Attacco alla più grande centrale nucleare d’Europa in Ucraina

Il ministro degli Affari esteri ha avvertito che l'attacco russo potrebbe concludersi con un disastro nucleare, 10 volte più grande di Chernobyl

614

Nel loro tentativo di invadere il territorio ucraino, le truppe russe hanno ora attaccato la più grande centrale nucleare d’Europa, Zaporizhzhia, nell’Ucraina orientale, provocando un incendio nei suoi locali, ha riferito AP News.

Le truppe russe hanno attaccato la città orientale di Enerhodar e la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Il più grande generatore di energia in Europa, l’impianto ha sei reattori e tende a coprire il 20 per cento del fabbisogno energetico dell’Ucraina.

Attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Il sito della centrale ha visto intensi bombardamenti seguiti da attacchi da parte delle truppe di terra, ha riferito Reuters. Secondo un rapporto di AP News, il bombardamento aveva dato fuoco a uno dei reattori, che era in fase di ristrutturazione. In precedenza i vigili del fuoco non sono stati in grado di raggiungere il sito poiché erano stati colpiti da colpi di arma da fuoco e il portavoce della centrale nucleare ha chiesto che il fuoco delle armi pesanti fosse interrotto per consentire l’estinzione dell’incendio.

Tuttavia, nel suo rapporto, Reuters ha affermato che una struttura di addestramento di cinque piani nel sito aveva preso fuoco. In un discorso video, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato gli europei a prendere atto di come la Russia stesse sparando contro una centrale nucleare. La scorsa settimana, le truppe russe avevano preso il controllo del sito della centrale di Chernobyl.

Il ministro degli Affari esteri, Dmytro Kuleba, ha avvertito su Twitter che l’attacco russo potrebbe concludersi con un disastro nucleare, 10 volte più grande di Chernobyl.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I servizi di emergenza ucraini hanno successivamente confermato che l’incendio nel sito è stato estinto senza intaccare le infrastrutture critiche.

Gli analisti nucleari hanno anche dichiarato che i reattori nucleari ucraini non erano gravemente a rischio di attacchi dopo gli aggiornamenti successivi al disastro di Fukushima. I reattori erano protetti da gusci di metallo e cemento in grado di gestire aerei che si schiantavano e sensori avrebbero spento i reattori in caso di attacco grave.

L’American Nuclear Society ha affermato che i livelli di radiazioni dell’impianto erano normali e che la violenta invasione e bombardamento dalla Russia rappresentava una minaccia maggiore per l’Ucraina, al momento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo il rapporto Reuters più aggiornato, le forze russe hanno ora sequestrato la centrale, e la centrale funziona normalmente.

Solo la città portuale meridionale di Kherson è caduta in mano alle truppe russe, mentre altre come Kharkiv e Mariupol sono state pesantemente attaccate ma non ancora conquistate. Le truppe russe sono a 16 miglia (25 km), dal centro della capitale Kiev.