Cosa è successo ai siti di test nucleari del mondo?

Le odierne potenze nucleari hanno condotto centinaia di test nucleari in varie località remote del mondo, avvenuti nel corso di decenni

0
2403

Le armi nucleari sono l’apice dell’ingegnosità della nostra specie per la devastazione su larga scala. Sebbene gran parte del loro sviluppo potesse avvenire su carta e in condizioni di laboratorio, presto arrivò il momento in cui si decise di testare le bombe reali sul campo.

A tal fine, le odierne potenze nucleari hanno condotto centinaia di test nucleari in varie località remote del mondo, avvenuti nel corso di decenni. Per fortuna, la maggior parte di questi test è cessata del tutto alla fine degli anni ’90, con paesi come l’India, la Cina e il Pakistan che non hanno fatto più esplodere bombe nucleari da allora.

Naturalmente, i siti di test stessi non sono mai scomparsi e l’eredità della loro esposizione a queste armi devastanti è ancora con noi oggi.

Quanti test nucleari ci sono stati?

Data la potenza pura di queste armi, non dovrebbe sorprendere che siano incredibilmente distruttive per l’ambiente. Oltre ai danni causati dall’esplosione effettiva (calore, onde di pressione, ecc.), le esplosioni nucleari continueranno a danneggiare l’ambiente tramite cose come la contaminazione radioattiva.

Sebbene l’entità del danno iniziale sia direttamente collegata alla potenza o alla resa della testata nucleare, qualsiasi esplosione nucleare ha lasciato una qualche forma di eredità molto tempo dopo che il test è stato condotto.



La maggior parte dei test sono stati condotti in aree remote del mondo, con alcuni luoghi diventati “punti caldi” (per così dire) per un test nucleare. Gli Stati Uniti sono al primo posto quando confrontiamo i paesi che hanno effettuato il maggior numero di test nucleari.  Ad oggi, hanno accumulato un totale di 1.032 test nucleari.

Gli Stati Uniti sono seguiti dall’ex Unione Sovietica con 727 test nucleari.

Questi test variano in natura e, contrariamente alla credenza popolare, non vengono generalmente  eseguiti facendo cadere una testata nucleare dal cielo. In effetti, la maggior parte delle testate nucleari non ha bisogno di colpire il suolo per esplodere come nella maggior parte delle bombe a gravità convenzionali.

Ad esempio, numerosi test nucleari, 528 detonazioni per l’esattezza, sono stati condotti nell’atmosfera (chiamati airburst). Questi sono stati intrapresi per prevenire i danni accidentali causati dalle armi nucleari, ma ci si è presto resi conto che questo metodo causava distruzioni uguali, o peggiori, delle armi esplose al suolo.

Poiché è stato dimostrato che le detonazioni aeree e terrestri causano la diffusione dei materiali radioattivi in ​​altre aree, le detonazioni sotterranee e subacquee sono diventate il metodo più comune per testare le armi nucleari. Sebbene queste limitino il danno distruttivo iniziale delle armi nucleari durante i test, non possono evitare del tutto la contaminazione radioattiva degli ecosistemi locali, delle falde acquifere, ecc.

Qual è lo stato attuale di alcuni dei più famosi siti di test nucleari?

Come abbiamo visto, in passato sono state lanciate parecchie armi nucleari in tutto il mondo. Dei luoghi scelti, alcuni sono stati utilizzati più e più volte. Di solito venivano scelte aree remote (principalmente per questioni di segretezza nazionale), ma praticamente ogni continente ha visto la sua quota di test nucleari nel corso degli anni.

Ma potresti chiederti, dal momento che i test nucleari sono in gran parte cessati per la maggior parte delle potenze nucleari dalla fine degli anni ’90 (la Corea del Nord è l’eccezione), qual è lo stato attuale di questi siti di test?

Diamo un’occhiata ad alcuni degli esempi più famosi.

1. Hiroshima e Nagasaki sono ancora le uniche città colpite da armi nucleari (per fortuna)

test nucleari a nagasaki
Nagasaki è stata devastata durante la seconda guerra mondiale, ma oggi è una città fiorente. Fonte: 663highland/Wikimedia Commons

 

Le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki sono probabilmente due dei luoghi più famosi del Giappone, ma non per motivi positivi. Furono l’obiettivo delle prime armi nucleari mai usate e furono effettivamente spazzate via dalla faccia della Terra nel 1945. Sebbene siano considerati un atto tragico e controverso, questi attacchi sono principalmente accreditati come il motivo principale della resa dell’Impero giapponese e la fine della seconda guerra mondiale dopo la vittoria in Europa.

Le bombe (“Fat Man” e “LittleBoy”) avevano rendimenti modesti per gli standard odierni, ma hanno scosso il mondo letteralmente e in senso figurato quando sono esplose. Queste armi sono state così devastanti che le nazioni da allora hanno evitato di usarle in guerra.

Hiroshima fu colpita il 6 agosto 1945 e morirono all’istante circa 70.000 persone. Si stima che altre 70.000 furono gravemente ferite e morirono subito dopo e gran parte della città fu effettivamente rasa al suolo. Subito dopo, il bilancio delle vittime è arrivato vicino a 200.000 a causa dell’avvelenamento da radiazioni. Quasi tutti erano civili.

La bomba ha causato una devastazione totale per oltre sette chilometri quadrati, con quasi tutti gli edifici della città distrutti o danneggiati. Oggi, i livelli di radiazione sono diminuiti in modo significativo e sono più o meno equivalenti ai livelli di fondo previsti in qualsiasi parte della Terra. Quelle parti devastate dalla bomba sono state ricostruite e ora sono rioccupate.

Nagasaki è stata bombardata poco dopo Hiroshima e ha prodotto un’esplosione di circa 22 kilotoni. 40.000 persone morirono sul colpo, con altre 60.000 circa gravemente ferite, e molte di questi morirono poco dopo. Nell’esplosione, 14,5 chilometri quadrati della città furono distrutte. Si pensa che circa 225.000 persone siano morte a causa o come conseguenza diretta dei bombardamenti.

Come Hiroshima, Nagasakiè stata in gran parte recuperata e ricostruita, con livelli di radiazioni significativamente ridotti e sicuri.

2. Il  Nevada Test Site  ha dato il via a tutto

siti di test nucleari nevada
Immagine di una casa modello usata durante uno dei test nucleari in Nevada. Fonte: governo federale degli Stati Uniti/Wikimedia Commons

 

Istituito per la prima volta dal presidente Truman nel 1950, il Nevada Test Site ha visto 1.021 test nucleari atmosferici e sotterranei tra il 1951 e il 1992. Gestito dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, questo sito si trova a circa 105 km a nord-ovest di Las Vegas.

I test sono stati modesti all’inizio, con bombe a gravità su piccola scala lanciate in modo quasi sconsiderato. Più tardi, negli anni ’50, furono condotti così tanti test che i funghi atomici, che potevano essere visti fino a circa 150 chilometri di distanza, divennero effettivamente un’attrazione turistica.

Las Vegas ha spesso sperimentato notevoli vibrazioni del suolo durante i test. Tuttavia, e cosa più sinistra, i venti occidentali hanno portato regolarmente le ricadute dei test nucleari nelle zone circostanti. In effetti,  lo studio degli effetti della ricaduta nucleare è stato uno dei motivi per cui sono stati condotti così tanti test sul sito. Ciò ha comportato un aumento significativo dei tumori nelle aree colpite, tra cui leucemia, linfoma, cancro alla tiroide, cancro al seno, melanoma, cancro alle ossa, tumori al cervello e tumori del tratto gastrointestinale dagli anni ’50 in poi.

L’ultima bomba è esplosa nel 1992.

Oggi il sito è regolarmente monitorato per i livelli di contaminanti radioattivi, con risultati pubblicati ogni anno dal Dipartimento dell’Energia. Viene anche utilizzato per i programmi di difesa della National Nuclear Security Administration, la ricerca industriale e gli sforzi di sviluppo.

3. L’isola di Amchitka si è ampiamente ripresa oggi

test nucleare amchitka
Fonte: US Fish and Wildlife Service/Wikimedia Commons

 

L’isola di Amchitka si trova nelle isole Aleutine dell’Alaska ed è stata il luogo di test nucleari per alcune delle prime bombe all’idrogeno americane. Il sito è stato utilizzato per tre test nucleari sotterranei e l’eredità di questi test interessa ancora oggi l’area. Il primo di tre test nucleari condotti lì nel 1965 fu il Long Shot, una bomba da 80 Kiloton. Il secondo è stato il test nucleare di Milrow, una bomba 10 volte più potente di Long Shot ed è stata fatta esplodere nel 1969. L’esplosione sotterranea ha innescato una serie di piccoli terremoti e massicce frane.

Dopo questi due test, il sito nucleare è stato segnalato dagli ambientalisti per la fuoriuscita di scorie radioattive, cosa che è stata smentita dal Consiglio per l’energia atomica e dal Pentagono. Gli avvertimenti sono caduti nel vuoto; il test nucleare più significativo, il Cannikin Nuclear Test, ebbe luogo il 6 novembre 1971. Questa bomba era di circa 5 megatoni, il che la rendeva circa 385 volte più potente della bomba sganciata su Hiroshima.

Questa detonazione è stata così grande che ha causato un terremoto del settimo grado della scala Richter. L’esplosione ha anche creato sull’isola un cratere di 18 metri. L’esplosione ha provocato la morte di migliaia di lontre, uccelli e altri mammiferi in via di estinzione. Ha rotto la crosta terrestre, risucchiando il White Alice Creek in un cratere acquifero radioattivo nuovo di zecca.

I campioni di sangue degli abitanti del villaggio Aleut di Adak su un’isola vicina hanno rivelato alti livelli di trizio e cesio-137 (particelle radioattive), entrambi noti agenti cancerogeni, nel loro flusso sanguigno. Ulteriori indagini hanno scoperto che anche 1.500 membri del personale del test furono fortemente contaminati e colpiti dalle radiazioni della bomba.

L’ impianto di Amchitka è stato chiuso nel 1971 e viene regolarmente valutato per potenziali danni ambientali. Ricercatori indipendenti trovano regolarmente alti livelli di radiazioni nell’area, cosa che il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti nega.

4. Il “Pacific Proving Grounds” ha davvero preso a pugni

siti di prova nucleare del pacifico
L’esplosione di “Baker” sull’isola di Bikini. Fonte: Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti/Wikimedia Commons

 

Le Isole Marshall furono un luogo privilegiato per i test nucleari statunitensi, vi furono condotte una serie di detonazioni terrestri, atmosferiche e subacquee. Una delle bombe testate nel cosiddetto “Pacific Proving Grounds” è stata la prova di Castle Bravo. Ciò ha coinvolto la più potente testata nucleare termonucleare che l’America aveva creato fino a quel momento. L’esplosione è stata più di due volte e mezzo maggiore del previsto e ha causato livelli di ricadute e danni molto più elevati del previsto.

La bomba utilizzata nel test è esplosa con una potenza 1.000 volte maggiore di quella usata esplosa su Hiroshima nel 1945. Con la detonazione della bomba di Castle Bravo nel 1954, i detriti radioattivi si sono diffusi su 7.000 miglia quadrate, contaminando le isole vicine, il personale di servizio statunitense e l’equipaggio di un peschereccio giapponese che si era smarrito inosservato nella zona di sicurezza. L’esposizione alle radiazioni ha portato all’evacuazione dei residenti della vicina isola di Rongelap, che non sono mai tornati.

Un monitoraggio ambientale condotto nel 1978, ventiquattro anni dopo la detonazione Bravo, ha rilevato che la vita vegetale e marina nelle isole vicine conservava ancora una quantità allarmante di radiazioni. Tra gli anni 1977 e 1979, circa 4.000 soldati americani furono inviati nelle isole per decontaminare i 43 siti di test nucleari del “Pacific Proving Grounds”.

Tuttavia, a molti soldati furono successivamente diagnosticate malattie gravi come varie forme di cancro e altre condizioni di salute come le ossa fragili. Ci sono anche segnalazioni di figli nati con alti tassi di disabilità congenite. Oggi, solo le isole Enewetak e Utirilk hanno popolazioni umane di dimensioni sostanziali. Tuttavia, molte aree vicine a questi centri abitati sono ancora oggi molto radioattive.

5. Semipalatinsk ha visto centinaia di test nucleari in passato

siti di test nucleari semay
La città di Semay dallo spazio. Fonte: NASA/Wikimedia Commons

 

Semipalatinsk , precedentemente noto come Semay, era uno dei siti di test nucleari preferiti dall’Unione Sovietica. Situata a nord-est del Kazakistan, questa località ha visto 456 test nucleari tra il 1949 e il 1989 come parte del programma nucleare sovietico.

I veri campi di prova si trovavano a circa 150 km dalla città e il programma attirò le menti più brillanti dell’Unione Sovietica per decenni. Poca cura o attenzione è stata data alla salute del personale e dei civili nelle vicinanze, molti dei quali hanno ricevuto orribili dosi di radiazioni. I test hanno portato quasi 1,5 milioni di persone in Kazakistan a essere colpite dalle radiazioni nucleari. A molti della popolazione è stato diagnosticato un cancro e altre gravi malattie. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, il Kazakistan è stato riconosciuto come paese separato.

Più o meno nello stesso periodo, si supponeva che la contaminazione del terreno dovuta al deposito di scorie nucleari fosse diminuita, ma rimase in gran parte intatta. Successivamente, le persone hanno cercato dai siti di prova parti di metallo da vendere, esacerbando ulteriormente la diffusione delle radiazioni in tutta l’area. Nel 2002, i ricercatori hanno riferito che i figli delle persone direttamente esposte ai test nucleari avevano un tasso di mutazione germinale superiore del 50% rispetto ai gruppi di controllo.

Dalla caduta dell’Unione Sovietica, alcune delle aree in questione sono state in gran parte ripulite. Tuttavia, altri siti sono ancora fortemente contaminati, soprattutto con livelli significativi di plutonio.

6. A Ekker, in Algeria, i francesi giocavano con le armi nucleari

siti di test nucleari in ekker
Fonte: ICAN

 

Tra l’inizio e la fine degli anni ’60, i francesi testarono circa 13 ordigni nucleari in un luogo chiamato Ekker in Algeria, all’epoca ancora parte dell’impero francese.Questi test furono condotti principalmente sottoterra.

Le bombe furono fatte esplodere presso l’Oasis Military Experiments Center vicino a In Ekker. Situato a Tan Afella nelle montagne Hoggar, il sito era gestito dal gruppo operativo francese per gli esperimenti nucleari (GOEN), un’unità di comando congiunto di armi speciali. Le prime armi nucleari francesi sono state testate qui e i test variavano da diversi kilotoni a oltre 30 kilotoni. Quelle bombe fatte esplodere sottoterra furono soprannominate in onore di varie pietre preziose, mentre alle poche bombe a gravità o bombe montate su torri (circa 5 del totale) furono date variazioni del nome “Pollen”.

Tra il 1964 e il 1966, l’esercito francese condusse anche cinque esperimenti di dispersione del plutonio, nome in codice “Plutone”. Progettato per simulare un incidente con una bomba al plutonio, il materiale radioattivo è stato intenzionalmente lasciato disperdere dai venti del deserto per studiare l’impatto della ricaduta radioattiva.

Il test portò a una diffusa contaminazione radioattiva del suolo, dell’aria e delle sorgenti idriche sotterranee. Centinaia di membri del personale e gli abitanti del posto furono esposti a grandi quantità di materiale altamente radioattivo.

Esistono prove aneddotiche di livelli elevati di cancro, cataratta, infertilità e altri effetti dell’esposizione alle radiazioni che sono stati segnalati nella popolazione locale. Tuttavia, non c’è ancora stato uno  studio epidemiologico organizzato per negare o confermare questo. Ad oggi, quelle vittime non sono state adeguatamente risarcite e l’entità della contaminazione radioattiva non è stata valutata.

Oggi, su gran parte del sito di test sono rimaste terre desolate radioattive e alcune recenti cause legali sono riuscite a ottenere un risarcimento per il personale che ha lavorato nel sito di test.

7. Il sito di test nucleari Punggye-ri della Corea del Nord è una bomba a orologeria ambientale

test nucleari in Corea del Nord
Fonte: Nicor ​​/ Wikimedia Commons

 

L’unica nazione che ha recentemente intrapreso test attivi sulle armi nucleari è la Corea del Nord. Nel loro sito chiamato Punggye-ri, la Corea del Nord ha testato armi nucleari in una speciale struttura sotterranea. Questa posizione ha fatto notizia alcuni anni fa dopo che ha dovuto essere chiusa quando il terreno intorno al sito di test è diventato instabile a causa dei ripetuti test nucleari. Un test nel 2017 ha effettivamente causato un terremoto di magnitudo 6,3 della scala Richter.

Altri terremoti sono seguiti nella settimana successiva,  provocando un crollo quasi verticale del terreno. Il sito del test si trova a soli 100 chilometri dal confine  cinese e le città di confine cinesi hanno subito eventi sismici a causa dei test, costringendo l’evacuazione di scuole e uffici. Nel 2018, la Corea del Nord ha annunciato la chiusura del suo impianto di test nucleari e sospeso i test sui missili balistici nucleari e intercontinentali. Tuttavia, gli esperti suggeriscono che la Corea del Nord si stia preparando a riprendere i test.

Poco altro si sa davvero sull’entità dei test nucleari in Corea del Nord. Tuttavia, è dubbio che i terremoti siano gli unici costi ambientali della loro ricerca e sviluppo.

Oggi, i test nucleari sono stati interrotti, principalmente grazie ad accordi multinazionali come il  Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari. Firmato dalla maggior parte delle nazioni del mondo (ma non dalla Corea del Nord), questo trattato impegna tutti i firmatari a non far esplodere armi nucleari per la ricerca. Il trattato è stato redatto nel 1996. Tuttavia, non può entrare in vigore se non è  firmato e ratificato da 44 nazioni specifiche, otto delle quali, ad aprile 2022, non hanno ancora ratificato il trattato:  Cina, Egitto, India, Iran, Israele, Repubblica Democratica Popolare di Corea, Pakistan e Stati Uniti.

Con le tensioni globali che salgono a livelli mai visti dagli abissi della Guerra Fredda, possiamo solo sperare e pregare che i test nucleari non alzino ancora una volta la loro brutta testa.

2