, pur definendosi – com’è di fatti – ecologico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La struttura della “nuova” bici ecologica

La foto apparsa sui social network, evidenzia come sia strutturata la progettualità del mezzo; infatti, si nota subito come il motore della lavatrice sia perfettamente in asse nella parte centrale del telaio, ovvero tra il tubo superiore e il tubo trasversale; e poi l’appoggio sul tubo verticale della bici. A questa è stata poi collegata la catena sopra la corona.
In aggiunta, per fornire energia al veicolo, ha installato la batteria che permette, a sua volta, il funzionamento e la possibilità spostarsi raggiungendo una velocità unica per questo genere di ciclomotore.
Ovviamente, la pulsione motrice dell’elettrodomestico – che in genere raggiunge i 1000 watt di Potenza – ha dato modo di pensare, al giovane inventore, come le capacità e il collegamento con un accumulatore di potenza, potesse raggiungere – abbinandoli – un punto di svolta per la sua idea.
Purtroppo almeno secondo le norme italiane, una comune bici elettrica, può raggiungere al massimo 250 watt che equivalgono mediamente  a circa 30-40 km/h nelle produzioni moderne; con un’autonomia di circa 200 km.
Ma all’artefice della bici, importava soltanto il fine ultimo della sua teoria fatta realtà. Solo dopo aver bruciato due batterie, ha realizzato che forse sarebbe stato meglio abbassare leggermente la potenza, portandola a 65 km orari.
Ad ogni modo il suo momento di notorietà non è passato inosservato, perché a conti fatti un’idea così originale non era mai stata messa in pratica da nessuno; e anche se al momento sta lavorando sul perfezionamento e l’estetica della bici, non fa assolutamente strano pensare che per gioco sia stato paragonato Emmett L. “Doc”.