Detriti spaziali danneggiano la Stazione Spaziale Internazionale

L'inevitabile è accaduto. Un frammento di detriti spaziali troppo piccolo per essere rintracciato in tempo ha colpito e danneggiato il braccio robotico Canadarm2 della Stazione Spaziale Internazionale

515

L’inevitabile è accaduto. Un frammento di detriti spaziali troppo piccolo per essere rintracciato in tempo ha colpito e danneggiato il braccio robotico Canadarm2 della Stazione Spaziale Internazionale.

Lo strumento è ancora operativo, ma l’oggetto ha perforato la coperta termica e danneggiato il braccio sottostante. È un promemoria che fa riflettere sul fatto che il problema della spazzatura spaziale dell’orbita terrestre bassa è ormai una bomba a orologeria.

Ovviamente le agenzie spaziali di tutto il mondo sono consapevoli del problema dei detriti spaziali. Oltre 23.000 pezzi vengono tracciati nell’orbita terrestre bassa per aiutare i satelliti e la ISS a evitare collisioni, ma i detrito più piccoli di una palla da softball non sono tracciabili.

Qualsiasi cosa al di sotto di quella dimensione è troppo piccola per essere tracciata, ma viaggiando a velocità orbitali può comunque causare danni significativi, incluso perforare le piastre metalliche.

pugno di ferroUn foro d’impatto lasciato nell’antenna del telescopio spaziale Hubble nel 1997. (NASA)

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Canadarm2 – formalmente noto come Space Station Remote Manipulator System (SSRMS), progettato dall’Agenzia spaziale canadese – è stato un elemento fisso della stazione spaziale per 20 anni. È un braccio robotico in titanio multi-articolato che può aiutare a manovrare oggetti al di fuori della ISS, comprese le navette cargo, ed eseguire la manutenzione della stazione.

Non è chiaro esattamente quando sia avvenuto l’impatto. Il danno è stato notato per la prima volta il 12 maggio, durante un’ispezione di routine. La NASA e il CSA hanno collaborato per acquisire immagini dettagliate e valutare i danni.

Nonostante l’impatto, i risultati dell’analisi in corso indicano che le prestazioni del braccio rimangono inalterate“, ha scritto il CSA in un post sul blog. “Il danno è limitato a una piccola sezione del braccio del braccio e della coperta termica. Canadarm2 sta continuando a condurre le operazioni pianificate“.

Sebbene la ISS sembri essere stata fortunata questa volta, il problema dei detriti spaziali sembra aumentare. L’anno scorso, la ISS ha dovuto per tre volte eseguire manovre di emergenza per evitare collisioni con detriti spaziali alla sua altitudine di circa 400 chilometri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dal lancio dello Sputnik 1 nel 1957, i detriti spaziali si sono accumulati. Secondo un rapporto dell’Agenzia spaziale europea, si stima che 130 milioni di frammenti di materiale antropogenico più piccoli di un millimetro stiano orbitando attorno alla Terra in questo momento. Tale stima non include la polvere spaziale naturale.

Per continuare a beneficiare della scienza, della tecnologia e dei dati che l’operatività nello spazio porta, è fondamentale ottenere una migliore conformità con le linee guida esistenti sulla mitigazione dei detriti spaziali nella progettazione e nelle operazioni dei veicoli spaziali“, ha affermato l’anno scorso Tim Florer, capo dello Space Debris Office dell’ESA. .

Non può essere sottolineato abbastanza: questo è essenziale per l’uso sostenibile dello spazio“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le operazioni di robotica sulla ISS utilizzando il Canadarm2 continueranno come previsto per il prossimo futuro, ha affermato il CSA. Ma entrambe le agenzie spaziali continueranno a raccogliere dati per effettuare un’analisi dell’evento, sia per capire come si è verificato, sia per valutare il rischio futuro.