La crisi demografica in Giappone è prossima al punto di non ritorno: in pericolo le funzioni sociali

 Il primo ministro giapponese ha emesso un terribile avvertimento sulla crisi demografica del paese, affermando che il governo del Giappone si trova "sull'orlo dell'impossibilità di mantenere le funzioni sociali" a causa del calo del tasso di natalità

226
La crisi demografica in Giappone è prossima al punto di non ritorno: in pericolo le funzioni sociali
La crisi demografica in Giappone è prossima al punto di non ritorno: in pericolo le funzioni sociali

Il primo ministro giapponese ha emesso un terribile avvertimento sulla crisi demografica del paese, affermando che il governo del Giappone si trova “sull’orlo dell’impossibilità di mantenere le funzioni sociali” a causa del calo del tasso di natalità.

In un discorso politico ai legislatori, Fumio Kishida ha affermato che si tratta di risolvere il problema “ora o mai più” e che “semplicemente non si può più aspettare“.

Pensando alla sostenibilità e all’inclusività dell’economia e della società della nostra nazione, poniamo il sostegno all’educazione dei figli come la nostra politica più importante“, ha affermato il primo ministro.

Kishida ha aggiunto che il governo intende raddoppiare la sua spesa per i programmi relativi all’infanzia e che ad aprile sarà istituita una nuova agenzia governativa per concentrarsi sulla questione.

Il Giappone ha uno dei tassi di natalità più bassi al mondo, con il Ministero della Salute che
prevede che registrerà meno di 800.000 nascite nel 2022 per la prima volta da quando sono
iniziate le registrazioni nel 1899. Il paese ha anche una delle più alte aspettative di vita
al mondo; nel 2020, quasi una persona su 1.500 in Giappone aveva 100 anni o più,
secondo i dati del governo.

Queste tendenze hanno determinato una crescente crisi demografica, con una società che invecchia rapidamente, una forza lavoro in calo e un numero insufficiente di giovani per colmare le lacune dell’economia stagnante.

Gli esperti indicano diversi fattori alla base del basso tasso di natalità. L’alto costo della vita del paese, lo spazio limitato e la mancanza di assistenza all’infanzia nelle città rendono difficile crescere i figli, il che significa che meno coppie hanno figli. Le coppie urbane sono anche spesso lontane dai nonni che potrebbero fornire supporto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche l’atteggiamento nei confronti del matrimonio e della creazione di una famiglia è cambiato negli ultimi anni, con molte coppie che hanno rimandato entrambi durante la pandemia.

Alcuni sottolineano il pessimismo che i giovani in Giappone nutrono verso il futuro, molti frustrati dalla pressione del lavoro e dalla stagnazione economica.

L’economia giapponese è in stallo da quando è scoppiata una bolla finanziaria nei primi anni ’90. La crescita del PIL del paese è rallentata dal 4,9% nel 1990 allo 0,3% nel 2019, secondo la Banca Mondiale. Nel frattempo, il reddito familiare medio annuo reale è sceso da 6,59 milioni di yen ($ 50.600) nel 1995 a 5,64 milioni di yen ($ 43.300) nel 2020, secondo i dati del 2021 del Ministero della salute, del lavoro e del welfare del paese.

Il governo negli ultimi decenni ha lanciato varie iniziative per affrontare il declino della popolazione, comprese nuove politiche per migliorare i servizi di assistenza all’infanzia e migliorare le strutture abitative per le famiglie con bambini. Alcune città rurali hanno persino iniziato a pagare le coppie che vivono lì per avere figli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I cambiamenti demografici sono una preoccupazione anche in altre parti dell’Asia orientale.

La Corea del Sud ha recentemente battuto il proprio record per il tasso di fertilità più basso del mondo, con dati del novembre 2022 che mostrano che una donna sudcoreana avrà una media di 0,79 figli nella sua vita, molto al di sotto dei 2,1 necessari per mantenere una popolazione stabile. Il tasso di fertilità del Giappone è di 1,3, mentre in Italia è dello 0,9 e negli Stati Uniti è di 1,6.

Nel frattempo, la popolazione cinese è diminuita nel 2022 per la prima volta dagli anni ’60. L’ultima volta che la popolazione cinese è diminuita è stato nel 1961, durante una carestia che uccise decine di milioni di persone in tutto il paese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---