William Anders: deceduto l’ex astronauta che scattò l’iconica foto “Earthrise”

William Anders, l’ex astronauta dell’Apollo 8 che scattò nel 1968 l’iconica foto “Earthrise” che mostrava il pianeta come una biglia blu in ombra nello Spazio, ha perso la vita venerdì 7 giugno 2024 quando l’aereo che stava pilotando da solo è precipitato nelle acque al largo della costa delle Isole San Juan nello stato di Washington

William Anders, l’ex astronauta dell’Apollo 8 che scattò nel 1968 l’iconica foto “Earthrise” che mostrava il pianeta come una biglia blu in ombra nello Spazio, ha perso la vita venerdì 7 giugno 2024 quando l’aereo che stava pilotando da solo è precipitato nelle acque al largo della costa delle Isole San Juan nello stato di Washington. Aveva 90 anni.

William Anders

William Anders: una vita dedicata all’esplorazione spaziale

Suo figlio, il tenente colonnello dell’aeronautica in pensione Greg Anders, ha confermato la morte all’Associated Press: “La famiglia è devastata”, ha detto: “Era un grande pilota e ci mancherà terribilmente”.

William Anders, un generale maggiore in pensione, ha affermato che la foto è stata il suo contributo più significativo al programma spaziale oltre ad assicurarsi che il modulo di comando e il modulo di servizio dell’Apollo 8 funzionassero.

La fotografia, la prima immagine a colori della Terra dallo Spazio, è una delle foto più importanti della storia moderna per aver cambiato il modo in cui gli esseri umani vedevano il nostro pianeta. Alla foto viene attribuito il merito di aver innescato il movimento ambientalista globale per aver mostrato quanto la Terra apparisse delicata e isolata dallo Spazio.

Apollo 8 e la foto Earthrise, William Anders
La foto Earthrise.

L’amministratore della NASA ed ex senatore Bill Nelson ha affermato che William Anders ha incarnato lo scopo dell’esplorazione: “Ha viaggiato fino alla soglia della Luna e ha aiutato tutti noi a vedere qualcos’altro: noi stessi“, ha scritto Nelson sulla piattaforma social X.

La missione Apollo 8

William Anders, nato il 17 ottobre 1933 a Hong Kong è stato un astronauta statunitense che ha partecipato alla missione spaziale statunitense dell‘Apollo 8 (21-27 dicembre 1968), durante la quale è stato effettuato il primo viaggio con equipaggio attorno alla Luna.

Gli astronauti, tra cui Anders, Frank Borman e James Lovell, sono rimasti in orbita a circa 112 km sopra la superficie della Luna per circa 20 ore, trasmettendo immagini televisive alla Terra e verificando che i punti di riferimento lunari potessero essere utilizzati per navigazione verso i siti di atterraggio lunare. Durante una delle orbite della Luna dell’Apollo 8, Anders sha scattato la famosa fotografia “Earthrise”.

Siamo venuti fin qui per esplorare la Luna, e la cosa più importante è che abbiamo scoperto la Terra”, ha dichiarato allora William Anders.

Anders si è laureato all’Accademia navale degli Stati Uniti ad Annapolis, nel Maryland, nel 1955. Ha ricevuto un incarico nell’aeronautica americana e ha conseguito un master in ingegneria nucleare presso l’Air Force Institute of Technology presso la base aeronautica di Wright-Patterson, Dayton, Ohio, nel 1962. Nel 1963 è stato selezionato dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) nel terzo gruppo di astronauti.

William Anders

L’Apollo 8 è stato l’unico volo spaziale di William Anders. L’astronauta sì e dimesso dalla NASA e dall’Aeronautica Militare nel 1969 per diventare segretario esecutivo del National Aeronautics and Space Council.

Ha prestato servizio come membro della Commissione per l’energia atomica (1973-1974) e della Commissione di regolamentazione nucleare (1974-1976); come ambasciatore degli Stati Uniti in Norvegia (1976-1977); in qualità di direttore generale della Divisione Prodotti Nucleari diGeneral Electric Company (1977–80); come direttore generale della divisione attrezzature aeronautiche della General Electric (1980-1984); come vicepresidente pressoTextron (1984–90); e come vicepresidente e poi amministratore delegato presso Dinamica generale (1990-1994).

Lo spirito patriottico

William Anders ha dichiarato in del 1997 che non pensava che la missione Apollo 8 fosse priva di rischi, ma che c’erano importanti ragioni nazionali, patriottiche ed esplorative per andare avanti.

Ha stimato che ci fosse circa una possibilità su tre che l’equipaggio non riuscisse a tornare indietro e la stessa possibilità che la missione avesse successo e la stessa possibilità che la missione non iniziasse. Ha aggiunto che sospettava che Cristoforo Colombo avesse navigato con probabilità peggiori.

Stavamo andando verso la Luna ma non vedevamo la Terra o il Sole, e quando ci siamo voltati abbiamo visto sorgere della Terra“, ha raccontato allora: “Questa è stata certamente, di gran lunga, la cosa più impressionante. Vedere questa sfera molto delicata e colorata, che a me sembrava l’ornamento di un albero di Natale, innalzarsi su un paesaggio lunare molto brullo e desolato, era davvero in contrasto“.

Articoli più letti

Related articles

1 Comment