Counter Strike: Global Offensive non è solo uno sparatutto tattico in prima persona

È uscito da 2 lustri, dieci lunghi anni in cui è cambiata la società, l’economia, la storia, il mondo. CS: GO non cambia: continua a raccogliere numeri impressionanti di giocatori simultanei. Nel 2020, ne ha messi insieme, nello stesso momento, un milione, a chiarimento, se mai ce ne fosse stata necessità, che si tratta di una colonna portante dei PVP.

I segreti del successo

C’è chi sostiene che la caratteristica più coinvolgente di questa pietra miliare degli sparatutto è il mantenimento della dinamica di gioco. La sua storia inizia come mod gratuita di un altro gioco che ha fatto la storia di questo genere, Half Life. In seguito, è cresciuto in completa autonomia, con un imponente sviluppo nella parte grafica, mentre il gameplay non ha avuto grandi variazioni: la battaglia continua a svolgersi tra Terroristi e anti-Terroristi, nella lotta infinita tra Bene e Male.

Le tattiche e le strategie

Pur essendo considerato il classico sparatutto, questo gioco richiede una mentalità di tipo logico, in grado di analizzare con rapidità le situazioni e gli eventi. L’opportunità di scegliere il proprio equipaggiamento rende CS:GO un gioco che fa della tattica il proprio punto di forza. Ogni giocatore non può limitarsi a sparare come se non ci fosse un domani, ma deve fare mente locale sulla tipologia di attacco o di difesa che vuole attuare e definire una tattica che esprima il proprio stile di gioco. Queste considerazioni sono particolarmente valide nel caso di partecipazione alla cosiddetta modalità competitiva, mentre nel caso dei giocatori casual, cioè di quelli che amano il gioco in se stesso, anche privo delle battaglie troppo accese, sono possibili modalità più soft.

Veloce, sempre più veloce: Ma lo sei veramente ? Un test per valutarti

Parlando di sparatutto in prima persona, è essenziale essere veloci. Ciascun giocatore ritiene di avere ottimi riflessi e di riuscire a cliccare sempre un attimo prima degli avversari. Per valutare la propria abilità, non è sufficiente iniziare a giocare, andando allo sbaraglio. Esiste un metodo sicuro per valutare oggettivamente la propria abilità e, di conseguenza, poter incrementare il tasso e la velocità dei clic. Esiste un’unità di misura specifica, il CPS, clic per secondo, che misura il numero di clic che riesci a fare nell’unità di tempo.
Lo sapevi che c’è anche un record mondiale che corrisponde al valore di 14,1 CPS? Da giocatore vorrai certamente provare a batterlo. Non ti resta che provare il 
cps test e confrontare il tuo risultato con il record. Avrai così il polso della situazione e un giudizio assolutamente oggettivo sulla tua capacità. Che essa può essere incrementata con la pratica, te l’abbiamo già detto?

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

In Tendenza

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories